Continuità

8593

Il Milan cambia, ma la strategia sul mercato resta la stessa: da Elliott a RedBird nel segno della continuità, anche ai tavoli di trattativa. Il club si siederà per rinforzare la squadra con giovani di prospettiva, investimenti sì ma mirati. Con Zaniolo e De Ketelaere verrà seguita la linea che in passato aveva portato in rossonero Leao e Tonali, ma anche Kalulu e Saelemaekers. Con un tratto distintivo in più: nessuno degli ultimi quattro aveva un’esperienza europea consolidata. Quanto fatto nei tornei nazionali era abbastanza per credere che potessero contribuire alla scalata del Milan ai vertici della Serie A. Sia Zaniolo che De Ketelaere hanno frequentato l’Europa e la Champions League: potranno aumentare le loro conoscenze internazionali e insieme agli altri giovani rossoneri riportare la squadra a competere con le grandi del continente. La strategia ha funzionato in Italia, l’obiettivo è ripetersi anche uscendo dai confini nazionali. Il Milan cambia, ma la strategia sul mercato resta la stessa: da Elliott a RedBird nel segno della continuità, anche ai tavoli di trattativa. Il club si siederà per rinforzare la squadra con giovani di prospettiva, investimenti sì ma mirati. Con Zaniolo e De Ketelaere verrà seguita la linea che in passato aveva portato in rossonero Leao e Tonali, ma anche Kalulu e Saelemaekers. Con un tratto distintivo in più: nessuno degli ultimi quattro aveva un’esperienza europea consolidata. Quanto fatto nei tornei nazionali era abbastanza per credere che potessero contribuire alla scalata del Milan ai vertici della Serie A. Sia Zaniolo che De Ketelaere hanno frequentato l’Europa e la Champions League: potranno aumentare le loro conoscenze internazionali e insieme agli altri giovani rossoneri riportare la squadra a competere con le grandi del continente. La strategia ha funzionato in Italia, l’obiettivo è ripetersi anche uscendo dai confini nazionali.

Fonte Gazzetta dello Sport

In passato, di questi tempi, si redigevano le liste di proscrizione (io ne sono uno specialista), via questo, via quello…con ferocia sempre crescente. Fortunatamente i tempi sono cambiati e stiamo vivendo, in questi giorni, un cambiamento societario senza alcuno scossone, almeno apparentemente. RedBird ha acquisito da Elliott la maggioranza del pacchetto societario, quindi Elliott rimane e questa è una buona notizia. Significa equilibrio, continuità…appunto. E proprio nel segno della continuità che la conferma di Maldini & Massara sono un passaggio cruciale; sono stato uno dei pochi a non dare eccessivo peso alle parole di Maldini…, nessuno spende oltre un miliardo di euro per poi distruggere quanto di buono (eufemismo) c’è in quello che hai comprato. Nessuno è così folle da fare una cosa del genere; basta leggere cosa ha costruito nel tempo Zio Gerry per capire che questo qui non spende per comprarsi un giocattolo con cui fare quello che vuole.

Il Milan ne esce rafforzato e nel momento giusto, non si poteva costruire una squadra che ben figurasse anche in Europa con la parsimonia di Elliott; certo, questa parsimonia di Elliott ci portato in dote lo scudetto, ma qualunque proprietà a gennaio avrebbe rinforzato difesa e centrocampo, che poi le cose abbiano preso una piega a noi favorevole è più merito di Pioli e dei ragazzi che dei Singer. Diciamolo pure, i Singer, nella circostanza, sono stati fortunati. Ci sono tanti nodi da sciogliere, come i rinnovi di alcuni calciatori e il mercato, ma questo è il momento di spiccare il volo, di tornare ai fasti di un tempo nella continuità, continuando a scegliere uomini con i valori. Maldini & Massara lo sono.

Gianclint

Il mio primo ricordo furono i pianti per una sconfitta in finale con il Magdeburgo.. Rivera e Chiarugi erano i miei idoli, ma ho amato anche Wilkins ed Hateley. Per il Milan di Sacchi avrei lasciato tutto e tutti. Rimane per me la pietra di paragone. Scrivo di getto come Mozart, odio i servi, i ruffiani e i leccaculo. Scrivo per il gusto di farlo e potrei dare lezione alla maggior parte dei giornalisti al seguito del Milan, incapaci di scrivere qualcosa di accattivante e vero. Detesto chi scrive e annoia e lo fa solo per ingraziarsi qualcuno. Disprezzo fanatici e cretini. Ragiono con la mia testa e del risultato me ne frego; chi gioca bene vince due volte.