Eravamo in centomila

18 settembre 2017 | Di | Rispondi Di più

Nikola, io pensavo che tu fossi un discreto calciatore. Invece sei un grande!

Visto che ce l’ho fatta a vedere il Milan vincere dal vivo? E’ davvero bello palpitare per la squadra in un S. Siro pulsante di amore rossonero. Oddio, qualche intruso c’era. Per esempio il mio Orrendo, con tanto di cuscinetto nerazzurro. Ma, insomma, se ne è stato buono. Non ha disturbato, non ha sporcato… Oddio, Montella ce l’ha messa tutta per farmi arrabbiare, non schierando Calha e Andrè. Ma, almeno, mi ha risparmiato la presenza di Montolivo… La differenza tra Biglia e lui è quella che passa tra il giorno e la notte. Lucas mi è piaciuto un sacco. Un signore del centrocampo. D’accordo, la nostra partita, non certo esente da errori, non è stata brillantissima. Ci sono dei problemi. Inutile nasconderlo. La difesa, anche a tre, non trasmette un gran senso di sicurezza. Però, finalmente, dopo tanti anni, ho visto il Milan giocare a calcio. Mi sono quasi commossa. Volevo a tutti i costi questa vittoria su coloro che l’anno scorso ci aveva battezzato due volte. La sognavo, l’accarezzavo nel mio pre non privo di inquietudini.

Insomma, non faccio in tempo a godermi la manita di Vienna che mi becco la mazzata Conti. Una tristezza infinita. Mi viene quasi da piangere per e con lui. Mi spiace tanto, Andrea. Forza! Ci vorrà tempo, ma tornerai ad essere la nostra meravigliosa freccia bionda . Non seguo gli Orrendi a Crotone. Mannaggia, vincono pur giocando male, mi dicono. Pazienza. Guardo Roma-Verona. Sono felice per l’ottima prestazione di Florenzi. Inutile dire che il mio pensiero va a Andrea. Considerando il Mercato del Verona, mi viene il sospetto che, dietro le quinte, l’abbia gestito il Condor. E’ stato condotto in tipico stile Giannino. Bene così. Gli Scaligeri, per ovvi motivi, non mi sono particolarmente simpatici. Tornassero in B, non mi spiacerebbe. Ma pensiamo a noi. Vincenzino, perché mi lasci in panca Calha e André Silva? Perchè? Dillo. Mi vuoi male? Vengo a S. Siro lo stesso, anche se mi fai venire la voglia di non farlo. Suso seconda punta. L’aveva già fatto a Genova con Gasperini. Bah! Jack e non Hakan. Io andrei allo stadio anche solo per vedere Calha, mannaggia. Almeno andiamo di 3-5-2, dai. Calabria non mi piace. Come terzino è una sciagura. Però in quel ruolo forse può cavicchiarsela meglio. Io, comunque, avrei schierato Abate. Fosse disponibile Conti… Il pensiero mi fa male. Forza, Andrea! Sei un ragazzo esuberante, pieno di vita. Tornerai più forte di prima. Mangio in fretta. Non guardo i Gobbi. Devo partire per Milano, io. Tanto, sarà il solito Sassuolo in formato zerbino. Toh, neanche stavolta gioca Berardi, quello che si scatena sempre contro di noi. Buon per lui che i Gobbi arrivino solo un paio di volte all’anno. Altrimenti rischierebbe di stare più ai box che in campo. Tripletta di Messibala, sento. Io ci scherzo su, ma, in realtà, ritengo che il puffo sia un grandissimo giocatore.

Il sole accompagna il mio viaggio e il mio arrivo a Milano. Prendo la cosa come un buon auspicio. S. Siro mi emoziona già dall’esterno. Per me è uno stadio bellissimo. Entro mano nella mano con il mio Orrendo. Il colpo d’occhio è notevole. Mi viene in mente “ Eravamo in centomila” di Adriano Celentano. “ Io In (ter). Lei Mi (lan).” La canzone si adatta proprio al mio caso. Oggi niente pienone, ma di gente ce n’è tanta, eh! A occhio, saremo in cinquantamila. Niente male per una partita non di cartello. Mi viene un tuffo al cuore, vedendo lo striscione “ Fossa dei Leoni”. Certo, non è la stessa cosa. Crea, comunque, un tenero, dolce, piacevole senso di lieve struggimento. Il tiro alto di Suso da ottima posizione mi provoca un palpitino. Rimango gelata dal gol di Lasagna che infila la nostra difesa e, a tu per tu con Donnarumma, lo trafigge. Ma il gioco non riprende. Cosa succede? VAR. Gol annullato per fuorigioco. E vai! Corner per noi. Testa di Kalinic! Palo! La palla sbatte su Bonucci. Un difensore spazza via proprio sulla linea di porta. Nooo!!!!!! Kalinic lavora bene in area. Smista a destra per Calabria! Cross! Nikola! Gooooolllll!!!!!! Sìììììì!!!!!!! Esplodo, insieme allo stadio, in un tripudio di assoluta felicità. Mica vero che Romagnoli mette Lasagna davanti a Gigio con un passaggio scellerato? L’Udinese pareggia. La cosa bella, però, è che il mio scoramento dura solo un attimo. Gli erroracci ci stanno nel calcio. Una grande squadra può e deve rimediare. E infattti….. Corner per noi. Kessié la impatta di testa verso la porta! Kalinic si avventa, contrastato da un difensore. Si allunga, cade e la mette dentro! Sììììììì!!!!!!! Grandissimo gol, da bomber di razza. Eravamo in cinquantamila. Lo stadio esplode come fossimo stati in centomila. Non ero entusiasta per l’arrivo di Kalinic. Ma Nikola mi ha conquistato. Segna, tiene palla, contrasta. Dà un grandissimo contributo al gioco della squadra. Bacca? Chi era costui? Speriamo di non dovercelo ricordare l’estate prossima…. Kessiè, imbeccato da Suso, vola sulla fascia. Se la allunga troppo nell’ultimo controllo e tira da posizione molto defilata. Scuffet la mette in angolo. Finisce il primo tempo e io sono soddisfatta. Grandissimo Kalinic. Biglia mi è piaciuto un sacco. Qua la mano, Lucas. Bene RR. Anche Calabria, che mi faceva un po’ paura, non è andato male. Sicuramente per lui va meglio questa posizione. Corre tanto. Spesso era libero sulla fascia, ma non lo servivano. Bonucci così così. Leo, ti prego, cresci. Abbiamo un gran bisogno di te. La buona prova di Romagnoli viene inficiata da quel clamoroso errore del tutto gratuito. Male solo Jack e Suso. La mia voglia di Calha e André diventa quasi incontenibile. E fammeli, ‘sti cambi, Vincenzo!

Si ricomincia con gli stessi undici. Non è una novità. Almeno stavolta stiamo vincendo…. Cross di RR. Calabria la spizza. Jack sottoporta in rovescia. La palla va a lato di poco. Bravi comunque. Suso crossa dalla trequarti. Testa di Romagnoli. Grande intervento di Scuffet. Poderosa sventola da fuori di RR su sviluppi da corner. Alta di poco. Fofana in area. Bonucci cade e gli lascia spazio sulla destra. Brivido! Tiro! Gigio c’è! Cross di De Paul. Testa di Bajic. Alto di un soffio. Mamma mia! Cutrone e Calha sostituiscono Suso e Bonaventura. Ma André? Vai, Hakan! Punizione di RR. Scuffet la alza sopra la traversa. Kalinic per Patrick, che avanza e la dà a Calabria. Tiro! Respinta centrale di Scuffet. Un difensore anticipa Cutrone, togliendogli la possibilità del tap in. Patrick in area per Calha. Lui finge di andare a destra, come si aspettano che faccia. Tira di sinistro a pochi passi dalla porta. Palla a lato. Non importa, Hakan. Tu sei un grande. Scoppio di gioia per il gol di Kalinc, autore di una splendida prestazione. Ti meriti proprio il pallone, Nikola. Ma… VAR e gol annullato. Mi spiace. Va bene anche così, comunque. Loca sostituisce Kalinic. Cambio di modulo e André rimane in naftalina. Almeno non è entrato Montolivo, dai. Il fischio finale trova una donna felice. Tre punti in saccoccia e la piacevole sensazione di avere finalmente una squadra che sa giocare a calcio e un modulo base su cui puntare. Ben vengano poi variazioni sul tema. La difesa non è certo perfetta . Migliorerà sicuramente, lavorandoci su. Eravamo in centomila, cantava Celentano. Noi eravamo in cinquantamila. E ci siamo divertiti. Biglia e Kessiè sono due innesti che hanno cambiato il volto del centrocampo. Prego sempre perché non si facciano male.

Ora a S. Siro viene la Spal. E’ un’altra partita da vincere a tutti i costi. Stavolta, Vincenzo, voglio Calha e André dall’inizio per un bel 3-4-1-2. Chiaro? Io credo che la squadra abbia le risorse per puntare alla zona Champions. Il sogno si può coltivare. L’obiettivo, però, non è facile. Dobbiamo fare di tutto per raggiungerlo. E’ stato molto bello vedere finalmente il Milan che gioca a calcio. Con il lavoro si ridurranno gli errori, perché adesso c’è della buona stoffa. Sarto, mi raccomando, eh! Andiamo avanti un passo alla volta. Certo che abbiamo un calendario molto più duro degli Orrendi, prima di arrivare al derby. Samp in trasferta e Roma in casa sono ostacoli difficili. Il rischio di arrivare staccati di più di tre punti è concreto. Be’, intanto concentriamoci sulla Spal. Eravamo in centomila? Siamo molti di più accanto alla Società, alla squadra e a Conti. Forza Andrea! Forza Milan!

Tags: , ,

Categoria: Voglio essere Chiara

Sull'autore ()

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.