Pagelle Fiorentina Milan 1-1

11610

Sono incazzato come una bestia.

E’ umanamente impossibile rimanere calmi dopo aver visto una partita così palesemente indirizzata da un arbitraggio vergognoso, per non dire di peggio.

E’ una vergogna assoluta annullare un gol pazzesco come quello di Ibra per un tocco totalmente involontario con il braccio aderente al corpo, ed è ancora più vergognoso che sia stato annullato dal Var quando in campo nessuno aveva detto bau, a partire dai giocatori viola per finire con Calvarese… che poi si è andato a rivedere l’azione decidendo in meno di dieci secondi.

Ma la cosa veramente scandalosa è il rigore inesistente fischiato a Romagnoli che lotta corpo a corpo con Cutrone e tocca la palla con la punta del piede facendole cambiare direzione: ci può stare che l’arbitro non se ne accorga, ma in questo caso perché il Var non interviene? (per inciso, l’arbitro Var è Nasca, lo stesso del rigore a Calabria nel recente Milan-Juventus di Coppa Italia).

La cosa paradossale è che in un Sampdoria Milan dello scorso anno Piatek fu protagonista di un episodio pressoché identico, in quell’occasione Orsato andò a rivedere l’azione al Var e non diede il rigore.

Poi è chiaro che la squadra ha le sue colpe, in vantaggio nel punteggio e in superiorità numerica avrebbe dovuto mostrare più lucidità e personalità facendo il 2-0 e chiudendo la partita… ma signori cari, con un arbitraggio normale questa partita sarebbe finita 2-0 comunque!

Per quasi 70 minuti il Milan ha giocato una partita perfetta, dominando la Fiorentina in lungo e in largo con giocate pregevoli di prima, pressing alto e un fraseggio fitto di passaggi come non si vedeva da tempo immemore. Poi la superiorità numerica probabilmente ha illuso i nostri giocatori che la partita fosse già finita e qui sono venuti fuori i difetti di personalità insiti in una squadra ancora alla ricerca di sicurezze definitive, che talvolta tende a smarrirsi quando il gioco inizia a farsi duro.

Non sottovaluterei anche l’aspetto atletico, da qualche partita giocano praticamente sempre gli stessi, e quando gli impegni diventano ravvicinati qualche manchevolezza finisce per emergere. Ma per questo è giusto ringraziare una proprietà lungimirante, che a gennaio ha condotto un’ottima campagna di indebolimento lasciando la rosa cortissima… la stessa proprietà che ci tutela egregiamente nei confronti del Palazzo, mostrando un peso politico prossimo allo zero.

Donnarumma: 5,5   Da un improvvido tentativo di dribbling su Chiesa poteva uscire una frittata, per il resto quasi mai impegnato.

Begovic: 6,5   Pronti via e deve subito smanacciare un colpo di testa da sotto misura, nel finale provvidenziale parata di piede su Caceres ad evitare la beffa… se avesse parato anche il rigore di Pulgar saremmo qui a celebrare un nuovo eroe

Conti: 6   Onesta partita di copertura e nulla più

Gabbia: 6,5   Il ragazzino ha stoffa, personalità e piedi educati, Vlahovic non la vede praticamente mai

Musacchio: SV   Solo pochi minuti nel finale, difficile esprimere un giudizio

Romagnoli: 6,5   Partita di grande spessore con tanti buoni interventi in anticipo, del rigore inesistente che gli viene fischiato contro abbiamo già parlato diffusamente sopra

Hernandez: 6   Probabilmente non sta attraversando il suo miglior momento di forma, ma spesso i miei voti nascono da lampi istantanei… e il tunnel con immediata sventagliata di 60 metri a pescare Castillejo dalla parte opposta del campo è di un bagliore accecante

Kessie: 6,5  Al di là di un leggero calo nel finale, gioca una partita di grande sostanza in mezzo al campo, sradicando dai piedi avversari una quantità considerevole di palloni.

Bennacer: 7+ (il migliore anche per i nighters)  Benedetto ragazzo, se dimostri di poter giocare in tutta tranquillità intere partite incurante del fardello di un’ammonizione perché mai continui invariabilmente a prendere gialli nelle fasi iniziali? Scherzi a parte, la sua crescita è tangibile in termini di dribbling, corsa e geometrie, pedina ormai insostituibile nello scacchiere del nostro centrocampo

Castillejo: 6,5   Molto bello e preciso il cross tagliato per la testa di Rebic, in generale non fa mai mancare il suo apporto nelle due fasi

Saelemaekers: SV

Calhanoglu: 5 (il peggiore anche per i nighters)   Partita abbastanza anonima, nella quale torna ad esercitarsi nel suo hobby preferito, il tiro allo stinco

Rebic: 7   Potrebbe già sbloccare la partita nel primo tempo ma non sfrutta l’assist perfetto di Samu, lo fa ad inizio ripresa mostrando quello stato di grazia che ti fa sempre essere nel posto giusto al momento giusto

Ibrahimovic: 7   La decisione cervellotica del Var e del regolamento non tolgono nulla alla bellezza del suo gesto, si mangia di puro fisico e tanta tecnica quattro avversari in un fazzoletto mostrando una classe infinita che non si arrende al trascorrere del tempo, Highlander

 

Pioli: 6  Ammetto di essere in difficoltà nell’esprimere il giudizio finale, per lunghi tratti si è forse visto il miglior Milan della stagione, padrone del campo e del gioco come non accadeva da molto tempo… certo sulla gestione affannosa del finale di partita in superiorità numerica dovrà riflettere, e parecchio

 

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.