Scherzi a parte…

7085

Non è stata una partita fantastica però mi tappo il naso ed incasso i tre punti anche se conquistati al 92° e 30”. Capita che in una annata qualche partita la sfanghi anche giocando così così, con 10 tiri in porta solo nel primo tempo, il portiere avversario che per una sera si trasforma in Yashin redivivo, sbagliando un rigore e giocando un secondo tempo piuttosto bruttino e reagendo più di pancia che di testa dopo aver preso il pari. Capirete bene che quando ho visto la palla di Messias entrare ho spento immediatamente la TV andando a letto contento per i tre punti ma un poco deluso per la prestazione. Rimango dell’idea che se vuoi davvero provare a giocarti lo scudo, o comunque farlo sospirare fino in fondo ai cuginastri, queste partite, assenze o non assenze, infortuni o non infortuni, acquisti o non acquisti, le devi portare a casa con una certa tranquillità. Comunque, tutto sommato, trovarsi a +1 (anche se l’Inda deve recuperare con il Bologna ma non si sa mai…), con il derby ancora da giocare, dopo che in altre occasioni altri punti ce li hanno tolti inopinatamente da sotto il naso, almeno altri due mancano all’appello a voler essere buoni, non è poi così male. Sfangare le serate no (o NI, se preferite) capita a tutti…

Come dite? State scherzando vero? Abbiamo perso… ???!!! Ma che state a dì. Dai non prendetemi per il culo, non è vero. Non ci credo che in un minuto e 30”, quanto mancava al fischio finale dopo il gol di Messias hanno fatto due gol. Maddai, è impossibile, neanche nei sogni (o incubi), non c’era il tempo materiale… Come dite? L’arbitro ha annullato il gol di Messias? Eh? No scusate, non capisco… ma che è successo? OK, scherzi a parte, preferisco finirla qua altrimenti per quello che scriverei dovrei autobannarmi e non è carino… e sì, confermo, anche se siamo a arrivati a Sabato, non mi è ancora passata e nel mio immaginario l’abbiamo vinta 2-1 con anche un po di fortuna e punto. Vi riporto le opinioni di alcune nostre vecchie conoscenze che mi hanno gentilmente inviato in chat e che, andando oltre l’incazzatura del momento, a freddo condivido.

FABIGAT: secondo me non c’è stata premeditazione ma solo una persona inadeguata a fare l’arbitro (che però hanno mandato, guarda il caso, a noi n.d.r.) vede fischia e non guarda dove và la palla. In confusione totale perché ci sarebbe un fallo su Kalulu che decide di non vedere che porta al secondo gol. Dopo aver subito la dittatura Sabauda per 9 anni, (esaurita per scelte scellerate) e basate su favori, favorini, favorucci dal gol di Muntari in poi, guardiamo ora dall’altra parte del naviglio. Una squadra che vive di pagherò, e cambialoni come Ray Charles in Blues Brothers che avrebbero dovuto escludere dal campionato perché se valessero le regole molti giocatori importanti non avrebbero potuto acquistarli e continuano ad appianare con mega bond con garanzie bancarie che in Italia nessuno ha mai visto mentre noi facciamo i super onesti che, come bravi padri di famiglia, non spendono un centesimo di troppo. Però, almeno di facciata, non ci lamentiamo mai. Di come gli arbitri ci trattano a pesci in faccia, etc. etc… Al netto di tutto questo perché non vogliamo fare come gli altri? Perché abbiamo lo stile Milan? Va bene, ma lo stiamo solo prendendo nel di dietro (senza nemmeno la vasella). Cosa c’è che non si può dire/fare per provare a vincere uno scudo? E quest’anno poteva essere l’anno giusto. Vogliamo aggiungere che se non vinci talenti come Leao (ma aggiungiamoci pure Theo, Kalulu, etc.) importa nulla di stare al Milan attratti per di più dai megamilioni delle Inglesi o Spagnole, e li perdi a scadenza a zero. Non vorrei credere ad una società che accetta di “non vincere” o di “partecipare ma tanto non vinciamo” ma i segnali sono questi. “Ho finito vostro onore”…

FOR THOSE: Sono convinto che l’arbitro abbia solo fatto un’enorme minchiata. Scuse immediate e pianti. Non perché gli fregasse del danno procurato ma perché ha realizzato di essersi fottuto la carriera .… resto convinto che il miglior acquisto delle m—- sia stato Marotta. Il cambio di casacca, sarà un caso, ma ha segnato l’inversione del trend tra le due squadre, come dire, diversamente profumate…  Non credo però, non si possa protestare ma solo che la dirigenza (molto unita ed affiatata) sia semplicemente così. Non è nella loro indole fare caciara come un Inzaghi o un Commisso qualsiasi. Bene? Male? Non lo so ma noto che Marotta, la voce, non la alza mai. Non ne ha bisogno…

MANCHESTER: Da ex arbitro, anche se a livello di giovanili… certe dinamiche di campo sono comuni e si capiscono. Il vantaggio non è semplicissimo da vedere, puoi vederlo cinque volte su sei ma alla “sesta” magari hai già il fischietto in bocca, vedi il fallo, d’istinto fischi poi ti accorgi che la palla va alla squadra che ha subito e potevi lasciare il vantaggio. Se succede a cc ti prendi un bestemmione e finisce lì, se succede al limite dell’area come successo a noi, fai il danno. Il vero errore, quello più grave, che testimonia la malafede, è la mancata espulsione, lì non ci sono scusanti. Se vedi uno che si aggrappa alla maglia di un altro che sta andando via lo devi ammonire, se è già ammonito lo butti fuori. Ed è successo al loro giocatore di colore (non mi ricordo il nome, su Theo…). Punto. Poi voglio vederti lasciare in 10 lo Spezia al 55esimo come va a finire…

PADULA: OK, l’arbitro è un coglione… ma non è una novità… sono 1000 anni che ci capitano questi (ma guarda il caso) il problema, tra gli altri, sono le otto occasioni da gol sbagliate più il rigore ed una squadra che, pur nella sfiga degli infortuni, andava pensata meglio soprattutto a cc dove gli infortuni (leggi coppa d’Africa etc.) non c’entrano. Lunedì non abbiamo bloccato nemmeno una ripartenza dello Spezia. Ah… e preparatevi a salutare Leao (e soci… n.d.r.) quello non rinnova. E, per finire, Pioli brava persona eh… tecnico preparato eh… ma tra lui e lo scudetto ancora ne passa… va bene per un secondo o un terzo posto… forse…

Mi sembra che, al di là della pesante incazzatura del momento comune a tutti noi, ci sia molto di condivisibile (per me tutto in realtà) e che non avrebbe senso aggiungere altro. Adesso aspettiamo anche le vostre opinioni. Ora che siamo tutti… a freddo… e possiamo usare il cervello per commentare senza oltrepassare i limiti del lecito. Scherzi a parte…

FORZA MILAN

Axel and Friends

Puoi cambiare tutto nella vita. La fidanzata, la moglie, l'amante, la casa, il lavoro, la macchina, la moto e qualsiasi altra cosa che ti viene in mente. Solo una cosa non potrai mai cambiare. La passione per questi due colori. "il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari". Grazie mamma che mi hai fatto milanista, il resto sono dettagli.