Pressioni e dintorni

10058
Mg Genova 10/09/2022 - campionato di calcio serie A / Sampdoria-Milan / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Olivier Giroud

Coronarie a forte rischio! Pressione sanguigna alle stelle per 3 punti pesantissimi! Preziosissimi! D’oro! Anzi, di platino. E’ ufficiale. Odio Fabbri. Lui è quello che non ci diede un macroscopico rigore a Torino per il solare fallo di mano di Alex Sandro. E’ quello che non tirò fuori il secondo giallo per Mandzukic, reo di aver scalciato Romagnoli da terra. Lui ci ha tolto Leao, uno splendido Leao, lasciandoci in 10 per l’intero secondo tempo. Di cosa si è reso colpevole Rafa? Di nulla. Molto discutibile, voglio usare un eufemismo, la prima ammonizione inflitta per aver allargato il braccio a contatto con il difensore in un’azione di gioco. Nel secondo caso ha tentato una rovesciata. Ferrari ci ha messo la testa e il più involontario dei contatti è diventato inevitabile. E così una partita che stavamo giocando bene, senza eccessivi patemi, si è trasformata in una salita impervia. La Samp ha pareggiato subito. A proposito, siamo sicuri che Duricic fosse dietro la linea della palla? Non è che per caso fosse in fuorigioco impercettibile proprio come quello geografico di Giroud nell’azione del gol annullato a Deka? Le tiriamo bene queste linee? Bah!

Pioli mi ha piacevolmente sorpreso con la mossa della difesa a 3. Bravo, Stefano! Magari in futuro con Theo e Dest a fare i quinti di centrocampo…. Ora ti faccio dei meritati complimenti, ma in settimana te ne ho dette tante, eh! Riavvolgo per un momento il gomitolo del tempo. Il delirio del derby calma i miei mugugni, le mie insoddisfazioni per la lista Champions. L’ingresso di Brahim al posto di Deka è stato un colpo basso che mi hai tirato a tradimento, Stefano. Se gli Orrendi ci avessero ripreso, sarei andata fuori dalle grazie di Dio. Perché con in rosa tante mezze ali non pensi a un cambio di modulo? Non ho niente contro Saele e Messias, cui voglio anche bene. Ma sono giocatori piuttosto modesti. Io non discuto solo il loro contributo offensivo. Non funziona neppure l’assetto difensivo della fascia destra. Stefano, non vedi che molti dei gol presi vengono da lì? Messias non contrasta adeguatamente Masina contro l’Udinese. A Bergamo sulla nostra destra si sviluppa l’azione che porta al gol di Malinovskyi. Rete inviolata con il Bologna. Ma anche lì da destra viene il cross sul quale Arnautovic non arriva per un soffio. Il rigore per il Sassuolo è una coproduzione dei nostri due esterni di destra. E ricordo bene il gol di Dzeko. Senza contare le voragini che a volte si aprono nel nostro centrocampo. Le vedo solo io? Vuoi farmi morire i due centrocampisti centrali? Se uno osserva che l’acqua fatica a bollire e ha una fame da lupi, cerca di velocizzare il processo. Mette un coperchio sulla pentola. Così, diminuendo l’impatto della pressione atmosferica sull’acqua, ne anticipa l’ebollizione. Butta prima la pasta e il suo stomaco lo ringrazia. D’accordo, possedendo una pompa da vuoto, si può far bollire l’acqua anche a 20 gradi. In questo caso, però, la pasta non cuoce. E così sono guai. Cosa voglio dire? Semplicemente che azzardare troppo porta a risultati controproducenti. Ma evitare di fossilizzarsi su certe scelte, cambiare qualcosa, adottare degli accorgimenti può recare grandi benefici. Bah! Io non riesco a capire. Sarà colpa mia? Forse.

E bravo Saele!

Altro che pressione atmosferica. Qui mi sale la pressione per la prima di Champions. L’emozione mette in secondo piano i miei altri pensieri. Il mio giudizio sulla partita? Prestazione rivedibile ma non certo disastrosa. Ha segnato Saele! Incredibile. Punto prezioso. Le scorie del derby giocato solo tre giorni prima si sono fatte sentire. Troppo grande il dispendio di energie psicofisiche profuse per ottenere una vittoria fantastica. Troppo poco il tempo di recupero. E poi il Salisburgo è una buona squadra. Veloce, aggressiva, dotata di individualità di valore Davvero ottimo Ocafor, che ci ha fatto vedere i sorci verdi. Chi prevedeva un impegno facile, sbagliava. Io non ero tra questi. Sapevo che sarebbe stata dura. E’ stata durissima. Non mi ha fatto molto piacere l’inaspettata vittoria della Dinamo di Zagabria sul Chelsea. Potrebbe essere positiva in ottica primo posto, dai. Però rischia di rendere un’ammucchiata la corsa alla qualificazione. Esonerato Tuchel. Nel calcio si fa molto presto a passare dalle stelle alle stalle. Ma vale anche il contrario. Le sconfitte di Gobbi e Orrendi non mi lasciano affranta. Tutti dicono che il Bayern è una grande orchestra che ha suonato per bene gli Orrendi. Vero. E le azioni dei due gol sono state splendide. Però…. Onana non ha dovuto compiere miracoli. I tiri non sono stati irresistibili. Insomma, a me sembrano leziosi e tutt’altro che imperforabili dietro. Avessero ancora Lewandowski, sarebbe un’altra musica. Ma adesso bisogna pensare alla Samp. Non c’è respiro. Le voci su Brahim titolare mi inquietano. Non farmi questo, Stefano, eh! Non risponderei più delle mie azioni. Ci siamo capiti? Ho una voglia matta di vedere Origi. Rebic non recupera. Io stento a credere agli ipocondriaci. E poi non ho fiducia nello staff atletico e medico. Se Ante ha sempre il mal di schiena, non può trattarsi di un semplice colpo della strega. Mah!

Grazie, Oliver!

Cappero, sarà dura. Le tossine accumulate tra derby e Salisburgo sono difficili da smaltire in poco tempo. Leao è costretto a un tour de force. Meno male che Divock può far respirare Olivier. Pobega? Va bene, anche se gradirei che venisse impiegato nel suo ruolo naturale. Poi mi arriva tra capo e collo la tegola Origi. Noooooo!!!!!!!!! Affaticamento, dicono. E’ arrivato rotto? Indubbiamente è reduce da un brutto infortunio. Però…. Almeno gioca Deka. Lazetic andrà in panchina. Col cappero! Problemi muscolari anche per lui. Non ho parole. Anzi, ne avrei tante. E non tutte belle. Napoli e Orrendi vincono al novantesimo. La prima cosa non mi dà fastidio. La seconda sì. E parecchio. Pazienza, comunque. Pensiamo a noi. E arriva la partita. Con i suoi violenti venti di passioni. Con il suo incredibile turbinio di emozioni. Esulto sul gol di Messias. Impazzisco per quello di Deka. Ma c’è il Var. Non capisco cosa ci sia di irregolare. La prende di spalla e non di braccio. Non è in fuorigioco. Non possono annullarlo! Lo annullano. Perchè? Hanno scovato un fuorigioco geografico millimetrico di Giroud. Ma basta! Li mando a quel paese. A me sembra che il compito del Var sia quello di analizzare i nostri gol per cercare un pretesto per annullarli. Sbarello sull’espulsione di Leao. Il sangue mi va agli occhi. Se mi misurassi la pressione, farei scoppiare lo strumento. Il loro pareggio colpisce una donna già mezza morta. Il rigore di Giroud la rinvigorisce. Qui il Var si riabilita un po’ ai miei occhi. E anche Pioli acquista punti con la mossa della difesa a 3, che mi piace un sacco. Poi soffro nel finale. Il cuore mi si ferma sull’occasione per la Samp. Maignan devia su Gabbiadini. Riprende un altro doriano dalla linea di fondo. Palo! Altra parata di Magic. Brrrrrrr!!!!!!!!! Triplice fischio. Ce l’abbiamo fatta! Sìììììì!!!!!!!

Qualcuno ti chiama Giampollo? Fa bene!

Abbiamo vinto e sono arrivata viva alla fine. Due ottimi risultati. Stavamo giocando una buona partita in relativa tranquillità. Poi le cose si sono complicate. Ce le hanno complicate. Questi 3 punti sono bellissimi e preziosissimi. Pesantissimi. Hanno quasi il sapore dell’impresa, visto come si erano messe le cose. La squadra mi è piaciuta. E mi è piaciuto anche l’allenatore. Giampaolo dice che l’arbitro ha aiutato il Milan. Dichiarazione grottesca. Surreale. Qui siamo al capovolgimento della realtà. Il problema è che saremo senza Leao anche contro il Napoli. A loro manca Osimhen? Sì, ma possono disporre di tutti gli altri. Noi? Possiamo sperare solo nel recupero di un Origi che, comunque, tra un acciacco e l’altro, ben che vada, non potrà essere in condizione. E come farà il commovente Giroud a farne altre 2 in 7 giorni? Mica male Vranckx, eh! Bene anche Pobega. Buona la prestazione di Kjaer. Abbiamo bisogno dei nostri giovani e dei nostri vecchi. Ma ora pensiamo alla Dinamo.

Io so che il nostro vero obiettivo è la seconda stella. Dovrei concentrarmi più sul campionato, perchè con gli squadroni che circolano la Champions è un sogno proibito. Però quella musichetta mi fa emozionare alla grande. Le utopie poi sono dolcissime. Sta di fatto, comunque, che superare il girone è possibilissimo. E, con un buon sorteggio, i Quarti non sarebbero una chimera. Poi, se arrivi lì, si vede. Che discorsi faccio, eh! Lo so, mi contraddico da me stessa. Parto in maniera razionale e poi mi lascio suggestionare dai sogni. Ma che ci posso fare se sono una tifosa? La pressione è la forza applicata sull’unità di superficie. Uno spillo può arrecare più danni ad un tappeto di un elefante, perché la superficie della sua punta è piccolissima. Per aumentare la pressione che potremo fare sugli avversari dovremo diminuire l’area dei nostri infortuni. Ce la faremo? Le nostre esperienze in merito sono tutt’altro che incoraggianti. Forza Milan!

Chiara

P. S. Il gol dei Gobbi era regolare. Mi spiace tanto che l’abbiano annullato ingiustamente. Non godo… poco.

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.