Betelgeuse

7583

E, mentre non si sa come vadano le cose su Betelgeuse, arrivò il giorno del raduno. Nessuna faccia nuova. Maignan è in vacanza post Europei. Pochi ma buoni? Insomma…. Entusiasmo? Scarso. Era alle stelle a qualificazione Champions raggiunta. Poi è scemato. C’è stato un bagliore al riscatto di Tomori. Trattativa per Tonali estenuante. E’ finita bene? Meno male. Ottimo il risultato economico ottenuto, aggiungendo sconti a sconti pure sull’ingaggio. Sì. Ma lo stillicidio continuo e micragnoso ha fiaccato il mio morale. Brahim Diaz per il quale, comunque, non impazzisco, arriverà, dicono. Intanto si allena con il Real. Hauge e Pobega sono lì per fare numero. Saranno venduti a cifre non certo appetibili in omaggio alle plusvalenze. Non è possibile farle per Casti. E, quindi, lui rimarrà. Come Leao. Non ci vuole un’aquila per capire che il Chelsea ha rinnovato a Giroud per non lasciarlo partire a zero anche fuori dall’Inghilterra. Perciò o siamo disposti a tirar fuori qualcosa per il cartellino o lasciamo perdere. Kessie è con la sua nazionale olimpica. Poi a Gennaio partirà per la Coppa d’Africa. Il rinnovo? Bah! Vorrei tanto si decidesse in fretta. Non ne posso più dei soliti tempi biblici. Rinnovo, come spero, o cessione. Arrivare a perdere anche lui a zero l’anno prossimo sarebbe da deficienti. Lo stesso discorso vale per Romagnoli. La speranza è che lui possa essere ceduto. Il suo sostituto? Caldara. Anche Kalulu può giocare da centrale. I soldi dobbiamo spenderli altrove. Raiola vuole cimentarsi nel consueto giochino? Ok. Allora panchina e tribuna. Sembra che si sia trovato l’accordo con Calabria. Bene! Ci vuole pazienza, dice il saggio. Be’, io non ne ho molta. Signore, ti prego, dammela tu. Ma vedi di sbrigarti. Cos’è la pazienza in fin dei conti? Secondo me una sottomarca di virtù che aiuta i mediocri a ottenere modesti risultati.

Due ragazzi che mi piacciono un sacco.

50 milioni abbiamo speso. E siamo stati gli unici. E’ vero. Il dato è inoppugnabile. Però allo stato attuale siamo più deboli dello scorso anno. Com’è possibile con un meno 50? Be’, si tratta dell’effetto dei prestiti e della riprovevole condotta dell’indegno innamorato del suo rotondo compagno di merende. Il Mercato è lunghissimo? D’accordo. Ma arrivare al raduno con tanti buchi nell’organico non è un bel segnale. E’ durante la preparazione che si impostano moduli e si rodano schemi. Andremo ancora di 4-2-3-1, Stefano? Penso di sì. Se me lo confezioni con Casti esterno destro, sei da impalare. Un po’ di flessibilità e fantasia, perbacco! Tonali e Pobega non possono fare i  centrali. Sono mezze ali e così dovresti impiegarli. Hauge? A te non piace. A me, invece, sì. E, a torto o a ragione, ti imputo la colpa di non averlo saputo valorizzare. Tu sei allenatore e io no. Tu vedi i giocatori e io no. Dovrei avere fiducia in te? Insomma….. Col centrocampo a 3 si deve mirare a un trequartista offensivo che porti una buona dote di gol. Con quello a 2 bisogna puntare su un Sabitzer. E i gol si chiedono agli esterni. Non certo, quindi, a Saele e Casti. Tadic? Magari. Ci hanno pensato lui e l’Ajax a chiudere il discorso. Isco? Mi piacerebbe sapere in quali condizioni si trova. Jovic? Improponibili prestiti con ingaggi importanti che non possono beneficiare del Decreto Crescita. Sono veramente stanca ed estenuata da questo Mercato. Ed è solo l’inizio. Non ha senso rincorrere le voci. Siamo sotto di 50 cocuzze, ma, se si vuole avere una squadra in grado di entrare stabilmente in Champions, bisogna investire ancora. E vendere con criterio. Tra i numerosi buchi della nostra rosa sento annoverare il terzino destro di riserva. Perchè, se abbiamo Kalulu e Conti? E’ l’alternativa a Theo che ci manca.

Siamo a – 50. Elliott ha molto freddo.

La stella Betelgeuse ha riacquistato la luminosità che aveva inopinatamente e misteriosamente perso. I Fisici ipotizzavano che fosse sul punto di esplodere in una Supernova. Stadio successivo stella di neutroni o buco nero. E’ dal periodo del basso impero berlusconiano che noi abbiamo perso la nostra luminosità. Uno sfascio tecnico ed economico devastante e incredibile. Una roba da buco nero. I gas espulsi da Betelgeuse, raffreddatisi, hanno prodotto una coltre di pulviscolo capace di attenuare la luce in uscita. I miasmi provenienti dalle nostre antiche stanze dei bottoni hanno offuscato la luce del nostro Milan. La Champions è stato un bagliore che mi ha ridato vita. Ora…. Ho fiducia in Elliott? Insomma…. Ho fiducia in Madini? Sì. Ma non basta. Io capisco che i Singer, a differenza di Paolo, abbiano solo interessi economici nel Milan. Mi pare, però, che per un club i risultati sportivi abbiano anche un’importante valenza finanziaria. Azzerare i debiti? Per farlo in fretta, si deve mortificare la cifra tecnica della squadra. E questo porta fatalmente a minori introiti, innescando un tremendo circolo vizioso. Bah! Sono inquieta e preoccupata. Credevo che la qualificazione Champions mettesse in moto il volano della risalita. Adesso ho più di qualche dubbio. Siamo a -50. Sì, ma bisogna fare ancora qualche investimento. Noi, purtroppo, siamo partiti da condizioni di inferiorità tecnica rispetto agli altri. E abbiamo pure perso due titolari.

Gli Orrendi se la passano malissimo, dicono. Be’, sono dei geni. Comprano senza pagare, congelano gli stipendi e vincono lo scudetto. Nessuno ha niente da obiettare. Il Real è comprensivo per Hakimi. Leonardo pure. Così loro godono gratis delle prestazioni del giocatore. Poi lo vendono al Paris, incassando 70 milioni. Et voilà! Pagano i 40 milioni pattuiti al Real e gliene restano in tasca 30. C’è qualcosa che non va. O no? Non ho ancora parlato della Nazionale. Sono indubbiamente contenta che sia arrivata in finale. E spero che la vinca. Però, forse anche per il fatto che, senza il mio Ben, mi trovo in un momento personale un po’ …. così, non riesco ad entusiasmarmi per gli Azzurri. Forse inciderà anche il rancore che nutro verso Zizzo. Quando vedo l’indegno, ora capace di rilasciare pure interviste, vengo assalita dal disgusto. Comunque, Forza Italia! Cara stella Betelgeuse, non so come vadano ora le cose da te. Capirai, disti più di 700 anni luce. E anche tu sulla Terra hai informazioni risalenti a 700 anni fa. Non sai ancora nulla del Milan, di quanto è stato grande, delle preoccupazioni che ci dà. Speriamo che tu tra svariate centinaia d’anni venga a sapere che noi cuori rossoneri, come è accaduto anche a te, dopo la grande attenuazione abbiamo ritrovato la nostra luminosità. Scusa, Società, che mi dici dello staff atletico e medico? Ti sei accorta che qualcosa non ha funzionato la stagione scorsa? Forza Milan!

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.