Pagelle Milan Inter 1-1

10167

 

Come dice Pioli, il bicchiere è mezzo pieno.

Il pareggio alla fine è un buon risultato, che consente al Milan di restare appaiato al Napoli in testa alla classifica e di mantenere a debita distanza i cugini, quindi accettiamolo di buon grado.

Partita dai contenuti tecnici rivedibili ma di grandissima intensità, giocata su ritmi abbastanza inconsueti per il campionato italiano, con le due squadre a dividersi predominio ed occasioni nelle diverse fasi dell’incontro.

Nel primo tempo il Milan ruba l’occhio per un pressing altissimo volto ad annichilire la prima costruzione nerazzurra, ma a conti fatti rischia moltissimo su diversi contropiedi nerazzurri che tagliano a fette una squadra troppo sbilanciata in avanti.

La ripresa vede a lungo la squadra più raccolta all’indietro per la pressione interista che produce però solo una lunga teoria di corner senza esito, il finale è tutto di marca rossonera per i cambi azzeccati che spostano l’inerzia della partita fino al palo finale di Saelemaekers.

Finisce con un giusto pareggio, che non può che consolidare il processo di crescita dei nostri ragazzi, siamo forti.

Tatarusanu: 7,5 (il migliore)  L’eroe che non ti aspetti, non è che debba sbrogliare chissà quali matasse, ma la parata sul rigore di Lautaro è difficilissima e di capitale importanza

Calabria: 6+  Ha il suo bel daffare su Perisic, ma a parte una circostanza alla fine del primo tempo finisce per cavarsela egregiamente, anche se a livello di spinta combina poco

Kjaer: 7  La solita sicurezza, poco da dire, piazzamento difensivo sempre al top e di testa le prende praticamente tutte

Tomori: 6,5  Veloce e reattivo come sempre, fa dell’anticipo il suo punto di forza e gli riesce quasi sempre, a parte in un’occasione nella ripresa che spalanca a Lautaro un’autostrada fortunatamente non percorsa fino in fondo

Ballo-Tourè: 4,5  Qui dentro c’è ancora qualcuno che lo difende, io francamente spero di vederlo in campo il meno possibile, sgraziato e velleitario in fase offensiva, disastroso in quella difensiva, l’azione che porta al rigore di Darmian è una roba da film horror, da bassa serie cadetta, mezzo punto in più per il salvataggio sulla linea sulla ciabattata di Barella

Kalulu: 6,5   Come al solito entra e gioca bene, provvidenziale in chiusura su Vidal e sempre propositivo in appoggio, per qualche strano motivo non è partito dall’inizio

Kessie: 5,5   Partita di buona sostanza e grande intensità nel mezzo, sul giudizio finale pesano purtroppo la sciocchezza nei primi minuti che porta all’assurdo rigore fischiato da Dov’eri e la poca lucidità nel finale, quando il tap in sul palo di Saelemaekers doveva essere sfruttato meglio

Tonali: 7   Gioca un derby di grandissimo coraggio mettendo muscoli polmoni e cuore al servizio della squadra, vince senza discussioni il confronto con Barella

Bennacer: 6,5 Poco più di venti minuti, ma gli bastano per cambiare l’inerzia della partita e guidare la squadra nell’assalto finale, finalmente abbiamo dei cambi all’altezza in mezzo al campo

Brahim Diaz: 5  Da quella posizione aveva ribaltato la Juventus nel finale della scorsa stagione, stavolta non è serata, anche per una condizione fisica ancora deficitaria nel post-Covid

Saelemaekers: 6+  Entra in campo con molta frenesia, talvolta anche troppa che gli fa sbagliare facili appoggi, peccato per quel tiro da fuori che si stampa sul palo al novantesimo, avrebbe ribaltato la partita e impreziosito il giudizio sulla sua mezzora

Krunic: 6  Si incolla a Brozovic nel tentativo di soffocarne la prima impostazione, compito che svolge con diligenza e buona applicazione, la sua partita si limita a quello

Bakayoko: SV

Leao: 5,5  Prova ad accendersi nel primo tempo ma il 3-5-2 di Inzaghi gli toglie ogni sbocco sull’esterno, in generale ha bisogno di tirare il fiato perché ha giocato praticamente sempre

Rebic: 6,5  Bentornato Ante, quanto ci sei mancato…una mezzoretta di cattiveria e puro agonismo che mette in seria difficoltà la retroguardia nerazzurra, il suo recupero è fon-da-men-ta-le

Ibrahimovic: 6-  Stretto nella morsa dei centraloni interisti combina ben poco per quasi tutta la partita, si accende nel finale con una grande punizione respinta da Handanovic e con un paio di sponde di testa in piena area che avrebbero meritato miglior sorte

 

Pioli: 5,5  Primo tempo scriteriato nelle scelte iniziali e nell’impostazione troppo sbilanciata, meglio nella ripresa con cambi azzeccati che ribaltano l’inerzia della partita nel finale, senza nulla togliere al grandissimo lavoro che sta facendo da inizio stagione stasera la sufficienza non riesco proprio a dargliela

 

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.