Neutrini e dintorni

5358

Ma quant’è bello veder il Milan! Non mi sembra neanche vero. Quell’orribile gioco lento e orizzontale, che mi toglieva il piacere di guardare la partita, non c’è più. Deo gratias! Ora si vedono trame verticali. Addirittura a volte si esagera nella ricerca immediata della profondità, commettendo nei passaggi errori dettati dalla frenesia. A me va bene così. Io sono una che non impazziva per l’impostazione tattica del Barça di Guardiola….. E ho detto tutto. Per me la linea migliore per congiungere due punti è retta. Non sono sensibile al fascino di volute e arabeschi. La squadra mi fa divertire e ho l’impressione che anche i ragazzi in campo si divertano. Non facciamo voli pindarici, però. Godiamoci questi momenti e stiamo con i piedi per terra. Domenica ci aspetta l’Udinese e sarà dura. Ma cosa posso farci, se adesso non vedo l’ora che arrivi la nostra partita? Come posso tenere a freno fremiti, palpiti e pizzicorini che mi trafiggono dolcemente e piacevolmente? Cari neutrini, mie piccolissime particelle elementari prive di carica. Voi passerete pure a miliardi attraverso il mio corpo in un minuto. Non lo discuto. Ma non interagite con me. Il Milan, invece, attraversa e scuote ogni fibra del mio essere. Prima, durante e dopo le partite.

Franco vice di Franck.

Il mio pre è intriso di calcio giocato e non. Smaltisco l’amarezza per il pareggio con la Roma, che ci sta molto stretto. Sospesi per due turni Giacomelli e Nasca. La sanzione mi sembra troppo lieve, soprattutto per l’ineffabile uomo del Var. Non guardo gli Orrendi. Pensavo giocassero alle 21. Il loro pareggio mi provoca una piacevole sorpresa. L’Atalanta rimonta nel secondo tempo due gol di svantaggio. La cosa non mi spiace. Il mio interesse si sposta verso la nostra Assemblea dei Soci, che certifica l’enorme buco di bilancio. Il più profondo della nostra Storia. Io ho una certa dimistichezza con i numeri. Amo, però, la Matematica degli infiniti e degli infinitesimi. Non quella attuariale. 379 milioni di costi. Le spese per gli stipendi sono 169 milioni. Elevate, per carità, ma pari a poco più del 40% dell’ammontare complessivo. La faccenda mi sembra un po’ strana. Spero e credo che ammortamenti e svalutazioni siano caricati su questo bilancio, per alleggerire il prossimo. E che, con lo stesso scopo, siano stati scarnificati i magri ricavi, con la tranche dei diritti televisivi posticipata. La sensazione, insomma, è che si vada verso un settlement agreement, nel quale i riflettori Uefa vengano accesi sul bilancio 2020-21. Purtroppo, però, non ho certezze. Franco Baresi vice presidente. Bene. Una spolverata di suggestioni romantiche non guasta. Seguo la partita dei Gobbi con il Barça. Non vi dico per chi tifo, ma l’andamento della gara mi lascia piacevolmente soddisfatta. WhatsApp in arrivo, Secondo il nuovo DPCM il Bar-Cellona doveva chiudere alle 18. Chiesto il 3 a 0 a tavolino. Rido a crepapelle. Una Lazio decimata strappa un buonissimo pareggio a Bruges. Poche storie, comunque.. Ho una grande, clamorosa voglia di Milan.

La formazione mi piace, Stefano. Tata? L’avrei confermato anch’io, nonostante tutto. Brrrrr!!!!!! Il turnover è necessario. Non fosse per il terrore che mi ispira Duarte, avrei fatto riposare Kjaer. E pure Ibra, inserendo Leao. Già, ma vai dirlo tu a Zlatan. A proposito, bello il suo spot sul Covid. Peccato che Rebic non possa nemmeno sedere in panchina. Approvo l’impiego di Casti. Saele sarà fresco per Domenica. Prima si pensava che i neutrini non avessero una massa. Ora pare assodato, invece, che ce l’abbiano, pur se piccolissima. Ecco, lo dico per gli agnostici, anche il fenicottero Samu una massa ce l’ha. E stasera lo dimostrerà con il suo impatto sulla gara. Sono curiosa di vedere come se la cava Dalot a sinistra. Tata non può essere la sciagura vista contro la Roma, dai. Sarà stato bloccato dall’emozione. Non giocava da una vita. Il primo madornale, pazzesco errore l’ha destabilizzato psicologicamente. Forza Tata! A che punto sei, Gigio? Mentre miliardi di miliardi di miliardi di neutrini scorrazzano per il mondo senza essere percepiti, la partita comincia. E io la percepisco. E come!

Bel servizio lungo per Benna che va sul fondo. Dietro bene per Krunic. Destro da dimenticare, che va alto. Ottimo lancio di Kjaer per Casti. Premiata la sovrapposizione di Calabria! Cross. Ibra di testa oltre la traversa. Zlatan, pescato in profondità, la addomestica di petto, appoggiandola a Brahim. Il tiro viene respinto da un difensore. Tata blocca in uscita una palla facile proveniente da una loro punizione laterale. Bene! Brahim ringhia su un avversario e gli sottrae il pallone. Zlatan lo porta via e va sulla destra. Poi serve ancora Brahim, che si è catapultato in area. Stop di sinistro. Rientro sul destro, eludendo un difensore. Gooooooolllllllllll!!!!!!!!!!! Sììììììììììì!!!!!!!!!!! Gran lancio per Krunic proiettato verso l’area. Pallonetto per superare il portiere in uscita. Heca respinge. Cross di Isma dalla trequarti. Un difensore si aggrappa ad Ibra. Rigore ineccepibile. Zlatan sul discetto. Parte alta della traversa vicino all’incrocio, nella direzione opposta rispetto a quella in cui lui calcia sempre. Mannaggia…. Duplice fischio. Tutti negli spogliatoi.

Il primo tempo è stato piacevole e l’ho apprezzato. Peccato per l’ennesimo rigore sbagliato da Ibra. Io, però, sono tranquilla. La nostra superiorità è evidente. Grandissimo Benna! Enorme Kjaer. Passi avanti per Tonali. Dai, che si ricomincia! Rientriamo con Leao al posto di Zlatan. Il riposo del guerriero. Bene. Udine è dietro l’angolo. Tonali parte in contropiede. Palla al bacio per Leao che spara sul portiere in uscita. La respinta arriva a Sandro. Sinistro dal limite! Ancora Heca. Noo!!!!!! Lancio lungo per Rafael, che stoppa e porge a Casti. Samu rientra e tira. Alto. Splendida apertura di Isma per Dalot. Diogo galoppa sulla sinistra e la mette meravigliosamente dentro rasoterra di esterno destro. Troppo facile per Leao gonfiare la rete. Sììììììììììììì!!!!!!!!!!!! Azione fantastica. Tre passaggi per andare in gol. Proprio come piace a me. La bellezza della semplicità. Adoro il minimalismo delle emozioni allo stato puro. Kjaer recupera palla nella nostra area e si lancia in avanti con il piglio del guerriero inarrestabile. Peccato se la allunghi, perdendola. Ma Simon è un grande. Bellissimo lancio di Benna per Dalot! Diogo si presenta davanti a Heca e lo trafigge! Sììììììììì!!!!!!! Altra fantastica azione verticale. Sono ai sette cieli. Entra Conti per Calabria. Forza Andrea! Giochiamo davvero bene, divertendo e divertendoci. Lo Sparta è molto debole? D’accordo, ma quante figure di palta abbiamo fatto in passato con avversari modesti? Duarte e Kessie sostituiscono Romagnoli e Benna. Poi viene dato qualche minuto anche a Daniel Maldini, che subentra a Krunic.

Pratica Sparta evasa con disinvoltura, facendo un giusto turnover. Bene! Ora siamo primi da soli nel girone. Il Celtic si è fatto rimontare il doppio vantaggio, ma è comunque riuscito a inchiodare il Lille sul pareggio. Non ho parole per commentare la splendida prestazione di Isma. Kjaer è là, nell’empireo. Molto buona anche la prova di Dalot. Mi ha rincuorato, vista l’assenza di un terzino sinistro in organico. Peperino Brahim si fa sentire. E come! Calabria ora riesce a mettere pure dei bei cross. Leao ha doti davvero immense. Sta a lui sfruttarle appieno. Io pensavo fosse una seconda punta. Quando gioca da centravanti, però, segna molto spesso, eh! Doppietta allo Spezia e gol allo Sparta. L’acquisto di un vice Ibra non sembra poi così indispensabile. Ti aspetto con una certa frenesia, Ante. Ma capisco che devi andare cauto. Il gomito è molto delicato. Tonali è in ripresa. Io ho grande fiducia in te, Sandro. Clean sheet per Tata. E ora vediamo se avete ancora il coraggio di lamentarvi di lui, ragazzi. Torna presto, Gigio. E anche tu, Jens Petter. I neutrini corrono velocissimi dappertutto, non conoscendo ostacoli. Sono indifferenti alle sorti del Milan, loro. Alcuni Fisici dicevano di aver trovato riscontri sperimentali secondo i quali raggiungevano e superavano la velocità della luce. Mai creduto a questa bufala. Manco possono uguagliare c, se hanno una massa. Frustrata da anni di mortificazioni, non credevo neppure di poter vedere un Milan con un gioco veloce e verticale. Il miracolo si è avverato! Speriamo che duri. Perchè dobbiamo giocare a Udine alle 12.30, maledizione al secchio? Meno di tre giorni di riposo. Non è giusto! Non illudiamoci. Al Friuli sarà dura per noi. Ma questa squadra bella e divertente, che diventa sempre più consapevole dei propri mezzi, ce la può fare. Pretendo un arbitraggio equo. L’emozione continua, alla faccia di neutrini, gufi e affini. Zlatan, ho quasi paura a dirtelo. Il Presidente tira i rigori meglio di te. Forza Milan!

Chiara

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.