Avete chiesto scusa alla Elliott Management Corporation? Cessione dell’anno? 20 milioni per la riserva dei Wolves e futura riserva viola. Ricky Massara fior fiore di Direttore Sportivo.

10695

Il tempo è galantuomo, il tempo ci sta dando ragione, come sempre, da sempre.
I gufi, i soloni, gli onestoni, gli espertoni buontemponi che popolano il web e che aspettano speranzosi, beati loro, nei tornanti a novanta gradi dei social network erano stati avvertiti per tempo.
Avete chiesto scusa alla Pro-prie-tà?
Avete chiesto scusa alla Elliott Management Corporation?
I fatti, basta attenersi ai fatti, basterebbe aspettare, senza isterismi, senza irritarsi o farsi prendere dal panico, basterebbe anche smetterla di leggere belati stridenti col veleno tra i denti come quelli scritti in questo blog di perdigiorno.
Del mercato di gennaio ne parleremo tra una settimana, per ora mi pare che tutti gli innesti si stiano rivelando decisivi, o no?! O quelli che prendiamo noi sono tutti brutti e cattivi e quelli che prendono gli altri sono tutti belli, biondi e con gli occhi azzurri?
Parliamo invece del mercato estivo, senza spero dover poi leggere critiche sgrammaticate, accompagnate da foto profilo cimiteriali postate dai pecoroni che pascolano sui social.
Il Signor Theo Bernard Francois Hernández da Marsiglia lo vogliamo mettere in discussione o possiamo passare avanti, o dobbiamo perdere del tempo inutile discutendo del miglior terzino sinistro del nostro campionato e non solo? O adesso vi sta bene che sia stato acquistato ad Ibiza in un pomeriggio d’estate per merito, intuizione, illuminazione del nostro Direttore Tecnico Paolo Maldini.
Vogliamo parlare invece del Signor Ismael Bennacer da Arles? O possiamo mettere agli atti che trattasi di un futuro top Player e presentissimo giocatore importante? O adesso vi sta bene il fatto che sia stato pagato poco e subito da una società retrocessa in Serie B come l’Empoli?
Vogliamo parlare di Ante Rebic da Spalato? O forse mi sono, ci siamo persi qualcosa negli ultimi dieci giorni? Ante Rebic è giocatore vero, ragazzo perbene, ha aspettato senza schermaglie, polemiche o controversie, ha atteso senza tachicardie, psoriasi o eritemi vari. Ha atteso il momento e ha confermato la bontà del suo acquisto.
I fatti questi vostri sconosciuti, i numeri quelli che non avete imparato forse bene alla scuola dell’obbligo, i numeri non mentono, non nascondono, non inventano.
André Silva all’Eintracht Frankfurt un goal ogni 178 minuti, Anteone nostro Rebic all’AC Milan di Milano sette volte campione d’Europa un goal ogni 84 minuti.
Il mercato estivo è stato un mercato importante ed imponente lo è stato in entrata ma anche in uscita. La giungla infestata dai paletti del fair play finanziario ci ha imposto alcune cessioni, non a cuor leggero perché si trattava e si tratta di ragazzi per bene ma andavano fatte ed i fatti, ancora loro, stanno dando ragione all’Amministratore Delegato Aivan Gazidis, al Direttore tecnico Paolo Maldini, al Chief Football Officer Zvonimir Boban ed all’instancabile Direttore Sportivo Ricky Massara che tanto e tanto bene sta facendo finora.
Quando Patrick Cutrone fu ceduto al Wolverhampton per 20 milioni ricordo rivolte popolari, tumulti, sommosse, bravissimo ragazzo Patrick per carità di Dio, con il massimo del rispetto, mancherebbe altro, ma si sta oggettivamente parlando del centravanti della squadra riserve dei Wolves e della riserva di Vlahovic a Firenze.
20 milioni nelle casse rossonere, passateci la battuta, a 20 non lo avrebbe acquistato nemmeno qualche attempato fantallenatore durante un’asta fatta a quarantacinque gradi in una serra di qualche vivaio vicino Linate in un pomeriggio agostano.
Dunque acquisti ma anche cessioni, acquisti e cessioni che si alterneranno, susseguiranno e avverranno in questi giorni. “Entrerà qualcuno se uscirà qualcuno” come succedeva una volta, come succedeva quando si vinceva.
Da molto non avevamo un allenatore manager come Stefano Pioli, uno Stefano Pioli sempre appuntito, puntuale, preciso nelle conferenze stampa, uno Stefano Pioli che ha capito, compreso, inteso lo spogliatoio, uno spogliatoio che è coinvolto come non mai in questa stagione.
La società e il nostro allenatore stanno programmando già la prossima stagione, per allenare il Milan, diceva sempre l’ex Amministratore delegato del Milan nonché attuale Senatore della Repubblica Adriano Galliani ci vuole non solo la competenza tecnica ma anche e soprattutto il physique du rôle Stefano Pioli è tutto questo.

C’è un altra figura basilare in questa stagione vale a dire il nostro Direttore Sportivo Ricky Massara, colui che mette faccia, cuore e corpo prima e dopo le partite davanti alle telecamere, che per esempio sta gestendo divinamente la vicenda Lucas Paqueta ed è presente, presentissimo, vigile, vigilissimo a Casa Milan, in questa fase di mercato.
Lo sappiamo benissimo non lo nascondiamo, non ve lo nascondiamo, questa squadra ha bisogno di un vice Krunic e di un vice Gabbia ma come detto Ricky Massara e la società, Ricky Massara e la Pro-prie-tà ci sono e ci saranno. Aspettando le vostre scuse.

GauroPuma