Balaustrata di brezza

3917

Dall’estasi di Londra alla tremenda capocciata salernitana. Dall’immensa gioia per gli splendidi risultatati di un eccezionale weekend alla delusione tremenda per un pareggio amarissimo. Questo il nostro percorso emotivo che ci vede tristi e depressi nella notte di un Lunedì maledetto. Mamma mia, che rabbia! Dov’è finito il mio incontenibile entusiasmo per la sconfitta degli Orrendi? Disperso. Annichilito nel buio di un umore diventato nerissimo. Come si può gettare al vento un’occasione così grande e irripetibile? Noi possiamo tutto, purtroppo. Anche farci infilare in un singolare contropiede, iniziato, credo, da un fallo laterale, dopo aver sbloccato faticosamente il risultato. Era successo un miracolo. Gol di testa di Giroud su cross da corner. Un evento rarissimo per noi. Siamo riusciti a vanificarlo, nonostante in porta sia tornato un fenomeno che ci ha salvati sullo 0 a 0. E così la mia sera, dopo un fuoco di fila di scatti d’ira, si dipinge di tristezza. Eh, sì, caro Ungaretti, mi sento come te, quando scrivevi “ Balaustrata di brezza per appoggiare stasera la mia malinconia”. Ed ora sono qui, dopo aver dormito poco e male, a leccarmi le ferite. Penso che non avrò nemmeno la forza di gufare gli Orrendi con il Porto.

Sta’ buono Sabato

D’altra parte, bisogna smetterla di piangersi addosso e guardare avanti verso un futuro prossimo che si chiama Udinese. Brrrrrr!!!!!!! Perchè hai cercato quel giallo, Olivier? Perchè, maledizione al secchio? La trasferta friulana è addirittura più importante di quella partenopea. Ho esultato selvaggiamente per il meritatissimo passaggio ai Quarti di Champions. So, però, che il pass per l’ Europa che conta ce lo può dare solo il campionato. E noi abbiamo perso due punti sanguinosi con la Salernitana. C’erano più di 70mila anime a S. Siro. Palpitavano per e con i loro ragazzi. Volevano trascinarli alla vittoria con la forza del loro immenso amore. Niente da fare. Altri milioni di cuori rossoneri hanno pulsato e sofferto invano. Sinceramente non mi va di prendermela con arbitro e Var, che, pure, non sono certo stati ineccepibili. Curioso come venga interpretato a discrezione il protocollo nei nostri confronti. Ma noi potevamo e dovevamo fare di più.

Sei imbarazzante

Molti dicono che sia ingiusto prendersela con Pioli, perché la colpevole è la Società. L’allenatore è costretto a fare le nozze con i fichi secchi a causa di un Mercato sparagnino e di soldi spesi, comunque, male. Io penso che nessuno ami Gerry. La sua ultima intervista, poi, fa cadere le braccia. Campagna acquisti basata sugli algoritmi. RedBird sta al Milan come il Qatar al Psg. Pazzesco. Prego? Ti rendi conto di quel che dici? Vuoi proprio prenderci per i fondelli, eh! Siamo un club algoritmico e parametrico in mano a gente che vedrei volentieri lontano dal Milan. Va’ a da’ via i ciapp, Gerry. Sei inadeguato, fastidioso e inquietante. La dirigenza ha sbagliato il Mercato? Va bene. Ma dobbiamo affrontare la stagione con questa rosa, cercando di utilizzarla al meglio delle sue potenzialità. Questo è il compito dell’allenatore. A me sembra che lo svolga molto male. Andavo a cento all’ora a trovar la bimba mia, cantava un giovanissimo Morandi.

La Stele di Rosetta

Non è fisiologicamente possibile andare sempre ai cento all’ora e mantenere una concentrazione feroce. Cali fisici e di tensione sono normali. Noi non riusciamo a vincere partite in cui giochiamo male, perché ci mancano i campioni che sappiano sfoderare il colpo del fuoriclasse? Questo, secondo me, è vero solo fino a un certo punto. Il gol con la Salernitana l’avevamo anche trovato. Non riusciamo a gestire le partite perché trascuriamo di irrobustire il centrocampo, cioè il reparto che dà equilibrio alla squadra. I due titolari hanno la lingua fuori e le nostre giovani mezze ali si prendono balaustrate di brezza in panchina. Ti piace Brahim? A me non fa impazzire. Ma ok, fallo giocare. Magari a destra, come era accaduto con i Gobbi. Insieme a 3 centrocampisti. E mi spieghi in base a quali elucubrazioni hai smontato la fascia sinistra che funzionava a meraviglia? Prima c’è stata la genialata di impiegare Theo quasi da mezz’ala. Poi, con la difesa a 3 e Theo quinto, mi hai accentrato Leao. Sarà un caso che Rafa non segna più e gioca male? E’ tutta e solo colpa sua? Bah! I cambi li programmi a bocce ferme e poi, vada come vada, fai quello che avevi deciso? A me sembra che per te decifrare l’andamento di una partita sia più difficile che decriptare la Stele di Rosetta. Sarò io a sbagliare per carità. Al cuoco mancano gli ingredienti giusti, ma siamo sicuri che una balaustrata di brezza atta a rinfrescare il cervello non farebbe bene?

Quanta delusione, ragazzi. D’accordo, gli attaccanti sono quel che sono. L’unico affidabile è il vecchio Giroud. Olivier, fosse entrata quella tua fantastica rovesciata, sarebbe venuto giù S. Siro. Comunque una difesa che conta su Magic, Kalulu, Thiaw, Tomori, Theo è forte. Benna e Tonali sono ottimi giocatori. Leao, con i suoi difetti, è un prospetto di campione. Togliere lui e Giroud dopo 20 minuti della ripresa non mi è sembrata una mossa particolarmente astuta. Vranckx, Pobega, Adli sono dei brocchi? Io non ci metterei la mano sul fuoco. Al di là di tutto, siamo in ballo per la zona Champions e dobbiamo ballare. Cerchiamo di prendere ritmo, per favore. E vediamo di emozionarci con i sorteggi Champions, anche se questo maledetto pareggio ha guastato tutto. Chi vorrei incontrare? Il Porto! Figuriamoci… Certo che quella maledetta palla sul colpo di testa di Florenzi non ha proprio voluto entrare. L’ha respinta Kalulu sulla linea. Dea Eupalla, non ci sei amica. Gli Orrendi sono passati. E ti pareva….. Impossibile che potessi annegare le mie pene in un bel bicchiere di Porto. Per me solo una balaustrata di brezza dove appoggiare anche stasera la mia malinconia. A questo punto voglio loro ai Quarti. A costo di far saltare le mie povere e provate coronarie. Vuoi vedere che prenderemo il City? Forza Milan!

Chiara

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.