Russia 2018 – seconda giornata quarti di finale

5240

Come preventivato l’Uruguay di Tabarez senza Cavani è ben poca cosa e la Francia ne ha fatto un sol boccone, la partita serale invece è stata molto più divertente e brillante con la qualificazione in bilico fino all’ultimo minuto con la paratona di Courtois. Con una prestazione superba di Hazard e un De Bruyne finalmente sui suoi livelli il Belgio è ruscito a far fuori la squadra più completa del torneo che, va detto, giocava senza Casemiro autentico baluardo del centrocampo. E oggi? In attesa di vedere il Milan al banco dei pugni con Leslie e il figlio Seth si giocano gli ultimi due quarti.

Questa parte del tabellone è sicuramente la più abbordabile, l’ultima volta che una di queste nazionali è andata in finale era il 1966 con il mondiale vinto dall’Inghilterra ed un solo titolo mondiale in totale fra le quattro nazionali. La sfida tra Svezia e Inghilterra appare tutta a favore degli inglesi con gli scandinavi arrivati lì più per miracolo che per vera forza. La miglior freccia al proprio arco è Forsberg, ma non stiamo parlando esattamente di Messi, Ronaldo o Harry Kane…
Gli inglesi dal canto loro nelle uniche occasioni in cui si sono confrontati con avversari di livello hanno faticato. Faranno ancora valere la legge del più forte?

La sfida serale dovrebbe essere ancora più scontata, ma la verità è che questa Russia finora ha sorpreso positivamente. Ivan Drago Dzyuba e Cheryshev stanno facendo la differenza finora e con un gioco attento e sparagnino hanno incartato la Spagna, chissà che non gli riesca anche con i croati che a dire il vero sono meno legati al tiki taka ma hanno dovuto sudare non poco contro un avversario simile ai russi cioè i danesi di Eriksen e Schmeichel. Ci vorrà un Akinfeev in formato portierone danese per i russi, ma gli stessi croati dovranno stare attenti al loro Subasic, un portiere incline ad errori quando meno te lo aspetti.

Ed ora il sondaggione!

Suarez, Mbappé, Neymar, Lukaku: chi farà la differenza? Nel sondaggione di ieri vittoria schiacciante per “la mortazza” con oltre il 46% dei voti! Si è comunque ben difeso Zaza (33%) dimostrando come in fondo, ma proprio in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo in fondo, non sia così inferiore a CR7.

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l'AC Giannino 1986. Sempre all'attacco. Un sito di curvaioli (La Repubblica). Un buco nero del web (Mauro Suma)