Pagelle Roma Milan 1-1 del 29 aprile 2023

9846

 

Il Milan oggi non ha giocato una bella partita.

Ma per giocare bene a calcio bisogna essere in due, ed oggi una squadra ha cercato di giocare a calcio mentre l’altra solo a calci, con dieci uomini sotto la linea della palla, ostruzionismo scientifico, falli falletti e fallacci in ogni zona del campo sotto gli occhi di arbitri e varisti conniventi.

E alla fine questa banda di scarponi stava pure per portare a casa i tre punti, e non c’è riuscita per una curiosa legge del contrappasso che ha voluto punirla ad opera di uno scarpone nostro.

Comunque prendiamoci questo punticino e andiamo avanti, del resto nulla mi farà cambiare idea, da qui a fine stagione abbiamo 6 rotture di cazzo e 3 partite importanti da giocare, ALL IN E VAFFANCULO

Maignan: 6 Incolpevole sul gol, un paio di uscite in mischia, per il resto ordinaria amministrazione

Calabria: 6,5 Nel complesso buona partita, macchiata da un unico grave errore in ripartenza con palla persa su Spinazzola che avremmo potuto pagare a caro prezzo

Kjaer: 6,5 Un signore della difesa, sempre ben posizionato e pronto a picchiare il giusto

Kalulu: 5 Ingresso poco convinto e poco convincente, con errore di posizionamento su Abraham immediatamente punito

Tomori: 6 Senza infamia e senza lode, esce per una botta e per l’ammonizione banale spesa su Belotti

Thiaw: 6 Peccato per la brutta palla persa in uscita che spalanca il contropiede della Roma sul gol (ma le colpe sono anche di altri), fatalmente abbassa il voto del suo secondo tempo molto positivo, giocato tutto sull’anticipo e sulla padronanza nelle palle alte

Theo Hernandez: 5 Male, male, male…un paio di botte prese all’inizio lo convincono evidentemente a stare sulle sue e ad innestare il pilota automatico

Tonali: 6 Di lotta e di fatica, ma assai poco preciso negli appoggi

Krunic: 5 Bene come sempre in interdizione ma pessimo in costruzione, con alcuni passaggi semplici sbagliati con una tale facilità da indurre alla bestemmia

Brahim Diaz: 4,5 Non pervenuto

Saelemaekers: 6+ Poco più di mezz’ora di confusione totale, ma il gol salvavita all’ultimo sospiro è di tale importanza che tutto il resto passa in secondo piano

Bennacer: 5,5 Corre, si sbatte e cerca di rifinire, però Santo Iddio che si alleni un po’ a battere i corner, perché non ne tira uno decente

De ketelaere: 4,5 Il contrasto da ballerina che perde sulla ripartenza del gol giallorosso è emblematico, ma la colpa non è sua, è di chi l’ha comprato e di chi continua a farlo giocare

Leao: 7,5 (il migliore) Inizialmente stenta un po’ a carburare, ma col passare dei minuti manda ai matti l’intera retroguardia romanista, costretta costantemente a raddoppiarlo se non a triplicarlo per tentare di mettere un argine, alla fine pennella l’assist al bacio che pone rimedio ad un’ingiustizia

Giroud: 5 Tanta lotta e qualche sponda, ma davvero troppo poco per meritare la sufficienza

Origi: SV

 

Pioli: 5,5 L’impressione è che contro una Rometta molto rimaneggiata potesse e dovesse proporre qualcosa di meglio, alla fine la costante di questa stagione è che la sua squadra riesce a dare il meglio solo in ripartenza stentando moltissimo quando si tratta di costruire il gioco, soliti cambi peggiorativi nel finale ma lì la colpa più che sua è del materiale umano seduto accanto a lui in panchina

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.