Pagelle Milan Roma 0-1 (Europa League)

8133

Diventa difficile commentare una serata del genere: contro una squadra normalissima, finalmente (per loro) ben allenata, il Milan mette in campo una partita di una mediocrità devastante, in cui gioca 15 minuti scarsi e il resto lo butta via. Una Roma normalissima che gioca un ottimo primo tempo e un secondo appena sufficiente, mette un’ipoteca serissima sulla semifinale di Europa League.

Sembra sempre la stessa partita, ripetuta all’infinito quando il risultato conta davvero e quando ci si aspetta qualcosa di più. Questa squadra non ha un piano B e si è visto per l’ennesima volta.

Faccio davvero fatica a spendere altro parole, tranne che sono stanco stanco stanco. Da segnalare anche le due situazioni arbitrali molto dubbie: prima il fuorigioco sull’azione che genera l’angolo decisivo e il rigore per il mano di Abraham.

Via veloci con ‘ste pagelle e andiamo a nanna và.

MAIGNAN: 6 – Bella parata sull’azione che porta poi all’angolo vincente. Per il resto si disimpegna meritando la sufficienza.

CALABRIA: 6 – Lo scienziato gli fa fare praticamente il centrocampista e lui se la cava discretamente

THIAW: 6 – Non fa tutti i danni che mi sarei aspettato. Meglio così

GABBIA: 6,5 – Gabbione vecchio cuore, dà tutto quello che ha giocando una partita quasi impeccabile. Fossero tutti come lui…

HERNANDEZ: 2 – Inesistente. Delusione immensa

BENNACER: 3 – Sembra appesantito. Viene rullato dal centrocampo della Roma. Perché titolare?

(ADLI: 6,5 – Entra e mette tutto quello che ha in campo, dando quella voglia e quella vivacità che cercavamo. Sfiora anche il goal su un cross sbagliato)

REINJDERS: 6 – Sufficienza solo perchè è l’unico che tira in porta. Anche se è palese che, conoscendo la sua incapacità realizzativa, la Roma lo abbia ‘battezzato’

PULISIC: 4 – Ancora una volta sparisce nei big match

(OKAFOR: 5,5 – Impalpabile)

LOFTUS-CHEEK: 3 – Ribadisco la mia idea che quando non segna diventa inutile. In questo caso si perde, ancora una volta, il colpitore di testa sul corner. Giusto per coronare una serata a dir poco deludente

LEAO: 3 – Sparisce in una delle serate più importanti dell’anno

(CHUCKWUEZE: 6+ – Perchè ha giocato solo 15 minuti? La serpentina e l’assist per Giroud sono una perla)

GIROUD: 4 – Il goal sbagliato sul cioccolatino di Chukwueze è imperdonabile

PIOLI: 2 – Ennesima partita decisiva preparata e gestita con superficialità e in modo inaccettabile. L’unico modo di attaccare è l’uno contro uno forzato dei due esterni, non c’è niente altro e De Rossi se lo mette in tasca, come fatto da tanti tecnici da Cioffi in su. Sono anche stufo di stare a ripetere sempre le stesse cose, spero che in qualche modo siano le ultime settimane sulla nostra panchina

FORZA VECCHIO CUORE ROSSONERO

Raoul Duke

Milanista dalla nascita, primo ricordo Milan-Steaua del 1989 e prima volta nella fu Curva Sud in occasione di un derby di Coppa Italia vinto 5-0. Affezionatissimo al Milan di Ancelotti nonostante tutto e fiero delle proprie scorribande in Italia e in Europa al seguito della squadra fino al 2005, anno in cui tutto è cambiato. DAI NAVIGLI ALLA MARTESANA, DA LORETO A TICINESE, TRADIZIONE ROSSONERA, TRADIZIONE MILANESE!