Sogno, o son desto ? ?

6597

E’ il minuto 66 quando Bennacer, con un gran tiro dal limite segna il 2-1. Immediatamente mi viene in mente che, dopo aver dimezzato il vantaggio dei diversamente spondati, ci saremmo buttati alla cieca per cercare il pari che avrebbe garantito la qualificazione. Immagino che giocando così rischiamo di prenderne un altro se non due o peggio e che 22 minuti così, col cuore in gola e le chiappe strette non li posso reggere, sapete com’è, ad una certa età è meglio non rischiare.
Un microsecondo e spengo il TV dichiarando ufficialmente lo stato di emergenza in casa Axel con il relativo coprifuoco e mando tutti a nanna come si usava fare una volta con i bimbi dopo carosello. Ssssst, non voglio sentire nulla, sapere nulla, pensare nulla e mi metto pure i tappi nelle orecchie per non correre il rischio di sentire il mio dirimpettaio (milanista pure lui), e intimo a Lady di spegnere il telefono pena divorzio immediato per colpa grave etc. etc. etc. Buio, silenzio ed isolamento totale fino a mattina. Mi sveglierò, berrò il caffè, chiuderò gli occhi e solo allora riaccenderò il cellulare e controllerò il risultato. Preferisco così, almeno dormo senza soffrire troppo e troppo a lungo…

Il consesso dei sapienti…

Arriva la mattina di mercoledì e, dopo il caffè di rito, chiudo gli occhi, apro il cellulare e guardo. 3-0 … e beh, l’avevo supposto che un altro ce lo avrebbero messo dentro. D’altra parte in una partita in cui i cuginastri scendono in campo in grande spolvero, Tomori trova una serata no (e può capitare anche a lui e nulla toglie all’ottimissimo giocatore che si è dimostrato fino ad ora), pure Magnan arriva (non per colpa sua sia chiaro) con un microsecondo di ritardo tanto che la tocca ma non abbastanza per respingerla, facendoli andare in vantaggio dopo cinque minuti e facendogli fare la partita che preferiscono (belli tosti e coperti dietro e via in contropiede che con un giocatore veloce e maestro dei movimenti come Lautaro può essere letale), ci può stare, ma… c’è qualcosa che non torna….

Che stia ancora dormendo e stia sognando tutto? Che il sito dove ho guardato abbia commesso un errore clamoroso? Guardo qua e là ed apparentemente non ci sono errori; 3-0. Mi chiedo che fine ha fatto il gol di Benny. Leggo e scopro che è stato annullato per fuorigioco. Fuorigioco? Non capisco… mando mentalmente a quel paese il cliente dal quale avrei appuntamento, accendo il TV e mi guardo gli highlights. Guardo e continuo a non capire…

e lo so… stavamo festeggiando anche noi…

Dopo una approfondita ricerca sul web scopro che gli addetti al VAR, in tempo record, contattando la Farnesina prima e poi l’ambasciatore Italiano in USA, hanno avuto accesso alle immagine dei satelliti statunitensi, li hanno girati istantaneamente al mago Otelma, alla Sciarellona di chi l’ha visto (che a dipanare i misteri è abituata), agli analisti della CIA, al gruppo di ricerca di scienze comportamentali dell’università del Michigan a Miss murple al commissario Montalbano e ad un gruppo di esperti in dattilologia e lettura labiale. L’erudito quanto illuminato consesso, riunito in seduta plenaria, analizzando attentamente le immagini ha potuto inequivocabilmente stabilire che Kalulu, nel corso dello sviluppo dell’azione, ha insultato con gesti scurrili e parolacce il buon Handanovic e che costui, distratto dal rude comportamento del rossonero, non ha potuto intervenire sul tiro di Benny. Quindi, fuorigioco attivo per “distrazione indebita del portiere” e gol annullato. Ma pensa, ed io che credevo che il tutto fosse limitato ad una semplice chiamata telefonica… (da chi a chi lo lascio immaginare a Voi). So solo una cosa, come ha ribadito anche Pioli. Un portiere che prende un gol dove ci sia anche il seppur vago sospetto di fuorigioco e non protesti non si era mai visto nella storia del calcio. Le considerazioni del caso le lascio a Voi…

Ora, scherzi a parte, in tutta franchezza l’Inda avrebbe anche meritato, sono davvero convinto che sul 2-1 probabilmente ne avrebbero fatto un altro ma rimane che, se a 22 minuti più recupero dal termine della partita la riapri, hai il diritto di provarci e poi vada come vada ma almeno te l’hanno fatta giocare e se perdi è solo colpa tua. Tocca anche ammettere che, pur giocando benino per diversi tratti del match se, come mi scrive l’amico Stefano, su dieci tiri, con tre abbiamo massacrato le ginocchia di Handanovic, con altri tre abbiamo saggiato la resistenza delle reti di San Siro e gli altri quattro li abbiamo spediti nell’orbita di Saturno tanto in là non puoi pretendere di andare”. Inoltre, mi suggerisce ed ahimè concordo, “questa partita non avrà particolari effetti su di noi, in quanto consapevoli del nostro gioco e della nostra forza ma avrà risvolti positivi sui cugini di ….. (questo non lo posso scrivere…) che vinceranno in carrozza la prossima per poi rotolare in discesa verso il secondo consecutivo. E quando alla fine Pioli ha inserito il ragazzino ho sperato: Stai a vedere che lo fa salire per azzoppare Devrj e mette Gabbia per gambizzare Brozovich così gli rendiamo più difficili le prossime. Come a dire, OK la coppetta la tenete Voi ma in campionato… beh, ne riparliamo eh… “

Chiudo con una veloce digressione. Per curiosità ho fatto un giro su un paio di siti di orrendi, gobbi e fuffaglia varia. Parlano solo di noi e sono preoccupatissimi; non capisco il perché. Ne sapete niente Voi?

FORZA MILAN

Axel

Puoi cambiare tutto nella vita. La fidanzata, la moglie, l'amante, la casa, il lavoro, la macchina, la moto e qualsiasi altra cosa che ti viene in mente. Solo una cosa non potrai mai cambiare. La passione per questi due colori. "il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari". Grazie mamma che mi hai fatto milanista, il resto sono dettagli.