La montagna incantata

21 agosto 2017 | Di | Rispondi Di più

L’intelligenza la insegue. Scommettiamo che lei non si fa raggiungere?

Quanto è bello tornare a vivere sulle ali di un’emozione chiamata Milan. Bellissimo! Buona la prima! Questo campionato, e Thomas Mann non me ne voglia, per me è come una montagna incantata. Sarà dura, lo so. Ma ora siamo alpinisti con tutte le carte in regola. E seguire i nostri ragazzi, palpitare con loro è una magia, un incanto. Grazie, Società! Stai lavorando benissimo. A chi lamenta l’assenza di top players ricordo che il Psg ne ha preso uno, spendendo come noi che abbiamo ricostruito una squadra intera. Quanto mi facevano imbestialire quei demenziali “ Siamo a posto così”, “ Siamo ultra competitivi, “ Hip, hip, hurrah!” Ora competitivi lo siamo davvero. Quando si opera bene, di solito i risultati arrivano. Questo non significa che vinceremo lo scudetto. E neanche che raggiungeremo sicuramente il nostro obiettivo, la zona Champions. Le cinque candidate ai quattro posti sono partite tutte con il piede giusto. Però siamo attrezzati, per poter coltivare i nostri sogni. Calha sarà pure discontinuo e non in piena forma. Ma ha dei piedi fatati ed è il re delle verticalizzazioni. Mi piace un sacco. Anzi, di più! Che bel numero 10! Kessié è il signore del centrocampo. Quantità e anche qualità. Mi sono commossa, quando è uscito palla al piede, da dominatore, tra un nugolo di avversari. Non vorrei fare paragoni sacrileghi, ma mi ricorda un po’ un altro Franck. Capitan Leo crescerà. Musacchio per me si sta rivelando una piacevole sorpresa. André Silva è un ottimo investimento. Cutrone mi sembra un signor centravanti. Non solo voglia e determinazione agonistica. Movimenti giusti, senso del gol. Sai che ti dico, Cairo? Tieniti pure Belotti e non cercare di avvicinarti a Patrick. Se vuoi Niang, devi scucire 18 milioni. Lo Spartak Mosca ce li ha già offerti e, in fondo, sono solo i 9 cinquantesimi di quanto tu chiedi per il mio amato Gallo. Benvenuto, Nikola. Non vedo l’ora di passare alle cose formali anche con te.

Noi abbiamo operato bene e per tempo. Nessuno può prenderci per il collo, contando sulla nostra assoluta necessità di acquistare. Aspettiamo con serenità gli ultimi giorni di Mercato, sperando nell’arrivo di un buon centrocampista. E di un centrale di difesa, se se ne vanno Gustavito e Paletta. Vedere la partita non è più un atto di masochismo. Un doloroso rito al quale chi ha il Milan scolpito nel cuore e nell’anima non riesce a sottrarsi. Io prima di ogni gara, contro qualunque avversario, ero tremebonda e anche un po’ nauseata dalla pochezza che sarebbe scesa in campo. Ora il mondo è cambiato. Nel pre Crotone fiuto la vittoria. Già assaporo il suo profumo e il suo gusto prelibato. Mi fa piacere che non giochi Montolivo. D’accordo, con i Macedoni ha fatto doppietta e disputato una discreta gara. Ma ci vuole ben altro, prima che possa conquistarmi dopo tante scialbe, squallide prestazioni. Lo vivo come una palla al piede. Bravo, Vincenzino, che l’hai lasciato in panca. Confronto la formazione con quella che era scesa in campo allo Scida solo qualche mese fa e gongolo. Mamma mia, che rivoluzione. Sììììì!!!!!!! Si parte con Patrick al posto di André. La cosa non mi disturba. Si tratta di due ragazzi davvero in gamba e conto di poterli vedere insieme a breve. Borini nei tre davanti. Fabio non mi attizza molto, a dire il vero. Però è uno tosto e pugnace. Ha una sua utilità tattica. Calha ancora mezz’ala. Staremo a vedere. I piedi fatati di “mister verticalizzazione” mi hanno conquistato alla grande. Con questa rosa l’infortunio di Jack, che, per fortuna, non sembra grave, non è più un grosso problema. E dobbiamo ancora mettere Biglia nel motore. Aspetto la partita con un po’ di eccitazione mescolata a un pizzico di sana frenesia. Dai, che iniziamo a scalare la nostra montagna incantata! Nel caleidoscopio a tinte vivaci dei miei sentimenti guizza anche il colore più scuro di un lieve accenno di paura. Si tratta, però, di una pallida iridescenza, dovuta più che altro al fatto che dobbiamo vincere a tutti i costi. Senza se e senza ma.

Si comincia! Toccante il minuto di silenzio per le vittime di Barcellona. Splendido lancio di Calha per Cutrone. Patrick è solo davanti al portiere. Tira, cadendo sul contrasto di un avversario che rinviene affannosamente da dietro. La palla va fuori. VAR. Rigore ed espulsione per Ceccherini. Kessié sul dischetto! Goooollll!!!! La gara si mette subito in discesa. Suso verticale per Borini sulla destra dell’area. Tiro! Cordaz in angolo. Ancora Suso. Lavora bene sulla fascia. Cross di destro dal fondo. Cutrone sbuca sul primo palo e infila la rete di testa con il tempismo di un rapace del gol. Sìììììì!!!!! Perdiamo banalmente palla. Ripartono. Budimir servito nella nostra area. La sua botta viene respinta alla grande da Gigio. Bella azione nostra, che viene conclusa da Kessiè. Cordaz si salva. Ancora Calha al bacio per Cutrone, che sa buttarsi magnificamente negli spazi. Patrick dal centro si lancia sulla sinistra. Dalla linea di fondo la mette splendidamente indietro per l’accorrente Suso. Gooolllll!!Loca per Cutrone. Patrick viene spinto. Arriva Conti! Alto! Stavolta niente VAR per il contatto più che sospetto sul nostro giovanissimo e bravissimo centravanti. Problemi all’impianto di illuminazione dello Scida. La gara riprende dopo un paio di minuti. Finisce un bel primo tempo. Io sono felice. Ho visto ottime trame e la partita è in cassaforte. Non ricordo da quanti secoli non accadesse un evento del genere. Favoriti dall’espulsione? Certo. Ma ha parlato il VAR. Tutto limpido e trasparente. E, francamente, penso che sarebbe cambiato ben poco anche in 11 contro 11.

Si ricomincia! Bel duetto Cutrone- Kessié- Cutrone. Patrick se la allunga un po’ troppo e tira fuori. André Silva sostituisce Cutrone. Splendida azione tra Kessié e Conti. Andrea dentro dal fondo! Un difensore mette in angolo in scivolata. Entra Abate per Conti. Calha dalla bandierina. Testa di André! Miracolo di Cordaz. Ma che elevazione ha questo ragazzo! Josè Mauri sostituisce un non brillantissimo Loca. Calha dolorante a terra. Entra il medico e io tremo. Tutto a posto! Hakan lavora meravigliosamente sulla sinistra, scodellando con un esterno da urlo una preziosa palla al centro. Tiro al volo di André! Ancora Cordaz, maledizione al secchio! Sarebbe stato un gol stupendo. Bellissima azione finalizzata da Suso per Andrè. Il portiere riesce ad opporsi un’altra volta. Grrrr!!!!!! Bel controllo di petto di Budimir che supera Bonucci e tira. Fuori. All’ultimo secondo Gigio vola a deviare una pericolosa punizione di Barberis. Triplice fischio.

Torniamo a casa con i tre punti in saccoccia, sulle ali di una bella prestazione. Cosa pretendere di più? Ci è andata bene per via dell’espulsione, dice qualcuno. Be’, solo agli stupidi non capita mai di pensare che il merito e la buona sorte sono strettamente correlati. L’unica nota stonata è stata suonata da un’ineffabile D’Amico. Sospetti maliziosi e veleni gratuiti, atti a gettare ombre inquietanti sulla nostra Società, non hanno niente a che vedere con la libertà di espressione. Tutta presa dal tuo livore non capisci questo semplice concetto, Ilaria? Si vede che il malanimo ti offusca l’intelligenza. Il problema è tuo. Scommettiamo che, invece, quasi tutti hanno capito che l’hai fatta fuori dal vaso? Ah, già. L’esperta di scommesse in casa non sei tu. Non pensare, comunque, di riuscire a guastarci qualcosa. Tutt’altro. Vedere la rabbia di tanti nemici, che ora ci temono, ci procura un sottile, voluttuoso piacere. Bene ha fatto la Società a boicottare Sky. Il MiraFax non sbaglia una mossa. Piaccia o non piaccia a lorsignori, il Milan è tornato. E ha iniziato a scalare la sua montagna incantata. Ci saranno delle cadute, certo. Ma ci sapremo sempre rialzare, perché la squadra c’è. Possiamo sognare. Un’intera montagna di ricordi non uguaglia una piccola speranza. Noi adesso speriamo. E alla grande! Strano come parli di montagna, incantata e non, io che sono tutta e solo per il mare. Chissà, forse in una vita precedente ero una marinaia. O forse una montanara repressa e insoddisfatta. Proprio per via del mare, non vedrò la partita con i Macedoni. Colpa del mio Orrendo, che mi ha prenotato una cena alla Baia Blu di Lerici. Scusami, Milan, ma non so resistere al richiamo delle onde. Non di Honda, eh! Vincenzino, a Skopje puoi pure schierare Montolivo. Vedi come sono magnanima? Daje, MiraFax! Forza Milan!

Chiara

Tags: ,

Categoria: Voglio essere Chiara

Sull'autore ()

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.