Quinto Fabio Massimo

6494

Meno male che ho un buon carattere! La cosa è acclarata. Chi lo nega è un vile mentitore. Un bugiardo, smentito da prove inconfutabili. E’ passata una settimana dal raduno. L’inizio del campionato si avvicina a grandi passi. Acquisti? Nisba. Se c’è l’accordo col giocatore, vedi Deka, manca quello con il club. Abbiamo trovato l’intesa sul cartellino? Be’, allora ci sono problemi sull’ingaggio. Renato Sanches docet. Almeno così si dice. Ziyech? Bah! In compenso abbiamo acquistato Messias. Acquistato, non riscattato. La differenza è tutt’altro che sottile. Smonta, infatti, a rigor di logica, la tesi di chi pensa che potremmo vendere il giocatore, facendo una piccola plusvalenza. Se qualcuno fosse interessato al suo acquisto, l’avrebbe trattato direttamente con il Crotone. O no? Ora, io non ho niente contro Junior. Il ragazzo non mi è neppure spiaciuto nella sua prima stagione con noi. Non ha fatto 6 gol. Ne ha segnati 7! E penso che tutti siamo d’accordo su questo punto. Ricordo pure gli assist per Florenzi a Verona e per Leao contro l’Atalanta. Però…. Quella dell’esterno alto destro è stata una nostra lacuna l’anno scorso. Il fatto che allo stato attuale conserviamo gli stessi 3 interpreti nel ruolo induce a pensare che resteremo così. E, dando prova di un’ammirevole pacatezza, non ho ancora cominciato ad imprecare. Per il momento.

Che facciamo con Rafa?

Fremo nell’attesa di qualche bella notizia ufficiale. Non accade mai niente. Il Deserto dei Tartari mi fa un baffo. Non sono mai riuscita a finire il libro. Anzi, ho smesso di leggerlo poco dopo l’inizio. Una noia mortale. La fibrillazione per questo Mercato dell’attesa sfibrante, infinita, more solito, non sfocerà, però, nella noia. O si decidono a prendere qualche rinforzo o il vulcano che brontola dentro di me finirà per esplodere. Per mantenermi calma, mi dico che noi siamo come Quinto Fabio Massimo, il Temporeggiatore. Bisogna avere pazienza, Chiara. Però dopo la vittoria di Canne Annibale si diede agli ozi di Capua. I nostri avversari, invece, mica stanno in ozio, eh! Loro si rinforzano! E noi, maledizione al secchio? Deka dovrebbe già essere a Milanello! Arriverà? Lo spero. Ma quando? E quando ci sarà il rinnovo di Leao? I saggi affermano che gli altri acquistano perché vendono. Gli Orrendi cederanno per vagonate di milioni Skriniar. I Gobbi De Ligt. Faccio umilmente notare che noi, se non riusciamo a far firmare Rafa, dobbiamo monetizzare alla grande per il suo cartellino. E lo dico con la morte nel cuore. Perchè io non cederei mai Leao. Ma, alla luce delle passate esperienze, non vorrei perderlo a zero. Se arriviamo all’ultimo anno di contratto, mica troviamo poi chi ce lo paga a peso d’oro. Quelle sono cose che possono accadere solo agli Orrendi con Skriniar. Capito?

Benvenuto Yacine!

Quello che mi dà tremendamente fastidio è che, secondo me, ci sarebbero i presupposti economici per fare un buon Mercato e alzare il monte ingaggi. Siamo i campioni d’Italia! Il fatturato lievita. Possibile che dobbiamo sempre viaggiare in ristrettezze? Quinto Fabio Massimo, dillo a Chiara. D’accordo, tu, temporeggiando, sei riuscito a sconfiggere Annibale. Ma, in questo caso, non ti sentiresti di consigliare alla nostra Società di darsi una svegliatina? Ho parlato di Società. In realtà non rimprovero nulla ai dirigenti. E’ la proprietà che mi preoccupa. Riesco a mantenermi un po’ calma, perché ho fiducia in Maldini. Se alla fine ha firmato, qualche garanzia sugli investimenti l’avrà pure ottenuta. Però ho bisogno di vedere qualche fatto. Non mi sono stracciata le vesti per Botman. Neppure lo farei per Renato Sanches. Ma voglio subito Deka! E poi ragioniamo sul resto del da farsi. Il bello è che io neppure mi dannerei l’anima per l’esterno destro alto. Il motivo è semplice. Abbiamo dei buoni centrocampisti. Sono arrivati Pobega e Adli, che a me piacciono. E’ un impiego tattico non adatto alle loro caratteristiche a preoccuparmi. Prendiamone un altro forte, magari Renatone, e andiamo di 4-3-1-2, no? Non si può? Be’, allora, oltre a Deka, devi portarmi uno Ziyech.

Benvenuto Divock!

Dobbiamo affrontare anche la questione delle liste. Sento dire che potremmo dare Gabbia alla Samp, se prendessimo un altro giocatore cresciuto in vivai italiani. Col cappero! Gabbia fa parte del nostro vivaio, insieme a Calabria e Pobega. L’ Italiano da acquisire, invece, deve andare ad affiancare Tonali, Florenzi e Mirante. E poi anche Gabbia e Pobega, come eventualmente Daniel Maldini, potrebbero essere inseriti nella lista B, perché sono nati dopo l’1 Gennaio 1998. Ora è chiaro che non possiamo andare ad acquistare ragazzi cresciuti nel nostro vivaio e ceduti ad altre squadre. Un calciatore italiano tipo Parisi, però, dobbiamo prenderlo. Altrimenti saremo in 24 e non in 25. E dico 24, inserendo nella lista A un Primavera che, come Gabbia e Pobega, potrebbe tranquillamente stare nella lista B. Mi sono spiegata? In quest’ottica mi sembra uno spreco avere come secondo portiere uno straniero che toglie uno dei 17 posti a disposizione. Ma tant’è… Grazie, comunque, per il rigore parato a Lautaro, Tata. Mi sono un po’ incupita per l’infortunio non ancora smaltito di Origi. Con i nostri pregressi siamo molto sensibili a queste faccende. La cosa, però, ci può stare. E in questo caso non si può certo dare la colpa al nostro staff atletico e medico, che, peraltro, io avrei cambiato senza troppe esitazioni. Mamma mia, com’è intelligente Divock. La sua conferenza stampa mi è piaciuta un sacco. E ho molta fiducia anche in quello che potrà fare in campo. Sono impaziente di vederlo giocare. Ma devo avere pazienza. Dammene un po’ della tua, Quinto Fabio Massimo.

Spero tanto che arrivi presto qualcuno di mio gradimento. La proprietà ha il dovere di rinforzarci. Per essere sostenibili, occorre innalzare i ricavi. Per farlo, bisogna investire. Non posso passare il tempo andando in nervosa ricerca di notizie ufficiali, che non arrivano mai. Altro che Deserto dei Tartari! Solo che dei Tartari non me ne fregava niente. Di Milan, invece, ci vivo. Già 40mila abbonamenti sono stati venduti. Il grande popolo rossonero non tradisce mai. Arrivasse Deka, schizzeremmo in un battibaleno a 50mila. Ma poi, fossero anche 35 milioni di cartellino, con un contratto da 2.5 per 5 anni, l’operazione sarebbe sostenibile. Peserebbe a bilancio annuo per poco più di 10 milioni. Perchè la squadra campione d’Italia non potrebbe permettersi un investimento ragionevole, che lascerebbe spazio anche ad altri movimenti di Mercato? Perchè? Io voglio un Milan competitivo! Questo non è un sogno campato in aria. Qui non si tratta di una suggestione romantica. Le condizioni economiche sono favorevoli, checchè ne possa dire la proprietà. Nonostante le mie paturniette, che spero vengano presto scacciate via, sento dei pizzicorini, pensando che presto ci sarà la prima amichevole. Sì, ho una certa frenesia di Milan in campo. Non importa se mancheranno le prime linee. Sarebbe fondamentale, invece, che i nostri acquisti arrivassero a Milanello con loro. Quinto Fabio Massimo, io penso a te, grande temporeggiatore. Ma non mi tranquillizzo più di tanto. Orrendi e Gobbi sono più pericolosi di Annibale. Diamoci dentro con determinazione, per favore. Il sangue rossonero che scorre impetuoso nelle nostre vene merita qualche corroborante trasfusione. Forza Milan!

Chiara

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.