Russia 2018 – Girone F e G

4455

Ieri è stata la volta dell’eliminazione della Costarica battuta nel finale dal favorito Brasile; l’Argentina può ancora sperare sempre che la Croazia, forte di una differenza reti pari a +5, non schieri le seconde linee contro l’Islanda. In tutto questo da ieri si susseguono notizie su una nuova proprietà a stelle e strisce, come sempre rimaniamo in attesa dei fatti.

COREA DEL SUD-MESSICO. Occasione ghiottissima per il Messico che per la settima volta consecutiva potrebbe approdare agli ottavi di finale della coppa del mondo grazie a un mix di giovani e giocatori rodati capace di stendere lo spauracchio Germania guadagnandosi così un bonus non previsto per il passaggio del turno. Dall’altra parte la Corea del Sud è davvero poca cosa e si dovrà affidare quasi esclusivamente all’estro di Son, tenete conto che il capitano è Ki. Ki? Ma Ki, Ki Sung-yueng il coreano rimasto a lungo in orbita Milan (grazie al cielo pericolo scampato) e retrocesso con lo Swansea.

GERMANIA-SVEZIA. In serata arriva la sfida che non ti aspetti, una sorta di dentro o fuori per i tedeschi costretti a vincere per non rischiare il biscottone nell’ultima partita tra svedesi e messicani (e gli svedesi di biscotti ne san qualcosa). Sulla Germania non c’è da dire nulla, possono fare un sol boccone della volenterosa ma scarsa Svezia, ma la falsa partenza contro i messicani può creare qualche apprensione se il risultato non venisse sbloccato in tempi rapidi. Gli scandinavi dal canto loro non possono che affidarsi a Forsberg anche se quest’anno è apparso un po’ appannato dopo una stagione da numero uno degli assistmen.

Ed ora veniamo al sondaggione!
Serbia-Svizzera come finirà? Questa era la domanda del sondaggio di ieri che ha visto la vittoria schiacciante di “gol vittoria di Rodriguez con conseguente amnistia di tutti i peccati da Nyon e bolla papale di Papa Francesco sequestrato dalle guardie svizzere” con quasi il 62% dei voti!

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l'AC Giannino 1986. Sempre all'attacco. Un sito di curvaioli (La Repubblica). Un buco nero del web (Mauro Suma)