Effetto Venturi

28 agosto 2017 | Di | Rispondi Di più

Per riprendersi dopo un’ora giocata pessimamente, ci vuole carattere. Quello che piace a me!

Devo essere sincera? La partita non mi è piaciuta. Abbiamo giocato davvero male. Però siamo riusciti a sfangarla e io sono contenta. Non sprizzo felicità da tutti i pori. L’entusiasmo ha bisogno di prestazioni più convincenti, per alimentarsi. Ma sono ben più contenta di altre volte, dopo vittorie faticose, striminzite. Il motivo è presto detto. Prima consideravo la squadra mediocre, senza presente e senza futuro. Ora penso che abbiamo buone potenzialità e i tre punti mi sembrano merce preziosa per il raggiungimento dei nostri obiettivi. Ringrazio Suso. Il ragazzo ha sfornato un assist al bacio per Cutrone e un gol. Fondamentale il suo contributo ieri e a Crotone. Se Montolivo risulta tra i migliori, è impossibile che abbiamo giocato bene. Questo a me pare un dato di fatto inoppugnabile. Sarò sicuramente io a sbagliare, visto che Ventura l’ha convocato in Nazionale. Bah! Per quel che mi riguarda, se Monto non più capitano gioca, il Giannino non è sepolto. Hai capito, Vincenzino? Intelligenti pauca. Ma io non conto nulla. Mira e Fax, dovreste gentilmente faglielo capire voi. I peana, dopo una prova semplicemente decente, priva di acuti, mi provocano un’irritazione mista a disgusto. Ventura mi fa venire in mente Venturi, il Fisico il cui nome è legato a una scoperta che sembra andar contro il buon senso. L’effetto Venturi consiste nel fatto che il fluido che scorre in un tubo crea una maggior pressione, quando ha meno velocità. Un paradosso, in realtà vero, in Idrodinamica. Ma applicarlo al calcio non risulta possibile. Diminuendo la velocità, non può aumentare la pressione creata sugli avversari. Quanto all’effetto del quasi omonimo Ventura… Bah! Staremo a vedere. La partita con la Spagna un po’ mi attizza. Stavolta, quindi, accolgo la sosta per le Nazionali con una scintilla di interesse. Senza la scocciatura per qualcosa che non mi cattura o il sollievo per il fatto che almeno mi toglie per un po’ dall’angoscia Giannino.

Prima di guardare avanti, torno al mio pre, un tantinello angustiato dai successi in rimonta di Gobbi e Orrendi. I tre pali della Roma, uniti alla mancata chiamata del Var, mi danno un lieve senso di fastidio. Non ritengo che quella nerazzurra sia solo fortuna. Icardi e Perisic sono due grandi giocatori. I cuginastri rappresentano un avversario pericolosissimo nella nostra rincorsa alla zona Champions. Dai, possiamo sempre mettere nel mirino la Roma. Ma anche i giallorossi non mi sono spiaciuti. Sarà dura. E’, comunque, molto bello sapere che pure noi siamo finalmente davvero competitivi. Raiola, non pago della questione Niang, ricomincia a rompere le scatole con la faccenda del capitano. Sai bene, Mino, perchè Donnarumma non può portare la fascia. Se per te le parole sono ostiche da comprendere, ti illustriamo il concetto con gesti e disegni. Anzi, no. Potrebbero riuscirci molto scurrili. Comunque, se riuscirai a portarcelo via, lo farai senza succhiarci commissioni monstre e con una clausola rescissoria non risibile. Montolivo infortunato. Peccato. L’avrei visto bene in Macedonia. Ma almeno sono sicura di non trovarmelo in campo a S. Siro. Io gli preferisco Loca. Invece…. Convocazione in Nazionale e titolarità contro il Cagliari. Resto un pocolino destabilizzata da queste due notizie. Pazienza, dai. Mi rincuora la presenza, sia pure solo in panca, di Biglia. Lucas è in anticipo sui tempi di recupero. Bene! Rifletto tra me e me sul Var. Lo strumento , in sé, mi sembra valido. E’ molto discutibile, però, perché troppo discrezionale, la sua modalità di applicazione. Io sarei per dare la possibilità alle squadre di richiederlo per un massimo di due volte a partita. Mi pare che facciano una cosa del genere nel footbaal americano.

Formazione fotocopia di Crotone con Montolivo al posto di Loca. Quell’unico cambio non mi entusiasma. Va bene, dai. Che gol, Belotti! Il Gallo canta. Ma non per noi. Pazienza. Mi sintonizzo sulla Tv, ripromettendomi che alla prossima gara casalinga sarò allo stadio. Farò il mio debutto stagionale con l’Udinese. Cappero, adesso conosco a menadito il calendario, eh! Che bello vedere tanta gente a S. Siro. Ci sono Yonghong e David Han, Li, in tribuna. Bene! Che bello vedere Fax al posto del Condor. E quel Gattuso con la maglietta sociale mi scalda il cuore. Si comincia! Grande azione di Suso sulla destra. Delizioso appoggio al centro per Cutrone, che sbuca alle spalle di Andreolli e appoggia morbidamente in rete. Sìììì!!!!! E vai! Sei un cecchino, Patrick! Perdiamo una palla velenosa ai limiti della nostra area. Farias si presenta davanti al portiere. Gigio respinge, ma c’era fuorigioco. Mi distraggo un attimo e vedo Sau solo a pochi passi dalla porta. Palo! Brrrr!!!!!! Punizione per loro. Uno la mette indietro di testa dal fondo per un compagno. Il tiro è alto. Gran botta di Joao Pedro da fuori. Sopra la traversa. Così non va, ragazzi. Sveglia! Perdiamo un’altra palla. Donnarumma neutralizza con facilità il tiro di Barella, un ragazzo giovane e svelto che mi attizza. Bonucci sbraccia in area su Joao Pedro. Il contatto mi sembra alquanto sospetto. Temo il Var, che, però, non scatta. Ma quando lo usano allora? Bah! Angolo per loro. Sulla ribattuta fugge via Borini, che arriva in area. Si defila un po’ e il suo destro è deviato in corner da Cragno. Almeno abbiamo dato un segno di vita, dai. Sugli sviluppi dell’angolo tiro debole di Cutrone. Musacchio tenta di inserirsi sulla traiettoria con un colpo di tacco. Tutto facile per il portiere. Tiro di Farias. Montolivo devia. La palla finisce a lato di poco. Altro brivido di paura. Velenosa ripartenza loro. Gigio capisce tutto. Esce molto fuori area e rinvia, sventando il pericolo.

Finisce un brutto primo tempo. Siamo in vantaggio, anche se non ce lo meritiamo. Io non sono schizzinosa. Spero in una ripresa decisamente migliore. Veramente brutta la prestazione di Kessié e Calha, due ragazzi che mi piacciono un sacco. Possono e devono dare molto di più. Si ricomincia! Suso va via e e crossa. Sul secondo palo arriva Borini, che incorna alto quasi dalla linea di fondo. Barella supera di gran carriera Kessié e la mette indietro pericolosamente, a pochi passi dalla porta. Riusciamo a sfangarla. Destro alto di Calha. Hakan non riesce proprio a ingranare. Donnarumma blocca facilmente a terra un tiro di Cigarini. Giallo per Franck, che interviene in ritardo su un avversario. Kessié perde un pallone velenoso al limite. Joao Pedro pareggia. Mannaggia….. Franck ha giocato molto male, intendiamoci. In questo caso, però, secondo me, ha più colpa Gigio. Non si passa la palla corta a un compagno braccato da due avversari. Dai, che dobbiamo andarla a vincere! Senza se e senza ma! Biglia sostituisce un insufficiente Calha. Kessié fa finalmente una cosa bella. Recupera palla e la dà a Montolivo, che la smista a Cutrone. Il tiro è deviato in angolo da un difensore. Punizione per noi non lontano dal limite dell’area. La posizione è per un mancino. Io vorrei battesse RR. Invece c’è Suso! Gooooollllll!!!!!!! Sìììììììììì!!!!!!!!!! Azione pericolosissima del Cagliari con Sau che tira due volte. Alla fine un difensore devia in angolo. Kalinic sostituisce Cutrone. Biglia per Borini. Dentro per Kalinic! Nikola cincischia un po’ e l’occasione sfuma. Gran destro da fuori di Sau. Gigio respinge. RR bene per Monto non più capitano, che la mette a lato dal limite. Montolivo cade in area. Rigore? Niente. C’è una leggera presa per la maglia, ma trattasi di robetta di poco conto. Kessié va via ottimamente lungo la linea di fondo. Il tiro cross gonfia la rete! L’arbitro annulla per motivi per me incomprensibili. Era stato il difensore a strattonarlo! Nove minuti di recupero. Mi sembrano tantini, anche se, a dire il vero, ci sono state molte interruzioni. Antonelli sostituisce Borini A cavallo del novantanovesimo i Sardi portano l’ultima insidia. Finalmente finisce!

Che dire? Un successo di cui non possiamo andare particolarmente orgogliosi. Ma è preziosissimo. Anche con Inzaghi in panca facemmo sei punti nelle prime due? D’accordo. Ora, però, al di là della brutta prestazione, le potenzialità della squadra sono completamente diverse. Kessié ha preso ad esprimersi come sa dopo il gol subito. Questo è segno di un grande carattere. Mi piace! Vincenzo, quest’anno per te è più difficile. Il materiale a tua disposizione è di qualità molto migliore, ma non è facile assemblarlo. Va registrata la difesa. Le grandi squadre possono anche giocare male. Non devono, però, soffrire così dietro. Io capisco che Suso è in un grande momento e rischierebbe il posto senza il 4-3-3. Non ti devi, comunque, incartapecorire su questo modulo. Ci vorrebbe un esterno prolifico, alla Keita, per renderlo più funzionale. Buono il debutto di Biglia. Ci potrà dare una grande mano. Bonucci e Calha sono fuori condizione. Cresceranno. Il Cagliari, in generale, correva più di noi. Magari siamo reduci da qualche carico di lavoro particolarmente pesante. Se Romagnoli recupera appieno, considerando anche le caratteristiche dei nostri terzini, devi provare la difesa a tre. Con tre punte a disposizione non puoi metterne sempre solo una. Credo che il Mercato in entrata sia finito, considerando anche, purtroppo, le difficoltà in uscita. Ma sono in arrivo i tre giorni del Condor. Speriamo in un ultimo regalo, dai. Altrimenti, pazienza. Il problema è che eravamo ridotti in macerie. Il lavoro della Società resta, comunque, ottimo. Adesso guardiamo cosa combina la Nazionale. L’effetto Ventura non mi sembra, ad occhio, particolarmente promettente. L’effetto Venturi ha diverse applicazioni pratiche. Per esempio nelle bombolette spray e nei nebulizzatori di profumo. Io, nonostante la prova non esaltante, continuo a sentire profumo di zona Champions. Siamo un cantiere in corso d’opera, ragazzi. Ovvio incontrare delle difficoltà. Le supereremo. E’ troppo importante per il nostro futuro raggiungere la grande Europa. Fax dixit. Forza Milan!

 

Tags: ,

Categoria: Voglio essere Chiara

Sull'autore ()

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.