Russia 2018 – Gironi E e F

3648

Quarta giornata del mondiale con l’esordio di una candidate al titolo ossia la Germania campione del mondo ed il brasile di Neymar.

GERMANIAMESSICO. Son ben 11 i confronti tra le due formazioni con una sola vittoria (in amichevole) per El Tricolor, ma nelle partite ufficiali è andata anche peggio: sempre sconfitti (due volte ai calci di rigore). I messicani si presentano con soli sei nuovi giocatori rispetto alla passata manifestazione (ed uno è Carlos Vela) proponendo così un gruppo che potremmo definire solido e cementato…anche nelle feste.

GERMANIA
Da seguire: I campioni in carica hanno mosso diverse pedine rispetto al 2014. Mancherà Gotze, giocatore bruciato dal gol in finale, e sono ben altri 8 (su 14) i giocatori scesi in campo a Rio che mancheranno in Russia. Il mix di giocatori comunque è, come ormai da un decennio, letale; due soli gli over 30. Che dire? Seguiteli tutti ma soprattutto il neo acquisto del Bayern Goretzka e magari, se gli Dei lo graziano, Marco Reus che è sempre un gran giocatore.
Da inseguire: Ma…ancora Mario Gomez??

MESSICO
Da seguire: Hirving Lozano, reduce da una stagione fenomenale al PSV, proverà a fare il trascinatore. Vista la giovane età scommettiamo che saranno però Vela, Giovani dos Santos e Chicharito gli uomini forti. El Tri, facilitato dai colori, sarà la Nazionale più tifata dagli italiani in un girone davvero ‘simpatico’.
Da inseguire: Quinto Mondiale per el gran capitan Rafa Marquez, mai oltre gli ottavi. Ce la farà?

BRASILE-SVIZZERA. Sono otto le sfide tra le due nazionali. L’unica partita ufficiale disputata fra le due squadre non evoca bei ricordi ai verdeoro: stiamo parlando del mondiale del Maracanazo vero lutto nazionale in Brasile. In quell’edizione le due formazioni si incontrarono proprio ai gironi pareggiando per 2-2, le restanti sono amichevoli ed il bilancio rimane comunque equilibrato: tre vittorie per il Brasile, due per la Svizzera e due pareggi.

BRASILE
Da seguire: Per vendicare il Mineirazo ecco una squadra più equilibrata, esperta, forte. Completa ed impressionante in ogni ruolo, consueto mal di testa per Tite sulla scelta degli attaccanti. Il tecnico ha però già fatto una scelta vincente inserendo stabilmente (e messo Capitano in alcune partite) il volante/interditore più forte al mondo: Casemiro. Tutti i riflettori per O’Ney, ma il peso della Seleçao sarà sul mediano del Real.
Da inseguire: A 32 anni sarà Geromel del Gremio l’uomo che, comunque vada questo Mondiale per i verdeoro, difficilmente ricorderemo.

SVIZZERA
Da seguire: Mediamente giovane, multietnica, ma con giocatori esperti. Riflettori sul nostro RR, che a detta degli stessi svizzeri in Nazionale è ‘diverso’ cioè uno dei più forti al mondo. Schar, Xhaka, Shaquiri e Burki hanno curriculum e sono a piena maturità sportiva.
Da inseguire: Embolo, Seferovic e Drmic sono gli attaccanti, 15 gol in tre in tutte le competizioni. E noi che ci lamentiamo di Cutrone-Silva-Kalinic.

E ora il sondaggione! (ricordatevi che c’è da votare anche il peggior difensore del Ricardo Oliveira)

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l'AC Giannino 1986. Sempre all'attacco. Un sito di curvaioli (La Repubblica). Un buco nero del web (Mauro Suma)