Grigliate

13981

Finalmente Milannight sembra tornato in pista dopo una sorta di “week-end con il server morto”, una settimana in cui il Signore ha voluto testare la resistenza di tutto il team di Milannight, siano essi redattori o tecnici. Così siamo scomparsi dal web mentre il Milan di Gattuso scompariva dal campo riproponendo una sorta di remake delle prove offerte contro frosinone o bologna, evitandoci così un sacco di ban come scritto da più utenti del Night. Siete geniali.
Cosa rimane di questo turno infrasettimanale? Sicuramente la certezza di essere ancora quarti qualsiasi sia il risultato tra napoli e atalanta, e l’altrettanta certezza che le contendenti per l’ultimo posto utile per la champions league sono una serie di squadre sgangherate senza capo né coda (a mio avviso fa eccezione l’atalanta che un senso logico lo ha eccome).
Mentre la digestione del pranzo pasquale mi provoca visioni ultraterrene in cui il Milan attacca stile Ajax di Ten Hag con Calhanoglu che non se la fa nelle mutande, mi sveglio di soprassalto per il silenzio assordante dell’ottavo scudetto consecutivo dei gobbi. In pratica non gliene frega una beata minkia a nessuno, zero proprio, a parte i servi in servizio permanente che beatificano risultati peggiori dell’anno precedente, ma con un cristiano ronaldo in più.
Noi nel frattempo ce ne sbattiamo perchè miracolosamente il nostro campionato è ancora vivo e vegeto (non succedeva da ben sei lunghissimi anni) e occorre far quadrato attorno a questa banda sgangherata in cui il salto di qualità viene sempre e immancabilmente fallito, perchè è ormai chiaro come non ci sia abbastanza qualità in campo e in panchina.

Mentre starete leggendo queste righe molti di voi saranno in riva a un lago, a fare una scampagnata o in montagna per la classica gita fuori porta con relativa grigliata. Il Milan è come quella immancabile grigliata affidata all’amico convinto di essere capace, ma alla fine non lo è.
La squadra è un mix di cose più o meno buone, non ci sono costate e fiorentine però ci sono salsicce, spiedini, svizzere, costine e tanto altro. Certo qualcuno ha comprato anche qualcosa che fatichi a capire cosa sia, però con una buona cottura chissà che alla fine non risulti decente anche del cibo non meglio identificato. Non è da ristorante cinque stelle, però può venir fuori una gran bella mangiata, specie se accompagnata da del buon vino.

la squadra a supporto dell’addetto al barbecue

A quel punto però la gestione del barbecue diventa fondamentale e qui spuntano tutti i dubbi sull’amico autoproclamatosi imperatore della brace, che nove volte su dieci svuota un sacco di carbonella quando ne occorrerebbe un quarto e si cimenta in fiammate enormi manco dovesse far passare un leone sopra il barbecue. Di norma a un certo punto si vedranno in cielo una serie di canadair pronti a spegnere quel principio di incendio caratterizzato da costine carbonizzate, svizzere assomiglianti a frisbee sottodimensionati e salsicce che si spezzano come un grissino. Il Milan me lo immagino più o meno così. La carne non è così malaccio però non la devi far bruciare altrimenti la scampagnata diventa solo una gita alcolica e le probabilità di uscirne vivi rasentano lo zero. Le costine, la salsiccia e le svizzere hanno il loro perchè, ma bisogna saperle cuocere per farle rendere e godersi così la gita fuori porta. L’amico alla griglia è fondamentale altrimenti tutto ciò che c’è sulla graticola rischia di bruciarsi e sulla graticola ci finisce lui ovviamente.
In questo momento state guardando il vostro amico sedicente esperto di barbecue che versa liquido infiammabile tipo champagne al gran premio di Monza? Io vi ho avvisato, siete ancora in tempo per salvare la grigliata!

Intanto mercoledì a San Siro torna la lazio per il ritorno della semifinale di Coppa Italia. Come al solito i tifosi hanno risposto in massa: siamo a un passo dal tutto esaurito anche al secondo anello. Noi redattori non mancheremo nel tentativo di spingere i nostri in finale insieme a tutto lo stadio perchè costine, svizzere e salsicce non saranno il cibo degli dei e chi gestisce il barbecue non sarà una cima, ma arrivati a questo punto chi se ne frega, adesso ho solo voglia di mangiare dopo tanti anni di digiuno!

Buona Pasquetta, Forza Milan e tutti allo stadio!

Seal

E ora il sondaggione della pasquetta!


Ricordo Baresi entrare in scivolata e poi l'ovazione del pubblico, da quel momento ho capito che fare il difensore era la cosa più bella del mondo. Ancora mi esalto quando vedo il mio idolo Alessandro Nesta incenerire Ferrara sulla linea di porta mentre credeva di essere a un passo dalla gloria. Se la parola arte fosse compresa appieno le scivolate del n.13 sarebbero ammirate in loop al MoMA di New York.