A 9 secondi

2769

Mancavano solo 9 secondi allorquando il redivivo Andrè Silva girava in porta un tracciante dell’altro redivivo Suso. Per nove secondi sono stati rimandati i processi sommari e le impiccagioni con le corde già saponate. Nove secondi e tutto quanto fatto di buono da Gattuso e i suoi ragazzi sarebbe stato messo in discussione dai soliti servi della vecchia gestione e dai soliti forcaioli. Nel girone di ritorno il Milan ha fatto 22 punti su 24 e sarebbero stati 24, cioè filotto completo se ad Udine non fossimo rimasti in 10. Non sono un fissato delle statistiche, quindi non so come siamo posizionati nel campionato parziale, ma tanto mi basta per sostenere che la squadra non era poi così squinternata come i personaggi di cui sopra hanno detto, scritto e urlato. Specialmente dopo la batosta di coppa, dove abbiamo totalmente sbagliato approccio e partita, con tanti e troppi giocatori giovani e altri sotto tono, si è scatenata la solita lagna dei 239 milioni e del mercato sbagliato a metà se non per intero.

Macchie gialle di vedovite…

In pratica abbiamo recuperato moltissimo sulle squadre di testa, guadagnato una finale di Coppa Italia, battuto le due romane e la Lazio, in particolare, ripetutamente, vinto un derby di coppa, ma non basta mai. Solo perchè sono stati spesi 239 milioni dovevamo essere primi con 20 punti di distacco sulla seconda. Scusate ma il Manchester City quanti ne ha buttati di soldi per ritornare in auge? E’ difficile capire che non è la stessa cosa degli scorsi anni dove bisognava ricominciare daccapo senza una base di giovani talenti su cui lavorare? Adesso aspetto gli scienziati della minkia, adesso finalmente servite a qualcosa, visto che il prossimo anno basteranno altri acquisti mirati. Io spero che nella vostra vita le cose vadano sempre bene, che non vi capiti mai una contrarietà, perchè a leggere certi commenti negativi di questo periodo c’è veramente da disperarsi. Trattano Reina, un parametro zero. Apriti cielo, suicidi di massa, gente che si butta dai cornicioni, altri si avvelenano lasciando messaggi di disperazione.

E allora? Se l’uso dei parametri zero, per giunta anche paracarri, fosse un uso massiccio e sconsiderato, come amava fare il Condorasino, allora sarei il primo ad attaccare pesantemente. Invece io aspetto il quadro definitivo, non il singolo beagle di un dipinto sulla caccia alla volpe che si trova isolato in basso a destra. Non c’è niente da fare, l’incertezza, il negativismo, il pessimismo regnano sovrani; se esce un nome piovono commenti di chi lo ha visto giocare in qualche improponibile campionato anglosassone, tutti scienziati, tutti fenomeni. Del resto ne compri 11 di cui uno è Borini e le pistolettate alla tempia si sono sprecate. Io non vi capisco, ma da quanto tempo era che non ci emozionavamo così? E cazzo godetevi questo momento! Io li immagino in un bel 69 con la propria moglie, compagna e amante e nel momento clou…”ah no aspetta, qui sta per arrivare Reina e rischiamo di ricadere nel baratro perchè vuol dire ridimensionamento, vuol dire parametri zero, vuol dire che l’anno prossimo prenderemo solo scartine”. Che poi sono gli stessi che ancora piagnucolano per Deulominkia (fenomeno da squadra inglese di ottava categoria), Kuco Muco che furoreggia in Turchia e Pasalic i cui pezzi vengono venduti all’asta su Ebay. E non voglio minimamente toccare il discorso societario, dove le cazzate sentite in questi mesi si sono rivelate solo ed unicamente cazzate! Nonostante altre migliaia di suicidi anche su questo argomento.

Perfino le pagelle di Max hanno gettato nello sconforto alcuni. Max è uno che non fa mai sconti, anzi è peggio di qualche insegnante di latino e greco degli anni 50. In questi mesi ha rimandato e bocciato praticamente tutti, eppure ieri saltava come un bimbo ebbro di felicità, felicità che ha riversato nei voti. Non va bene, riguardati la partita, hai esagerato e bla bla bla bla bla. Ma solo io cazzo ho urlato al balcone che ancora cercano le mie corde vocali con i cani molecolari? Solo io ho professato ottimismo e speranza fino alla fine, seguendo la parabola di Suso che Silva ha magistralmente girato in porta? Ecco lo so cosa state pensando, adesso Silva è un grande acquisto perchè ha segnato ieri? No, non lo è, ma se guardo al momento in cui doveva fare gol, se guardo alla fattura del gol (non certo un tocco ad un metro dalla porta) se guardo a tutto questo spero che lo diventi. Se prendi un parametro zero non va bene, se scommetti su un ragazzo di talento non va bene lo stesso. Non abbiamo stadi, non abbiamo sceicchi, se non scommettiamo su qualcuno restiamo a secco. Allo stesso tempo ormai Kalinic è conclamato come acquisto bidone e anche Musacchio ancora non ha reso. Forse il secondo deve ancora trovare spazio e continuità, ma con questo Bonucci e con questo Romagnoli sarà veramente dura. Amen, chi se ne frega.

Silva sarà un buon acquisto quando ripeterà quanto di buono visto ieri sera, ma a me è bastata la gioia della squadra che lo ha sepolto, a me è bastato il suo modo di festeggiare o vi devo ricordare come “festeggiavano” i Balotelli o i Menez, offesi dal loro stesso gol, ingiuriati dall’aver segnato essi stessi. Ti facevano un favore. Finalmente gente che segna e che corre. Ieri la prestazione è stata nettamente inferiore a quelle del recente passato, ma se una squadra vince quando gioca male…forse vuol dire che comincia finalmente ad essere proprio una compagine a tutti gli effetti. Va detto che questo Genoa, quello di Ballardini, non prende gol facilmente e non fa giocare gli avversari di turno. A me il turco non è dispiaciuto e non ero favorevole al cambio, ma il risultato dice l’esatto contrario e va bene lo stesso. Io continuo a vedere un grande gruppo con un grande Capitano, quello che non poteva farlo perchè…lo sa solo Iddio perchè. Eppure la squadra ha una solidità difensiva indiscutibile. Servono soluzioni diverse in attacco, servono, a parer mio, due punte, servono delle varianti…perchè non sempre peschi il jolly a 9 secondi dalla fine.

Concludo con le notizie che filtrano da Vedovia, città di morti viventi scampati al bombardamento di Staminkia. In questi giorni i ribelli che si sono asserragliati avevano guadagnato alcuni metri, tentando una controffensiva dopo la sconfitta di coppa. Alcuni addirittura volevano imitare Patton e attaccare senza tregua, ma i bombardamenti degli alleati casciavit-cinesi li hanno ricacciati indietro. Adesso il cibo comincia a scarseggiare e si parla di casi di vedovite gialla, con macchie regimental su sfondo ittero. Aggiungasi che si sono rintanati in un vecchio ristorante diroccato, di cui rimangono in piedi pochi muri crivellati di colpi e le creature animalesche e deformi di una tv clandestina guardano alla partita di Londra per tentare un contrattacco. Speriamo nel miracolo…in modo da seppellirli definitivamente.

Saluto il ritorno dell’amico Serafini a Casa Milan, il cui ritorno è un atto di buon senso e di giustizia. Purtroppo mi lagno di non poter godere delle sue performance televisive, dal momento che Casa Milan non è stata ancora depurata da lacune scorie, da qualche disertore del Giannino fuggito con un tunnel scavato a mano sotto Vedovia. Ciò è un insulto per chi ha lottato contro il Giannino e i suoi amichetti menestrelli. Mi dispiace, fin tanto che ci sarà qualche disertore, noi non appoggeremo il canale del Milan. Per noi non esiste.

Gianclint 

 

Il mio primo ricordo furono i pianti per una sconfitta in finale con il Magdeburgo.. Rivera e Chiarugi erano i miei idoli, ma ho amato anche Wilkins ed Hateley. Per il Milan di Sacchi avrei lasciato tutto e tutti. Rimane per me la pietra di paragone. Scrivo di getto come Mozart, odio i servi, i ruffiani e i leccaculo. Scrivo per il gusto di farlo e potrei dare lezione alla maggior parte dei giornalisti al seguito del Milan, incapaci di scrivere qualcosa di accattivante e vero. Detesto chi scrive e annoia e lo fa solo per ingraziarsi qualcuno. Disprezzo fanatici e cretini. Ragiono con la mia testa e del risultato me ne frego; chi gioca bene vince due volte.