Calma piatta

7520

Di settimana in settimana sul fronte Milan non accade nulla. La situazione che si va profilando mi lascia parecchi interrogativi su quale sia la strategia della proprietà per il futuro prossimo specialmente sul famoso fronte del pareggio di bilancio. Una frase che spesso si sente dire è “non abbiamo l’obbligo di fare plusvalenze entro il 30 giugno”. Certo, ma nel 2021 il pareggio lo devi ottenere e se a un rosso di 135 mln ne sommi un altro che porterà la cifra sopra i 200 mln vorrei capire come in due sole stagioni agonistiche non solo sia possibile portare il bilancio in pareggio ma renderlo virtuoso con vendite da capogiro per arrivare al famoso -30 mln complessivo. Boh misteri a cui non so dare una risposta. L’unica che riesco a darmi è un accordo con la Uefa che in qualche modo sani il pregresso e il presente facendoci partire dall’anno 2019/20 per i controlli, magari a fronte dell’esclusione dall’Europa League tanto attesa dal toro che a quanto pare si sarebbe meritato la qualificazione per motivi validissimi tipo essere arrivati dietro di noi e la roma.
A proposito di motivi validi la roma, interessata dal preliminare di europa league, ha annullato il ritiro a Pinzolo motivandolo come segue: “a seguito di un confronto tra l’allenatore e lo staff dell’area sportiva è stata presa la decisione di posticipare l’inizio della preparazione per assicurarci che la squadra sia nel miglior stato di forma possibile in vista della nuova stagione”. Il club granata da parte sua sembra aver scritto una letterina alla Uefa per chiedere notizie su ciò che riguarda il Milan e pare voglia anticipare il ritiro per farsi trovar pronto in casa di preliminari. Le due notizie con tutta probabilità non vorranno dir nulla, certo fa specie vedere che il club interessato al preliminare annulla il ritiro (a memoria non ricordo squadre annullare il ritiro estivo) e quello che osserva dallo spioncino pensa a un ritiro anticipato. Stranezze che presto troveranno una risposta.
Sul fronte calciomercato le uniche note di rilievo sono l’interesse per Kabak (gli agenti sono stati visti a Casa Milan) e Theo Hernandez (visto in compagnia di Paolo Maldini) ossia due giocatori molto giovani rispettivamente di 19 e 21 anni. Non li conosco, nel caso arrivassero a quanto pare sarebbero titolari formando così una linea difensiva a quattro che non arriva a 90 anni. Nel caso dovrà essere ben protetta per il bene nostro e della loro crescita.

Poi c’è il bene del calcio italiano. Ancora oggi questa litania viene ripetuta fino allo sfinimento nonostante tutto il movimento calcio viva situazione drammatiche ad eccezione della squadra per cui tutto il mondo deve fare il tifo per non essere considerato scorretto. In serie A il mercato interno appare drogato da cifre irrealistiche per giocatori che ad oggi hanno dimostrato poco o nulla, ma passano da club a club per cifre imbarazzanti o se volete inconcepibili soprattutto se paragonate ai campionati esteri. Strano che nessuno si sia ancora domandato come questi fenomeni non vengano mai richiesti da club esteri eppure stante le valutazioni dovrebbero essere una sorta di fusione tra Van Basten e Maradona piuttosto di Baresi e Stam. Ma guarda te il caso dall’estero non se li piglia nessuno.
La serie B vive l’ennesimo caos. Alla mezzanotte del 24 giugno scadeva il termine per l’iscrizione alla serie B e dalla Lega han fatto sapere di non aver ricevuto la documentazione necessaria relativa al Palermo. A quanto pare i rosanero avrebbero mandato la posta certificata alle 23:59 ma sarebbe arrivata priva degli allegati necessari. La società siciliana ha parlato tramite Tuttolomondo, direttore finanziario di Arkus Network dichiarando quanto segue: “Si è diffusa una notizia non vera. Abbiamo pagato tutte le pendenze funzionali all’iscrizione, il problema è nato non per noi. La fideiussione è stata chiesta dieci giorni fa pagando il corrispettivo, se non che alle 21 la compagnia Albo Ivas (compagnia estera riconosciuta in Italia) ci comunicava che sarebbe stata rilasciata in ritardo per un problema tecnologico. La Lega B è a conoscenza di tutto e presumiamo, salvo errori, che la fideiussione arriverà. La Lega di B non dovrebbe creare problemi, hanno riscontrato le nostre fondate ragioni. Posso confermare che il Palermo è regolarmente iscritto”. Il problema tecnologico mi mancava in questi anni di calcio sempre più alla deriva (nemmeno i superpoteri di CR7 stanno raddrizzando la baracca) e nel frattempo il Venezia spera nel ripescaggio dando vita a uno scenario comico se non fosse deprimente. Ricapitolando: il Palermo aveva conquistato i playoff, poi è stato retrocesso in ultima posizione con il Foggia retrocesso e la Salernitana salva, poi il Palermo è stato penalizzato senza retrocessione con il Foggia retrocesso e lo spareggio playout tra Salernitana e Venezia perso dal Venezia con i giocatori in vacanza o quasi. Capite il caos ed il Venezia che attende il ripescaggio?
Per non farci mancare nulla la lega pro continua nel suo calcio “una tantum” in cui le squadre falliscono per strada o nemmeno si iscrivono. Il Foggia retrocesso appena citato? Non è riuscito a iscriversi nell’anno in cui avrebbe festeggiato i 100 anni di storia e non è finita qui perché oltre al club di zemanlandia non hanno presentato domanda di iscrizione Lucchese, Albissola, Siracusa e Arzachena mentre la Viterbese è in vendita. Nonostante tutto questo casino il campionato di B rimarrà a 20 squadre e la lega pro avrà sempre tre gironi da 20 quando è chiaro che il primo modo per avere classifiche di campionati non stravolte da pendenze o altro è ridurre il numero delle partecipanti così da premiare chi può permettersi il giochino. Ma che ce frega abbiamo CR7 che fa il bene del calcio italiano con le foto esclusive delle sue vacanze, questo sì che è vero calcio!

il Við Løkin lo “stadio” del NSI

Infine c’è il calcio ignorante. Per i malati di calcio come il sottoscritto, quelli per cui più sono assurde (o in posti assurdi) le partite e più sono belle, oggi prendono il via i preliminari di europa league con match da birra (tanta) e salamella come quello tra Barry Town e Cliftonville, ma non mancano incursioni alle isole Far Oer, in Kosovo e in Lussemburgo con il Progrès Niederkorn piazzatosi quarto nel campionato vinto da quel Dudù solange che tanto ci ha fatto soffrire. Calcio ignorante, calcio vero dove se tiri troppo forte il pallone finisce in acqua e lo trovano in Islanda, o dove tira un vento pazzesco e se per caso finisci fuori campo devi avere l’accortezza di saltare stile olio Cuore una staccionata. In fondo è il calcio di tutti noi quello dove l’importante è giocare e le scene assurde sono all’ordine del giorno. Come scoprire che il NSI (squadra delle Far Oer) ha un gruppo di tifosi organizzati nonostante siano quattro anime disperse e così a Ballymena nell’Irlanda del Nord è prevista l’invasione dei Guliganz: a occhio e croce saranno in tre. Viva i preliminari di europa league viva la loro ignoranza a suon di birre e salamelle per il bene del calcio, per davvero però.

Seal

Ricordo Baresi entrare in scivolata e poi l'ovazione del pubblico, da quel momento ho capito che fare il difensore era la cosa più bella del mondo. Ancora mi esalto quando vedo il mio idolo Alessandro Nesta incenerire Ferrara sulla linea di porta mentre credeva di essere a un passo dalla gloria. Se la parola arte fosse compresa appieno le scivolate del n.13 sarebbero ammirate in loop al MoMA di New York.