Alen Halilovic

1357
credits: La Presse

Data e luogo di di nascita: 18/06/1996 – Dubrovnik (Croazia)
Altezza: 169 cm
Nazionalità: croata
Ruolo: trequartista
Piede: sinistro
Valore di mercato: 2,5 mln € (Fonte: Transfermarkt)
Procuratore: LIAN SPORTS
Social Media: twitter facebook instagram

In rosa nel Milan dal: 03/07/2018
Scadenza del contratto: 30/06/2021
Sponsor Tecnico: adidas
Numero di maglia: 77

Esordio tra i professionisti: 29/09/2012 Dinamo Zagabria-Hajduk Spalato 3-1
Esordio in Nazionale: 10/06/2013 Croazia-Portogallo 0-1

Biografia
Alen Halilovic è il tipico giocatore a cui l’etichetta di talento inespresso calza a pennello e non risulta abusata. Alen è figlio d’arte, suo papà Sejad è stato calciatore della nazionale croata prima e bosniaca poi. Ha militato in diverse squadre della ex jugoslavia raggiungendo il picco della sua carriera con l’esperienza in liga nel Real Valladolid del giovane Ruben Baraja poi diventato un’autentica colonna del Valencia. Alen però è molto più dotato del padre tanto che a 13 anni fu al centro di una vera contesa tra la Dinamo Zagabria ed il Real Madrid perché il giovane calciatore andò per quattro giorni alla cittadella dei blancos che fece il possibile per trattenerlo. Alla fine il ragazzo tornò in Croazia e non passò molto che Romeo Jokaz (responsabile delle giovanili della Dinamo Zagabria) si sbilanciò a tal punto che quando Alen aveva soli 14 anni disse: “Ho visto crescere uno come Luka Modric e posso dirvi che alla sua età Alen è un passo avanti anche a lui”. Oggi questa frase fa sorridere in molti, ma all’epoca Halilovic arrivò a debuttare poco più che sedicenne con la Dinamo Zagabria segnando il suo primo gol da professionista alla seconda partita diventando così il più giovane calciatore ad aver segnato nel campionato croato (record prima detenuto da Kovacic) . Il giocatore è talmente ben visto da debuttare anche in Champions League (secondo giocatore più giovane della manifestazione) attirando così le attenzioni di club come City (manderà degli osservatori in Croazia) e Real Madrid venendo etichettato come il nuovo Modric.
Passa solo un anno e a mettere gli occhi su di lui è il Bayern di Guardiola, ma è il Barcellona a spuntarla facendogli firmare nel maggio 2014 un contratto di 5 anni. Il calciatore inizia nel Barcellona B dove prende la maglia numero 23 disputando 30 partite realizzando 4 gol. Il debutto con la squadra maggiore arriva il 15 gennaio 2015 nella Coppa del Re contro l’Elche, ma a fine stagione decide di giocarsi le sue chance andando in prestito allo Sporting Gijon.
Halilovic parte subito bene disputando un’ottima partita nella vittoria in trasferta contro il Deportivo La Coruna con assist, giocate di prima, accelerazioni, dribbling. La stagione però vivrà di alti e bassi mostrando solo a sprazzi le grandi doti che gli vengono riconosciute, ma porta comunque lo Sporting alla salvezza all’ultima giornata.
Nel 2016 il Barcellona cede il giovane croato all’Amburgo per 5 milioni, ma crede ancora nel giocatore tanto da tenersi il diritto di recompra per le successive due stagioni alla cifra di 10 milioni di euro. L’avventura in Germania però è brevissima: dopo sole quattro giornate viene esonerato Labbadia e l’avventura di Halilovic volge presto al termine con il croato spedito in prestito con diritto di riscatto al Las Palmas per un anno e mezzo. Le sue prestazioni non sono esaltanti e complice anche un brutto infortunio alla caviglia perde anche la prima parte della stagione 2017/18.
A fine anno gli spagnoli non esercitano il diritto di riscatto ed il giocatore fa ritorno in Germania, con il Milan che si accorda per il suo arrivo in rossonero a parametro zero con una percentuale sulla futura rivendita.
Halilovic debutta in nazionale il 10 giugno 2013 subentrando al 50° minuto al neo rossonero Strinic. Da allora vanta 9 presenze in nazionale senza nessuna rete all’attivo.
Curiosità. Pur essendo croato ed avendo militato nelle giovanili della Dinamo Zagabria, Alen è tifoso di una squadra bosniaca, quel FK Sarajevo strapazzato dall’Atalanta nel secondo turno preliminare di europa league. La squadra della capitale bosniaca lo ha omaggiato con una maglia recante il suo nome.
Non molti sanno che pochi mesi prima del passaggio al Barcellona Halilovic sfoggiò un tatuaggio con la scritta “Hala Madrid” a suo dire realizzato per il suo idolo Cristiano Ronaldo.

Caratteristiche tecniche
Alen nasce trequartista per poi arretrare col tempo la sua posizione anche nel ruolo di play oltre che giocare in fascia. Dotato di buonissima tecnica e propensione al dribbling è un giocatore che tende a tener palla pur non disdegnando accelerazioni e passaggi vincenti. Nonostante la tecnica è poco avvezzo al gol.

Carriera
Club: Dinamo Zagabria, Barcellona, Sporting Gijon, Amburgo, Las Palmas, Milan
Nazionale: Croazia, Croazia U21, Croazia U18, Croazia U17, Croazia U16, Croazia U15, Croazia U14
Palmares Milan:
Palmares: 2 Campionati croati (2012/13 e 2013/14), Supercoppa di Croazia 2013, Campionato spagnolo 2014/15, Coppa del Re 2014/15, Champions League 2014/15, Supercoppa Uefa 2015
Palmares individuale:

Statistiche club

Statistiche nazionale

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l'AC Giannino 1986. Sempre all'attacco. Un sito di curvaioli (La Repubblica). Un buco nero del web (Mauro Suma)