Pagelle Milan Sassuolo 1-3

10088

 

Evidentemente la partita di Madrid ha fatto male nel fisico e malissimo nella testa.

Non si spiega diversamente una prestazione come quella odierna del Milan, che ha praticamente smesso di giocare appena trovato il gol del vantaggio.

Non siamo ancora pronti a giocare due competizioni al massimo livello, non lo siamo nella qualità della rosa (posto che la quantità è costantemente falcidiata da un numero abnorme di infortuni mal gestiti dallo staff atletico-sanitario), non lo siamo nella consapevolezza di un gran numero dei giocatori che compongono questa squadra.

Dopo la sconfitta di Firenze avevo scritto che se certi errori banali nascevano dalla presunzione sarebbero stati guai seri, oggi purtroppo se ne è avuta la conferma lampante, nelle scelte iniziali di formazione dell’allenatore e nell’atteggiamento in campo dei giocatori.

E’ bastato un Sassuolo ordinato e veloce per aprire voragini nella nostra retroguardia, con difensori lasciati alla mercè degli avversari nell’uno contro uno da una mediana incapace di costruire e di difendere.

Sono fermamente convinto che questa squadra abbia i mezzi per vincere il titolo, ma per farlo deve ritrovare in fretta l’umiltà perduta e l’intensità dei momenti migliori, senza non si va da nessuna parte.

Occorre ricompattarsi in fretta, assumere un atteggiamento tattico meno spavaldo e più concreto, altrimenti sarà durissima anche a Genova, potete scommetterci.

Maignan: 6 (di stima e bentornato)  Il primo gol di Scamacca è da antologia, sul tiro da cui nasce il secondo lo condanna una sfortunata carambola su Kjaer, sul terzo la palla gli passa sotto le gambe ma Berardi era da solo sotto misura, forza Mike che in questo periodo mi sa che ci servirai parecchio

Florenzi: 5 Un paio di cross rasoterra inguardabili e poco altro

Kiaer: 6+ (il migliore, se così si può dire) Cerca di tenere in piedi la baracca col fisico e con gli anticipi ma senza l’assistenza di Tomori al suo fianco è dura anche per lui

Romagnoli: 4,5  Mezzo punto in più per il bel gol che apre la partita, per il resto imbarca acqua da tutte le parti denotando i ben noti limiti di velocità in campo aperto, ad un certo punto sembrava il soldato Ryan durante lo sbarco in Normandia, con avversari che gli piovevano addosso da tutte le parti per il mancato filtro di un centrocampo inesistente, l’espulsione per il fallo su Defrel è la ciliegina finale ma già prima Berardi gli aveva confezionato la torta con lui a tenere le braccia dietro la schiena nella consueta postura (sono convinto che già nelle foto di classe alle elementari tenesse le braccia così)

Theo Hernandez: 5   Tolto l’assist per il gol di Romagnoli non ne combina una giusta

Bakayoko: 4   La colpa non è la sua ma di chi ce l’ha messo, se c’era una partita che non doveva giocare era quella odierna, un gatto di marmo preso in mezzo da topolini neroverdi che andavano a velocità doppia

Kessie: 4   Ingresso in campo semplicemente indecente, null’altro da aggiungere Vostro Onore

Bennacer: 5   Lui il passo per arginare Maxime Lopez e Frattesi lo avrebbe anche, ma incoccia in una di quelle giornate no in cui non gli riesce quasi niente

Tonali: 5,5   Quando la nave imbarca acqua a volontà, un secchio può fare poco

Saelemaekers: 4,5  Quando si deve allargare stringe, quando deve accentrarsi svaria, prestazione sconcertante in linea con tante altre di quest’ultimo periodo

Kalulu: SV, cioè Si Vede proprio che non gli stai simpatico

Brahim Diaz: 4,5  Ha giocato?

Messias: 6   L’eroe di Madrid ci mette impegno e generosità, ma per raddrizzare la partita odierna non sarebbero bastati neanche i suoi quasi omonimi di Nazareth e Rosario

Leao: 5   Parte sempre forte ma non arriva mai, per diventare davvero devastante gli manca la scintilla finale, quella che mette a fuoco i limiti della difesa avversaria nascondendo i suoi

Ibrahimovic: 5 Nella circostanza odierna riesce solo ad aggiornare la statistica dei fuorigioco

Pellegri: 5  Mezz’oretta scarsa di nulla, per un upgrade nel ruolo sarebbe bastato che so, uno Scamacca, ma quello non era gratis

 

Pioli: 4  Fresco di rinnovo contrattuale, festeggia come peggio non si potrebbe, nelle scelte iniziali di formazione (Bakayoko schierato contro un centrocampo di piccoletti velocissimi non si può vedere) e nell’atteggiamento generale della squadra in campo, scriteriatamente sbilanciata anche avanti nel punteggio… speriamo che 7 gol subiti in due partite bastino a suonare la sveglia, diversamente l’agognato salto di qualità non arriverà mai

 

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.