AC MILAN: L’anno che verrà

4248

Vi riporto un estratto dell’ultima supercazzola del presidente Scaroni detto anche Stadioni, per la sua sindrome del mattone, o Scarovid visto che per il Milan è più pernicioso di una pandemia.  Insomma, chiamatelo come preferite, la sostanza non cambia.

“Per il momento abbiamo fiducia in Pioli, non so se arriverà il manager tedesco. Le scelte le fa Gazidis, non so neanche quando parla con altri candidati. Noi abbiamo fiducia in Pioli e Maldini”

Cioè, come dire… Ho molta fiducia nelle prestazioni del mio vicino di casa ma non so se mia moglie deciderà di trombare con l’idraulico, l’elettricista o il garzone del macellaio. Il problema di trombare, e con chi, è una sua responsabilità? Non è un problema mio ? boh…

“Abbiamo fatto un grande sforzo di riduzione dei costi. Il nostro amministratore delegato si è concentrato su questo, nel futuro cerchiamo giocatori giovani con prezzi ragionevoli. Non vogliamo prendere altre legnate dalla UEFA. Il Milan viene da un lungo periodo di crisi, mi sembra un’utopia pensare che la rinascita possa avvenire velocemente”.

Ma com’era quella faccenda del grande progetto di rilancio sportivo della società? E le legnate dalla UEFA? e gli avvocati belva? sono un po’ confuso…

“Come Milan, vogliamo contenere i costi ed aumentare i ricavi. La priorità và al nuovo stadio (azz.. che novità… ndr) e mi auguro di avere presto notizie positive. Lo stadio non è un monumento storico, noi conserveremo le vestigia del Meazza, non sparirà dalla geografia milanese, ma costruiremo uno stadio adatto ai nostri tempi. Il fatto che ci siano due azionisti che vogliono fare lo stadio più bello del mondo mi sembra un miracolo…”

Aumentare i ricavi contenendo i costi, cioè senza investire, è un vero miracolo imprenditoriale. Roba che nemmeno CR7 imponendo le mani. Non è che poi, per contenere i costi, iniziamo a ridurre la nutritissima e ben pasciuta pattuglia dirigenziale?

Beh, che volete di più? Non possiamo lamentarci che non sia stato chiaro, di averci illuso in qualsivoglia maniera. Quindi mettiamoci il cuore in pace ed evitiamo di dare retta alle notizie di mercato. Almeno non quelle che riguardano giocatori con un minimo di importanza che, di conseguenza, hanno anche un minimo di costo… Ora non potremo nemmeno più dire che non ce l’hanno detto. Non che non lo sapessimo per la verità, ma insomma… Tra le esternazioni presidenziali, la ripresa di un campionato farsa, lo stadio in comune (comincio a credere che il rischio di fare la fine del Monaco 1860 esista), il futuro non appare certo gustoso e promettente. Faccio un po fatica a scriverne, posso giusto provare a canticchiarci sopra…

AC Milan: “L’anno che verrà”

Milanista ti scrivo
Così mi diverto un po’
E siccome sei molto lontano
sul night ti scriverò

Da quando sei in quarantena
Ci sono grosse novità
Il campionato riparte oramai
a porte chiuse come ben si sa

Si gioca spesso di sera
Non importa se di festa
Con la clausola potremo fermarci
Ma soltanto se la Giuve è in testa

Siam stati senza giocare
Per intere settimane
Ora potremo recuperare
Se il contagio ci lascia stare

(cambio di tonalità)

E le televisioni
Finalmente pagheranno
Per non mollare i costosi diritti
Adesso scuse più non hanno

Ma Il presidente Scaroni
Ha detto che il nuovo anno
Il grande stadio certamente faremo
E tutti quanti stiamo già godendo

Pareggeremo il bilancio
E la UEFA ci applaudirà
grandi acquisti faremo ugualmente
e la squadra più forte sarà

E la risalita
Certamente ci sarà
Basta avere un po pazienza
Un giorno o l’altro arriverà

E vinceremo il derby
E pure il Calha segnerà
per la uefa ci classificheremo
per la champions si vedrà

(passaggio e variazione)

vedi milanista, cosa ti scrivo e ti dico
anche se non son contento
di come butta sto momento

vedi, vedi, vedi, vedi,

Milanista caro, cosa mi devo inventare
Per farti ridere un poco, Per farti ancora sperare

Se poi cambiasse tutto quanto in un istante
Milanista mio, sarebbe molto importante
Cambiar potessi molto anch’io …

(chiusura)

La prossima stagione
Poco o nulla migliorerà
È  meglio che ti prepari
E’ questa la novità

PS. Spero che il grande Lucio possa perdonarmi per aver massacrato il suo testo, anche se la metrica sono riuscito a rispettarla. D’altra parte era anche lui un grande tifoso di calcio, del Bologna ovviamente, e sono certo che da lassù potrà capire cosa può passare nelle nostre menti di tifosi malati…

FORZA MILAN !

Axel

 

Puoi cambiare tutto nella vita. La fidanzata, la moglie, l'amante, la casa, il lavoro, la macchina, la moto e qualsiasi altra cosa che ti viene in mente. Solo una cosa non potrai mai cambiare. La passione per questi due colori. "il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari". Grazie mamma che mi hai fatto milanista, il resto sono dettagli.