Pioli is on Five

6157
Il tecnico rossonero ancora alle prese con gli up e down della sua squadra.

“Non riusciamo a trovare mai soluzioni contro di loro” (P. Maldini)
Oppure
“Divario con l’Inter è reale, nelle ultime 4 non c’è stata partita” (P. Maldini)

Queste sono le parole di Paolo Maldini a fine partita del derby di ritorno di Champions. Personalmente le avevo interpretante come un attacco alla proprietà, invece sono state le prime picconate a Pioli da parte del Capitano. Molto probabilmente uno dei contrasti che hanno portato alla separazione tra Cardinale e Maldini.
Perché che Pioli contro Inzaghi non ci capisca nulla mi sembra abbastanza palese, noi ovviamente ricordiamo i 5 derby persi, ma già nel 4-0 con la Lazio di Sarri abbiamo preso gol simili a quelli dell’altra sera. Perdere 5 derby di fila ha spedito Pioli nella storia, ma la contrario. Una cosa che non è riuscita a nessun altro, nemmeno negli anni del Piccolo Diavolo con squadre che forse, e sottolineo forse, tecnicamente erano inferiori a questa ma che avevano uno spirito e un coinvolgimento ben superiore a quelli che adesso indossano la nostra maglia. Sta lentamente riuscendo a cancellare il vanto milanista che dura da vent’anni, l’orgoglio di una qualificazione Champions e quello del derby vinto 6-0. E ci è andata bene che stavolta Istanbul è stata benigna, altrimenti la disfatta era completa.

Ora voi sapete che non sono un Fan di questa proprietà americana, perché a livello societario da esterno mi da la sensazione che sia tutto freddo, calcolato, asettico, tutto privo di emozioni, e sto cercando di affezionarmi ai ragazzi, cosa che mi sta risultando molto difficile. Bene questa società ha portato avanti un mercato che tutto sommato ha una sua logica. Ha cercato di riparare alle lacune tecniche, e ancora c’è ne sono, però mi rendo conto che acquistare venti giocatori è impossibile. Ma nessuno si è accorto che dietro non siamo proprio forti come molti vogliono credere. Perché hai 5 centrali, togliamo Pellegrino che è un prospetto, hai Kjaer, Thiaw, Tomori e Kalulu, tutti con le loro caratteristiche che vanno assecondate, tralasciando i terzini, specie a destra.
L’altra sera per necessità schieriamo Kjaer e Thiaw, ma perché farli pressare alto che non ne hanno le qualità tecniche e non giocare più bassi e metterla nel fisico? Li hai costretti a giocare quasi a centrocampo per costantemente rincorrere, Kjaer non c’è la faceva e Thiaw che sul piano atletico, vuoi per età, in qualche modo, piuttosto maldestro, riusciva a sopperire ma andava in difficoltà tecnica. A giocare alto te lo puoi permettere, forse, con Fik e Kalulu, anche per nascondere le loro difficoltà di lettura in area. Chiuditi e prova a ripartire, ben che vada portiamo a casa un punto che sarebbe stato oro che cola, avresti 10 punti con 3 trasferte giocate.
Niente continuiamo a giocare alla Garibaldina e venire puntualmente infilati. Mi hanno sempre insegnato che dagli errori s’impara forse il detto vale solo per me.

Io sono dell’idea che per il livello tecnico Italiano, la squadra sia competitiva e più forte dello scorso anno, vero manca Bennacer, però se ciclicamente si vedono sempre gli stessi errori allora qui il problema viene da chi comanda.
E come sapete io su Pioli sono molto scettico, perchè temo che con lui significa semplicemente lottare per i primi quattro posti, altro che stella, e quest’anno non ci saranno penalizzazioni a semplificare le cose, e destinati a non crescere tecnicamente.
La società in 5 minuti ha esonerato l’intera area tecnica, ma ha tenuto l’allenatore scelto dalla stessa area tecnica che tu hai esonerato e già lei stessa iniziava ad avere dei dubbi sull’allenatore stesso. Una cosa mai vista.

Nel 2023 e siamo a settembre, con questo allenatore abbiamo già collezionato ben 11 sconfitte ve le elenco:

11 gennaio mIlan – Torino 0-1
18 gennaio Milan-Inter 0-3
24 gennaio Lazio – Milan 4-0
29 gennaio Milan – Sassuolo 2-5
5 febbraio Inter-Milan 1-0
4 marzo Fiorentina – Milan 2-1
18 marzo Udinese – Milan 3-1
10 maggio Milan-Inter 0-2
13 maggio Spezia-Milan 2-0
16 maggio Inter-Milan 1-0
16 settembre Inter – Milan 5-1

con uno score così nell’epoca Berluconi Pioli era già a Parma da un bel pezzo.
Purtroppo Pioli ha perso quella umiltà che me lo aveva fatto apprezzare, ora è spocchioso e supponente. Ed è da un pezzo che lo sto notando, una volta le sue interviste erano interessanti, lucide ed obiettive. Ora sono esattamente l’opposto, anche se in quella di ieri ha già cambiato registro. Evidentemente qualcuno glielo ha fatto notare.
Con la ciliegina che non devi chiedere scusa perché non lo avete fatto apposta? Ma io se girandomi urto qualcuno chiedo scusa anche se non l’ho fatto apposta.
Quindi caro Pioli sabato sera invece di propinarci la barzelletta dei 4 minuti, che per 70 minuti il Milan ti è piaciuto, che siamo forti e sei convimto di fare bene, dal mio punto di vista dovevi sederti in conferenza stampa, chiedere scusa a tutti i tifosi che hanno pagato il biglietto, per rispetto verso la nostra storia e la nostra maglia che non avete onorato e anche per lo stipendio che prendi. Detto questo ti alzavi e te ne andavi perché tutto il resto è inutile.
E speriamo bene per stasera, perchè io sono preoccupato.

“Chiedo IO personalmente scusa ai nostri tifosi, chiedo scusa al presidente Berlusconi e mi vergogno” Fabio Capello nel 1998 dopo Roma-Milan 5-0.

Altri uomini altri allenatori.

W Milan

Harlock

"Quando il Milan ti entra nelle vene avrai sempre sangue rossonero" Ho visto la serie B, ho visto Milan Cavese, ho toccato il tetto del Mondo con un dito e sono ricaduto ma sempre rialzato. Ho un papà Casciavit....Grazie per avermi fatto milanista.