Tre giorni al Mondiale, parliamo di calcio?

3554

Perdonatemi se per una volta vado “fuori tema”.

Ma francamente in questo periodo parlare di Milan significa sconfinare nella politica calcistica, nella dietrologia, nella finanza-fantasy di pseudosoci minorati… insomma una tristezza totale.

Con il vostro permesso preferirei parlare di calcio, passando in rassegna le principali protagoniste della ventunesima edizione dei Mondiali che stanno per iniziare in Russia.

Come ben sapete, delle 8 nazionali che hanno vinto almeno una delle precedenti venti edizioni manca all’appello soltanto l’Italia, e se è vero che dal punto di vista emozionale la nostra assenza toglie un po’ di quel pathos che da sempre accompagna questo tipo di manifestazioni è anche vero che dal punto di vista tecnico la nostra presenza avrebbe avuto un significato molto relativo, vista la pochezza sconfortante che caratterizza questa fase storica del nostro movimento.

PRIMA FASCIA: LE FAVORITE

GERMANIA

GERMANIA 4-2-3-1

Ranking Fifa 1 – Età media 27,1 – CT Joachim Low

Valore mercato rosa 883 mln € (fonte transfermarkt)

Difficile non considerare i campioni uscenti tra i favoriti anche di questa edizione, Low può contare su una fucina di talenti così ampia e diversificata da permettersi il lusso di lasciare a casa per scelta tecnica elementi della forza di Sanè, Mario Goetze o Emre Can.

Lo schema adottato è il 4-2-3-1, con Neuer che riprende il suo posto in porta dopo il lungo infortunio, la difesa è per 3/4 quella del Bayern Monaco completata a sinistra da Hector (Colonia), la diga di centrocampo formata da Kroos e Khedira agisce a sostegno del trittico Draxler-Ozil-Muller, alle spalle dell’unica punta Timo Werner.

Se considerate che in panca siedono alternative di lusso quali Ter Stegen, Rudiger, Goretzka, Gundogan e Reus, e che la squadra si muove secondo meccanismi consolidati ormai da anni, capirete perché i bookmakers assegnino ai bianchi il ruolo di grandi favoriti alla vittoria finale.

BRASILE

BRASILE 4-3-3

Ranking Fifa 2 – Età media 28,6 – CT Tite

Valore mercato rosa 981 mln € (fonte transfermarkt)

Dai convocati sono rimasti fuori per scelta tecnica Alex Sandro e David Luiz, che pagano a caro prezzo l’ultima stagione non esaltante disputata coi rispettivi club, mentre Dani Alves non può prendere parte ai suoi ultimi mondiali causa infortunio.

Il CT Tite schiera la formaziome con un 4-3-3 molto europeo, che abbina alla tradizionale fantasia carioca una solidità difensiva che ha consentito alla squadra di subire soltanto 11 reti nei 18 incontri di qualificazione disputati in Sudamerica.

Portiere titolare Allison dopo la strepitosa stagione in giallorosso, linea difensiva a 4 formata da Danilo-Miranda-Thiago Silva e Marcelo (con Marquinhos e Felipe Luis valide alternative), centrocampo a 3 molto solido e bloccato con Casemiro-Fernandinho e Paulinho, il terzo posto nel tridente d’attacco accanto agli intoccabili Neymar e Gabriel Jesus se lo contendono Willian, Douglas Costa e Coutinho, con il primo leggermente favorito.

Considerato che al ben di Dio che ho già nominato vanno sommati altri talenti in panchina quali Ederson, Fred, Renato Augusto e Firmino, si capisce perché la nazionale giallo-verde debba essere considerata l’altra grande pretendente alla vittoria finale insieme ai tedeschi… a patto che Neymar svesta i panni del fenomeno mediatico per indossare quelli del fenomeno vero.

SPAGNA

SPAGNA 4-3-3

Ranking Fifa 10 – Età media 28,5 – CT Julen Lopetegui

Valore mercato rosa 1030 mln € (fonte transfermarkt)

Tra i convocati del CT Lopetegui troviamo un unico giocatore che milita nel nostro campionato, quel Pepe Reina che presto vedremo dalle nostre parti, sono invece rimasti fuori Suso, Luis Alberto e Callejon e, un po’ a sorpresa, Alvaro Morata.

Sono presenti in elenco ben 11 giocatori che facevano parte anche della poco fortunata spedizione brasiliana del 2014, tra di loro anche il maestro Don Andres Iniesta, per il quale il Mondiale che sta per iniziare rappresenterà l’autentico canto del cigno.

Il 4-3-3 iberico che vedete a fianco trasuda come sempre di talento, se è vero che dall’11 base potrebbero rimanere fuori giocatori quali Thiago Alcantara, Lucas Vazquez o Asensio, tuttavia se dovessi scommettere 10€ per la vittoria finale non li punterei sulle Furie Rosse.

FRANCIA

FRANCIA 4-3-3

Ranking Fifa 7 – Età media 26,0 – CT Didier Deschamps

Valore mercato rosa 1080 mln € (fonte transfermarkt)

Le scelte di Deschamps hanno suscitato grandi polemiche Oltralpe, visto che dalla lista dei convocati sono rimasti fuori per scelta tecnica giocatori del calibro di Rabiot, Sissoko, Martial, Lacazette e Benzema, ai quali vanno ad aggiungersi le assenze per infortunio di Koscielny e Payet.

Ciononostante, il 4-3-3 dei Galletti appare assolutamente temibile, l’unico reparto “normale” sembra la linea a 4 difensiva, il terzetto di centrocampo Pogbà-Tolisso-Kantè è uno dei migliori del torneo (con Nzonzi, Matuidi e Lemar in panca…), mentre il tridente d’attacco composto da Dembelè, Griezmann e Mbappè può essere semplicemente devastante se lasciato libero di lanciarsi in velocità a campo aperto.

E’ una nazionale molto giovane nella quale manca forse qualche punto di riferimento dotato di un pizzico di esperienza in più, ma se le cose dovessero girare nel verso giusto potrebbe essere in grado di vincere ed entusiasmare.

BELGIO

BELGIO 3-4-2-1

Ranking Fifa 3 – Età media 27,6 – CT Roberto Martinez

Valore mercato rosa 754 mln € (fonte transfermarkt)

Dai convocati del CT Martinez sono rimasti esclusi nomi illustri come quelli di Benteke e Nainggolan, ma la formazione belga presenta comunque una quantità impressionante di giocatori di talento, soprattutto se paragonata alla ristrettezza del territorio d’origine (il confronto con il nostro calcio è impietoso in tal senso).

La squadra si schiera con un 3-4-2-1, con una sicurezza come Courtois in porta, una linea difensiva molto fisica ed esperta formata da Kompany-Alderweireld e Vertonghen, un centrocampo con molti giocatori intercambiabili (Moussa Dembelè e Tielemans non è detto che debbano sedere in panca, per fare un esempio) e un tridente d’attacco formidabile composto da Mertens, Hazard e Lukaku, supportati dagli inserimenti di un talento assoluto come De Bruyne.

Qui lo dico e qui lo nego, se il Mondiale lo vincesse il Belgio per me non sarebbe una sorpresa.

 

SECONDA FASCIA: LE OUTSIDER

ARGENTINA

ARGENTINA 4-3-3

Ranking Fifa 5 – Età media 29,6 – CT Jorge Sampaoli

Valore mercato rosa 693 mln € (fonte transfermarkt)

Potrà forse sorprendervi che io non inserisca l’Argentina di Messi nel novero delle favorite, ma se è vero che la compagine albiceleste è ricca di giocatori di talento è altrettanto vero che gran parte di quel talento è concentrato prevalentemente nel reparto offensivo, molto meno negli altri due.

Causa infortunio di Romero, il portiere titolare sarà Caballero, tutt’altro che invalicabile baluardo di riserva nel Manchester City, la linea difensiva a 4 è formata da giocatori poco più che normali, mentre il terzetto di centrocampo è imperniato su giocatori affidabili ma abbastanza avanti negli anni…certo, il tridente di attacco formato da Messi, Di Maria ed Aguero è di qualità così elevata da lasciare in panca Dybala ed Higuain e alle Seychelles Icardi, ma basterà?

Molto dipenderà dalla voglia della Pulce di entrare a pieno titolo nel terzetto dei più grandi di sempre insieme a Pelé e a Maradona, per farlo manca soltanto un trofeo al suo palmares e questa è l’ultima occasione per conquistarlo.

 

PORTOGALLO

PORTOGALLO 4-4-2

Ranking Fifa 4 – Età media 28,4 – CT Fernando Santos

Valore mercato rosa 464 mln € (fonte transfermarkt)

Dalla lista dei convocati di Fernando Santos sono rimaste escluse vecchie conoscenze come gli “italiani” Cancelo e Nani o in blaugrana Andrè Gomes e Semedo.

Ciononostante i lusitani campioni d’Europa sono in grado di schierare un 4-4-2 di sicuro affidamento, con spiccati valori tecnici soprattutto dalla cintola in su.

Seguiremo con interesse il Mondiale di Andrè Silva, nella speranza di ritrovarci tra le mani un campioncino esploso o quanto meno un giocatore monetizzabile, ma molto del destino dei portoghesi passa dai piedi di Cristiano Ronaldo, per il quale vale per certi versi il discorso fatto sopra per Messi, anche per CR7 si tratta dell’ultima chiamata…

INGHILTERRA

INGHILTERRA 3-5-2

Ranking Fifa 12 – Età media 26,1 – CT Gareth Southgate

Valore mercato rosa 874 mln € (fonte transfermarkt)

Il CT Southgate può contare sul giusto mix tra giovani e giocatori di esperienza, con un buon numero di giocatori di talento concentrati soprattutto nel reparto offensivo, segnatamente Dele Alli, Sterling e Harry Kane, uno dei favoriti al titolo di capocannoniere della rassegna.

Per vincere il Mondiale secondo me però ci vuole altro, per quanto la Premiere sia il campionato più affascinante per agonismo, fisicità e velocità, sul piano della tecnica pura i valori assoluti sono altrove, e non a caso le Coppe e i Mondiali li vincono quasi sempre altre squadre.

URUGUAY

URUGUAY 4-4-2

Ranking Fifa 14 – Età media 28,1 – CT Oscar Tabarez

Valore mercato rosa 372 mln € (fonte transfermarkt)

Oscar Tabarez ha convocato ben 5 giocatori provenienti dal nostro campionato, ossia Caceres, Laxalt, Torreira, Bentancur e Vecino, che si vanno ad aggiungere ad un gruppo di giocatori esperti e navigati; i punti di forza li troviamo nella collaudata coppia di centrali difensivi dell’Atletico Madrid formata da capitan Godin e Gimenez, e soprattutto nel formidabile tandem offensivo Cavani-Suarez, forse la coppia d’attacco più forte e completa di tutto il Mondiale.

Probabilmente la celeste non sbancherà Mosca, ma per la tecnica e per la tradizionale garra che è in grado di esprimere costituirà un osso molto duro da mordere per qualunque avversario che la incontrerà sulla sua strada.

POLONIA

POLONIA 4-4-2

Ranking Fifa 8 – Età media 28,3 – CT Adam Nawalka

Valore mercato rosa 274 mln € (fonte transfermarkt)

Nella lista diramata dal CT Nawalka troviamo ben 7 giocatori provenienti dalla nostra serie A, segnatamente il portiere della Juventus Szczesny, Cionek della Spal, Bereszynski – Linetty e Kownacky della Sampdoria, Zielinski e Milik del Napoli.

Nell’11 che vedete a fianco mancherà invece per infortunio (è notizia dell’ultima ora) un’altra vecchia conoscenza del calcio italiano, capitan Kamil Glik, che sarà sostituito dal centrale difensivo dello Stoccarda Kaminski.

Quella polacca rimane in ogni caso una nazionale esperta e compatta in grado di ben figurare, che ha il suo punto di forza nella coppia d’attacco Milik -Lewandowski, probabilmente il centravanti più forte della rassegna iridata in predicato di passare al Real Madrid subito dopo il Mondiale.

CROAZIA

CROAZIA 4-2-3-1

Ranking Fifa 20 – Età media 27,9 – CT Zlatko Dalic

Valore mercato rosa 360 mln € (fonte transfermarkt)

La Nazionale croata è composta da giocatori di grande talento provenienti essenzialmente da due grandi blocchi: la colonia “italiana” formata da Mandzukic, Perisic, Strinic, Badelj, Brozovic e Kalinic, quella “spagnola” composta da Vrsaljko, Kovacic e dai crack Modric e Rakitic.

Il CT Dalic schiera la squadra con un 4-2-3-1 molto versatile, nel quale la linea mediana formata da Rakitic e Brozovic fa da scudo al trio Perisic-Modric-Kramaric, alle spalle dell’unica punta (di solito Mandzukic).

Per arrivare fino in fondo forse manca qualcosina davanti, ma la nazionale bianco-rossa si candida tranquillamente a diventare una delle mine vaganti del torneo.

 

Avevo preparato anche una terza fascia, quella delle squadre sorpresa, nella quale vi avrei parlato della SVIZZERA di Xhaka e Rodriguez, della COLOMBIA di Zapatone e James Rodriguez, del PERU’ di Carrillo e Guerrero, della DANIMARCA di Schmeichel ed Eriksen… ma sono già andato lungo così, quindi preferisco lasciare a Voi la parola.

Esprimete il vostro pronostico nel Sondaggio che trovate qui sotto (potete esprimere fino a 4 preferenze), e alla fine avremo la squadra favorita dei prossimi Mondiali secondo il Night.

Con un’avvertenza, qualora preferiate una squadra diversa dalle 11 sotto indicate non perdete tempo qui e rivolgetevi direttamente ai vostri bookies di fiducia, vi pagheranno oltre 50 volte la posta.

Max

P.S: ricordatevi di votare il Ricardo Oliveira e che è ancora disponibile qualche posto per la festa di Milan Night

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.