Pagelle Spal Milan 0-4

1087

Nel giorno del mio compleanno, i ragazzi decidono di regalarmi un 4-0 in trasferta che non vedevamo dai tempi del Milan di…Sacchi (probabilmente esagero, chiedo a qualche utente di buona memoria un supporto statistico più preciso).

Partita subito in discesa per il gol segnato in apertura, ma primo tempo con qualche titubanza di troppo con l’iniziativa lasciata a lungo ai ferraresi e ritmi di gioco al piccolo trotto, forse calibrati sull’impegno infrasettimanale che ci attende in Europe League.

Decisamente meglio la ripresa, con possesso palla prolungato e tre gol di buona fattura che mettono in ghiaccio la partita, al cospetto di una Spal che nel finale è sembrata davvero poca cosa (ma attenzione, anche Benevento e Verona lo erano, è il nostro approccio che è cambiato radicalmente nel frattempo).

Adesso ci attende il trittico Samp – Roma – Inter, all’andata ne uscimmo con le ossa rotte e zero punti, se nel ritorno facessimo bottino pieno o giù di lì le nostre prospettive in campionato ne uscirebbero completamente ribaltate, e probabilmente anche il prosieguo della carriera del nostro allenatore.

 

Donnarumma: 6   Praticamente inoperoso per tutto l’incontro, unico momento di svago un accenno di litigata con Antenucci che finisce subito a tarallucci e vino

Abate: 6+   In avanti si nota pochissimo, dietro gioca con attenzione e si segnala anche per un paio di diagonali di buona fattura

Bonucci: 6,5   Sbaglia poco o nulla in fase difensiva, in fase di impostazione di tanto in tanto sventaglia in avanti lanci di lunga gittata con la consueta precisione

Romagnoli: 6  Il voto sarebbe uguale a quello del compagno di reparto, se non fosse per una sanguinosa palla consegnata agli avversari a campo aperto, gli avanti spallini sono poca cosa e non capitalizzano ma con avversari più dotati sono errori da non ripetere

Rodriguez: 5  La delusione più grossa, in questa fase della stagione riesce ad esaltare l’avversario di turno chiunque esso sia, stavolta tocca a Lazzari… ribadisco ciò che ho avuto già modo di dire in precedenza, se il suo passo è questo (e temo che lo sia…) può fare il centrale di sinistra in una difesa a 3, ma il laterale di una difesa a 4 proprio no

Kessie: 6,5   Solito grande apporto di corsa e di sostanza, salterà la prossima per squalifica e forse non è un  male, ogni tanto deve tirare il fiato anche lui (che poi non abbia un sostituto naturale in rosa non è colpa sua…)

Borini: 6,5   Entra in campo nell’ultima quarto d’ora a partita praticamente chiusa, ma lo fa in maniera convinta riuscendo anche a segnare un gran gol con un bel diagonale incrociato

Biglia: 7   Ordine, corsa e senso della posizione, e alla fine anche uno splendido gol con tiro a giro che si infila nell’angolo, la sua esultanza persino esagerata sta a testimoniare quanto abbia sofferto in questi suoi primi mesi in maglia rossonera

Montolivo: 6+   L’ex capitano è ormai relegato a un compito del tutto marginale, quello di far rifiatare il titolare di ruolo, ma l’assist di esterno con il quale mette Borini davanti alla porta è oggettivamente una giocata pregevole

Bonaventura: 6,5   Con il passare del tempo migliora la sua attitudine al ruolo di mezzala e la sua intesa con Calhanoglu, le giocate e gli interscambi con il turco sulla fascia sinistra rappresentano la svolta tattica più evidente in questa fase della nostra stagione

Suso: 7   Il dibattito sullo spagnolo nel blog è più che mai aperto ma sapete ormai da tempo come la penso, lo reputo il giocatore di maggior talento della nostra rosa e per me deve giocare sempre, un esterno che probabilmente a fine stagione arriverà in doppia cifra sia in termini di gol che di assist sul mercato attuale lo paghi dai 70 milioni in su, sono convinto che il ritorno imminente di Conti con le sue sovrapposizioni sulla fascia di competenza darà modo al talentino spagnolo di esprimersi ancora meglio

Cutrone: 7,5 (il migliore) I gol sono due tap-in da zero metri o poco più, ma ha il grande merito di farsi trovare al posto giusto nel momento giusto, questo ragazzo ha appena compiuto vent’anni e come dice Gattuso ha il veleno dentro, se non si monta la testa è destinato ad un grande avvenire

Calhanoglu: 6,5   Partita forse poco appariscente ma di grande sostanza, l’intesa con Jack è ormai consolidata e quando ha la palla tra i piedi sbaglia raramente

Gattuso: 7   Voglio provare a far parlare i numeri, che alla lunga non mentono quasi mai: nelle prime 5 partite della sua gestione, giocate nel mese di dicembre, la squadra fa 5 punti (media 1) segnando 5 gol e subendone 9; trovato il bandolo di una matassa contorta, nelle successive 5 da inizio 2018 fa 13 punti (media 2,60), con 10 gol fatti e solo 3 subiti, in totale da quando è subentrato sono 18 punti in 10 partite (media 1,80) e una finale di Coppa Italia a portata di mano.

Se da qui alla fine la media tenuta sarà quella generale da quando è subentrato (1,80), la proiezione finale dice 63 punti e probabile piazzamento in zona Europe, se sarà quella tenuta da inizio 2018 (2,60 punti a partita) i conti su proiezione e piazzamento finale li lascio fare a voi…

 

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.