CardinaleOut

15016

La voglia di scrivere è ancora poca, probabilmente a bocce ferme e non a caldo potremo e potrò analizzare più lucidamente tutta questa storia ma per adesso buttare giù due righe mi riesce solamente mettendo da parte la rabbia e con il freno a mano tirato altrimenti rischierei la chiusura del blog. A mio parere e solo a mio parere, so che tra voi e soprattutto tra gli altri redattori qualcuno non la pensa come me, Gerry Cardinale ha distrutto tutto ciò che Elliott, Gazidis e appunto Paolo Maldini avevano costruito. Questa è peggio di Atalanta-Milan 5-0 dove eravamo al fondo del barile, è una decisione presa da uno sciagurato americano che non ha capito nulla di cosa sia l’Italia, cosa rappresenti il calcio in Italia e cosa sia il Milan per noi milanisti.
Probabilmente è convinto che il calcio in Italia sia uno sport seguito all’americana magari, un paio d’ore di svago la domenica, mangiando hamburger, bevendo coca maxi, ruttando come se non ci fosse un domani.
Paolo Maldini può aver avuto delle colpe in questa stagione ma l’anno scorso ha fatto un capolavoro, Paolo Maldini che è il Milan non si caccia davanti a un prosecco, non credo Gerry Cardinale abbia compreso bene la gravità della cosa che avrà senz’altro conseguenze negative su allenatore e squadra.
Pioli rimarrà ma la mia sensazione è che molti dei senatori possano seguire Maldini e Massara e sono proprio curioso di vedere chi metterà al posto di Paolo e Ricky. Moncada e gli algoritmi no grazie.
Maldini era il mio personale garante, al Signor Galliani aveva detto no grazie perché fare il portaborse non lo “scaldava” per usare un eufemismo, disse no ai cinesi perché erano poco affidabili ma disse si ad Elliott ed aveva ragione. Stavolta è stato licenziato, ma attenzione non era solo un garante per me che sono un semplice tifoso lo era anche per i giocatori, molti dei quali sono pronto a scommettere, chiederanno la cessione.
Poi una domanda mi sorge spontanea: perché Pioli rimane al suo posto, non ha forse fallito anche lui?!
Era meglio arrivare quinti in campionato senza questo terremoto societario.
Non ho altro da aggiungere tranne: “CardinaleOut”

MattLeTiss

"Che cos'è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità d'esecuzione". Per questo ho amato alla follia Dejan Savicevic e Matt Le Tissier. Milanista da generazioni, cuore Saints grazie a "Le God". Sacchi mi ha aperto un mondo, Allegri me lo ha chiuso. Sono cresciuto col Milan di Arrigo, quello per me era il gioco del calcio, tutti gli altri prendono a calci un pallone.