Pagelle Milan Cagliari 4-1 Coppa Italia

7326

Un buon allenamento, così potremmo riassumere l’ottavo di Coppa Italia contro il Cagliari. Con una formazione ampiamente rimaneggiata (il Cagliari lo era altrettanto) la partenza non è delle migliori e serve un’ottima parata di Mirante per non capitolare dopo pochi minuti. La differenza alla fine la fanno gli uomini più tecnici ossia Theo e Jovic che con la complicità di Radunovic chiudono la partita nel primo tempo. Il resto è appunto un buon allenamento più per chi non gioca mai che per i titolari ed era quello che serviva per non spremere i pochi superstiti più di quanto non lo siano già. Adesso aspettiamo la vincente di Atalanta-Sassuolo.

Eccoci con le pagelle:

Mirante 6,5 – compie una gran parata su Petagna nei primi minuti mettendo in discesa una partita che altrimenti si sarebbe complicata oltremodo vista la formazione schierata. Per il resto ordinaria amministrazione con un gol subito su deviazione.

Calabria 6,5 – buona partita del capitano che a scartamento ridotto non va mai in sofferenza.

Theo Hernandez 8 – certo non affronta Haaland o Mbappé ma nel ruolo di centrale non soffre mai e offre due assist a Jovic che con una doppietta chiude la partita nel primo tempo. Goduriosa la sgroppata che porta al 2-0.

Simic 7 – soffre Petagna a inizio partita, ma col passare del tempo prende le misure offrendo un’ottima prestazione dimostrando di meritare più fiducia quantomeno per le rotazioni.

Jimenez 6,5 – altro esordio di un primavera ed è un ottimo esordio. Ad inizio partita soffre luvumbo poi cresce col passare dei minuti: mostra doti tecniche, di tiro, corsa e una buona dose di carattere. Visto la mancanza di terzini in rosa si potrebbe dargli qualche minuto per far rifiatare i titolari quando serve.

Adli 6 – alterna belle cose (vedasi la palla data a jovic) a totali amnesie in fase difensiva. Nel complesso contro un avversario modesto fornisce una prova in ripresa rispetto alle ultime uscite.

Reijnders 6 – giustamente gioca a scartamento ridotto e quasi non si vede facendo un lavoro oscuro. Si poteva risparmiargli una mezz’ora visto il 3-0 al 50esimo minuto.

Romero 5 – ragazzo simpatico.

Chaka Traoré 6 – la prestazione lascia parecchio a desiderare, però è un primavera e gioca in una squadra ampiamene rimaneggiata seppur l’avversario non fosse irresistibile. Il gol un premio per tutta la squadra che vive un secondo tempo in totale relax.

Chukwueze 5 – prova davvero scialba con tanti errori. Doveva caricarsi la squadra sulle spalle invece si squaglia con tantissimi errori al tiro o nell’ultimo passaggio. Speriamo che la coppa d’Africa ci restituisca un altro calciatore.

Jovic 7,5 – fallisce un gol ad inizio partita su assist di Adli, poi ne segna due e mostra lampi di classe. Pesasse qualche chilo in meno e si mettesse in mente di voler far fruttare il suo talento saremmo a cavallo. Chissà.

Florenzi 6 – entra per far rifiatare Calabria.

Leao 6,5 – mostra una migliore condizione atletica rispetto a sabato e al terzo tentativo di tiro quasi in fotocopia torna a segnare a San Siro.

Pulisic s.v.

Zeroli s.v.

Bartesaghi s.v.

Pioli 6 – rischia con una formazione rabberciata, ma la parata di Mirante e il duo Theo-Jovic mette tutto sui giusti binari. Abbastanza incomprensibile l’ingresso dei vari Leao, Pulisic e Florenzi nel secondo tempo a partita ampiamente sotto ghiaccio.

Seal

Ricordo Baresi entrare in scivolata e poi l'ovazione del pubblico, da quel momento ho capito che fare il difensore era la cosa più bella del mondo. Ancora mi esalto quando vedo il mio idolo Alessandro Nesta incenerire Ferrara sulla linea di porta mentre credeva di essere a un passo dalla gloria. Se la parola arte fosse compresa appieno le scivolate del n.13 sarebbero ammirate in loop al MoMA di New York.