Prisma di Newton, bombe e bombette

4289

Bomba! Dimissioni in toto del Cda gobbo! Bombetta! Sì, la vedo. E’ quella che mette Marotta, quando, con fare sornione, si muove a suo piacimento tra le stanze di Lega e Figc. Eh, ragazzi, l’inchiesta Prisma provoca un terremoto. Cosa accadrà? Andiamoci piano. La Juve ha una proprietà forte e danarosa. La dirigenza verrà sostituita. Facendosi “spintaneamente” da parte, credo abbia ottemperato ad ordini provenienti dall’alto, per assecondare i “consigli” della Procura. Penso, quindi, che, per essere arrivati a questi punti, le indagini siano affondate su una grassa ciccia. Vedremo gli sviluppi. Fossero quelli che la proprietà gobba, a giudicare dagli eventi, paventa, cosa farà la “ giustizia” sportiva? Rimarrà sulle sue già espresse posizioni assolutorie? Oppure no? Il riferimento fatto prima a Marotta non è puramente casuale. Plusvalenze fittizie, dilazioni di pagamenti di stipendi, mancato saldo di rate di cartellini sono la norma in casa Orrendi. E richiederebbero sanzioni sul piano sportivo, perché sono magheggi da concorrenza sleale.

25 milioni!

Per dirne solo una, ricordate il bizzarro caso Vanheusden? Probabilmente no. Difficile sentir parlare di questo signor nessuno. Eppure…. Lo acquistano giovanissimo dallo Standard Liegi per pochi euro. Lo schierano nella Primavera. Poi lo prestano allo Standard per un anno e infine glielo rivendono in coppia con tal Emmers per 25, dicasi venticinque, milioni! Roba che Casadei a Vanheusden gli fa una pippa. Con questi artifici si può dare una sistematina ai bilanci. Chiaramente, però, non è possibile intervenire sulla liquidità disponibile, perché, se i soldi non entrano in cassa…. E così non si pagano stipendi e rate concordate per gli acquisti. E tutto passa in cavalleria. Capitasse a noi, invece, apriti cielo. Differenze tra bianco e azzurro neri? La banda degli Onesti non è quotata in borsa. La Juve sì. La cosa fa tutta la differenza del mondo. Ha permesso l’intervento della Procura di Torino e della Consob, che è l’organo di controllo del Mercato finanziario italiano. L’accusa è di falso in bilancio. Non una bagatella. Vuoi vedere che gli Orrendi se la caveranno ancora e andranno a sbandierare la loro supposta onestà, contrapponendola alla disonestà gobba? Però….. se la Procura federale sportiva fosse costretta ad intervenire, visto il potente input, potrebbe poi sorvolare su altre situazioni più che….discutibili? Sì, perché c’è chi ha santi in Paradiso. E c’è pure gente che della propria credibilità se ne infischia. E’ abituata a fare ciò che vuole e a non pagare mai.

Rinnoviamolo!

Il prisma di Newton separa la luce bianca nelle sue componenti di diversa lunghezza d’onda e, quindi, differente colore. L’inchiesta Prisma cerca di separare il bilancio in componenti reali e fittizie. E lo fa per una squadra. Staremo a vedere…. La bomba dimissioni ha squarciato il cielo grigio che sovrasta i Mondiali. L’uomo in bombetta continua tranquillo a fare ciò che vuole. E si pavoneggia con Gravina. Il mio prisma di Newton fatica a trovare luce bianca da dividere in colori scintillanti. Il gol di Leao è un guizzo di un azzurro splendente. Però….. ecco, non so se augurarmi che Rafa faccia bene o male. Se si mette in mostra, stimola gli appetiti dei grandi club e la sua cessione potrebbe essere molto remunerativa. Se non emerge, calano gli interessi su di lui e questo potrebbe facilitare un rinnovo, che è l’opzione da me preferita. Bah! Speriamo di non perderlo a zero, perché andrei fuori dalle grazie di Dio. A proposito di rinnovi, in Algeria dicono che Benna abbia cambiato procuratore. Si parla di niente po’ po’ di meno che di Enzo Raiola. Aiutoooo!!!!!!! Theo è un rosso acceso. Sfavillante. Che giocatore! Nella Francia ricopre il ruolo di vero terzino sinistro. E lo fa magnificamente, imperversando sulla fascia e mettendo assist meravigliosi. Perchè Pioli l’ha spesso impiegato quasi da interno di centrocampo? Per cercare di ovviare all’inferiorità numerica lì in mezzo, che si accentua senza Saele, vista l’ostinazione nel voler giocare a 2? Metti un centrocampista in più, no? Magari Vranckx, che mi è piaciuto nel poco che ha potuto mostrare, vista la penuria del suo impiego. Avrò il bene di vedere Aster in campo e non schierato tra i 2? Insomma, un conto è che Theo possa mettere il turbo, accentrandosi qualche volta. Un altro è che lo faccia sistematicamente, trovando nugoli di avversari pronti a chiudergli lo spazio. Tra l’altro il ragazzo è uno dei pochi che sa crossare bene.

Dai, Charles! Forza!

Il prisma di Newton in versione Mondiale ha mostrato una luce di un verde vividissimo: Enzo Fernandez. E qui mi è venuto un po’ di magone. Maldini l’aveva preso a un prezzo più che ragionevole. Ma non c’era il becco di un quattrino. No irremovibile di Elliott. Il club fresco Campione d’Italia non mette a disposizione risorse, perché la dirigenza possa acquistare a condizioni non particolarmente onerose un giovane in cui crede. Non mi sembra una roba normale. Non sono certo io a inventarmi queste cose. Si possono chiaramente dedurre dalle parole di Paolo in quell’intervista che mi preoccupò moltissimo. E seguì la penosa pantomima del rinnovo di Maldini e Massara. Scudetto o non scudetto, risanamento economico o non risanamento, non mi si può chiedere di amare Elliott. Poi il faticosissimo acquisto di Deka, che mi mandò alle stelle. E il rendimento deludente del ragazzo, dopo qualche luce iniziale. Io sono una testona. Non mi arrendo di fronte a prestazioni disarmanti. Cercherei di metterlo nelle condizioni ideali. Eviterei, cioè, di riempirgli la testa, che mi pare frastornata, di rigorosi dettami tattici. Non credo che Charles sia lento per natura. Lo sembra perché pensa troppo a quel che deve fare. Quindi non mi interessa proprio Ziyech, in quanto vorrei un centrocampo più robusto, che conceda libertà di azione al trequartista.

Tornando al Mondiale, io non so proprio per quale squadra tifare. A differenza di un Adani munito di bandiera albiceleste, la cui esultanza sul gol di Messi è stata debordante. Ho letto che dei cronisti argentini, molto più signorili nel manifestare il loro entusiasmo, hanno invitato il buon Lele a darsi una calmata. Mah! Davvero bizzarro questo tipo di comportamento. Mi sarebbe piaciuto vedere cosa sarebbe accaduto se avesse segnato l’Uruguay. Garra charrua all’ennesima potenza? Mi aveva profondamente commosso il gesto dei ragazzi iraniani. Alla seconda hanno cantato l’inno. Chissà quali minacce a loro e alle loro famiglie hanno ricevuto. Posso biasimarli? Certo che no. Sono stata contenta per la loro vittoria contro il Galles. A me sembra che i più forti siano i Francesi. Oltre a un’ottima intelaiatura di squadra, che hanno anche altri, per esempio i Brasiliani, possono schierare Mbappé. Quello che più mi interessa, comunque, è che i nostri ragazzi rientrino sani. Mi preoccupa il flessore di Kjaer. E poi, tra prismi, di Newton o no, bombe e bombette, sono molto inquieta per le situazioni di Rafa e Isma. Gerry, batti un colpo, maledizione al secchio! Forza Milan!

Chiara

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.