Lucas Biglia

446

Data e luogo di di nascita: 30/01/1986 – Mercedes (Argentina)
Nazionalità: argentina
Ruolo
: centrocampista centrale, centromediano metodista
Altezza: 178 cm
Piede: destro
Valore di mercato: 15 mln € (fonte: Transfermarkt)
Procuratore: Enzo Montepaone
Social Media: –

In rosa nel Milan dal: 16/07/2017
Scadenza del contratto: 30/06/2020
Sponsor Tecnico: adidas
Numero di maglia: 21

Esordio tra i professionisti: 01/07/04 andata spareggio playout Argentinos Jrs–Talleres Cordoba 2-1
Esordio in Nazionale: 09/02/11 Argentina–Portogallo 2-1

Biografia
Lucas Rodrigo Biglia, meglio noto come Lucas Biglia detto “el principito” entra a far parte delle giovanili dell’Estudiantes Mercedes, club della sua città, per poi continuare il suo percorso di crescita nelle cebollitas (giovanili dell’Argentinos Jrs) che videro tra le loro fila anche el pibe de oro Diego Armando Maradona. L’esordio nella Primera Division (massima serie del campionato argentino) arriva a soli 18 anni in una sfida tutt’altro che semplice: spareggio playout con il Talleres Cordoba. Le uniche due partite della stagione 2003/04 sono proprio quelle di playout con cui l’el bicho si salva. Il vero esordio nella Primera Division arriva però il 14 agosto 2004 e partecipa al campionato sudamericano di calcio Under 20 prima di passare nel febbraio 2005 all’Independiente.
La formazione nell’Argentinos Jrs è molto importante per Lucas tanto da portarlo ad affermare: “Grazie a Dio mi sono formato nell’Argentinos, in una scuola mirata, utile ai centrocampisti centrali. Lì insegnavano a distribuire il gioco, a far scorrere la palla, è il mio calcio. A quel tempo segnavo molto su rigore o su punizione, anche tirando da lontano. Nel corso degli anni ho un po’ perso questa caratteristica. Mi piace recuperare la palla e distribuirla, al gol arrivo in modo diverso, dialogando con i compagni, attraverso scambi e inserimenti“. In pratica se Biglia è diventato quello che è oggi lo deve alle cebollitas.
Nel febbraio 2005 altro passo in avanti nella sua carriera con l’esordio nell’Independiente di Menotti di cui diventerà un pilastro inamovibile tanto da far dire al suo mister: “E’ tra i calciatori più tecnici visti negli ultimi cinque anni e destinato a una grande carriera” . Dopo un tale endorsement non pare strano che a soli 20 anni disputi tutte le partite della stagione 2005/06. Sempre nella stagione 2005 vince il Mondiale di calcio disputato nei Paesi Bassi, in quella squadra figurava anche un certo Lionel Messi.
Le prestazioni nell’Independiente non passano certo inosservate e ancora una volta el principito fa un salto nella sua crescita professionale provando l’avventura europea nelle file dell’Anderlecht dove rimane per ben sette stagioni diventandone praticamente un idolo conquistando tutti i titoli nazionali oltre ad essere nominato miglior giovane del campionato nella sua stagione d’esordio.
Giocatore che per sua stessa ammissione si ispira a Xabi Alonso di cui dirà “Guardo il calcio di Xabi Alonso, dà equilibrio al Real Madrid e alla sua Nazionale“, Lucas Biglia passa alla Lazio nell’estate 2013 inizialmente come vice Ledesma, ma nella realtà dei fatti i due conviveranno il primo anno mentre nella seconda stagione el principito diventerà il padrone del centrocampo laziale relegando il compagno in panchina. Diventato leader e capitano dei biancocelesti, dopo quattro stagioni decide di sposare il progetto del nuovo Milan dopo una trattativa estenuante. Sbarcato a Milano esordisce salutando i tifosi fuori dai cancelli di Milanello con un imprevisto “forza lazio”…la cessione era ancora fresca.
Simone Inzaghi, suo ex tecnico alla Lazio, definisce davvero importante la sua perdita, ma causa infortuni e una forma fisica assai precaria non incide nella prima parte di stagione, ma con l’arrivo di mister Gattuso il Milan cambia marcia ed el principito torna ai livelli che gli competono e a quel gioco che gli appartiene: recuperare palla e distribuirla velocemente. Esordisce in nazionale il 9 settembre 2011 nell’amichevole contro il Portogallo sostituendo Cambiasso, da allora vanta 58 presenze con una rete all’attivo.

Caratteristiche tecniche
E’ il tipico volante argentino, un centromediano metodista di grande personalità dotato di tecnica e visione di gioco che fa del recupero palla e del distribuire il gioco il suo tratto distintivo. Caratterizzato da una grande intelligenza tattica anche in fase di interdizione e nei raddoppi è anche un abile rigorista.

Carriera

Club: Argentinos Juniors, Independiente, Anderlecht, Lazio, Milan
Nazionale: Argentina, Argentina U20, Argentina U17
Palmares Milan:
Palmares: 4 Campionati Belga (06/07, 09/10, 11/12, 12/13), 1 Coppa di Belgio (07/08), 4 Supercoppa Belga (2006, 2007, 2010, 2012), Campione del Sudamerica U17 (2003), Campione del Mondo U20 (2005)
Palmares individuale: miglior giovane campionato belga (06/07)

Statistiche club

Statistiche nazionale

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l'AC Giannino 1986. Sempre all'attacco. Un sito di curvaioli (La Repubblica). Un buco nero del web (Mauro Suma)