Pagelle Bologna Milan 0-0

8684

Una delle partite più brutte di tutti i tempi, uno spettacolo talmente orribile che maledici la nebbia per non essersi impossessata del Dall’Ara con più decisione.

Da una parte il nulla cosmico del Bologna, una squadra schierata da Pippo loro con un onesto 5-5-0 al quale solo la bizona di Oronzo Canà avrebbe potuto dare un senso compiuto.

Dall’altra il nulla moviolato di Rino Nostro, il profeta convinto del calcio orizzontale, il fine tessitore di trame infinite di passaggi (730 il computo finale) il cui unico scopo è quello di consentire alla difesa avversaria di schierarsi con tutta calma.

Poteva uscirne solo uno squallido zero a zero, impreziosito dai virtuosismi di un arbitro indegno che ha brandito cartellini a destra e a manca, aggiungendo alla beffa di una prestazione inguardabile il danno collaterale di un azzeramento completo del nostro centrocampo in vista del prossimo incontro.

Ieri mattina nella nostra chat di redazione discettavamo sull’utilità o meno di provare il turcomanno davanti alla difesa, beh direi che sabato prossimo gioco forza ci toglieremo il dubbio.

Ma la cosa paradossale sapete qual è? Che alla fine di questo schifo fatto e finito, abbiamo persino consolidato il nostro quarto posto…

 

 

 

Donnarumma: 6   Chiamato in causa rarissime volte, ma sempre molto attento tra i pali e tempestivo in una bella uscita da libero aggiunto su Palacio

Calabria: 6   Spinge con buona continuità sulla fascia di competenza, anche se di cross decenti in mezzo non ne ricordo

Zapata: 6   Partita attenta e concentrata, Santander gli fa il solletico

Romagnoli: 6+ (il migliore)  Forse l’unica nota lieta della serata, un Alessio pienamente recuperato pronto a riprendere il suo posto in mezzo alla difesa

Rodriguez: 5,5  Qualche pallone sbagliato in più rispetto al solito e abbastanza latitante in fase di spinta

Kessie: 5  Una delle tante partite da onesto badilante della mediana che ti spingono a riflettere sull’investimento ingente fatto nei suoi confronti

Bakayoko: 5  Meglio del suo compagno di reparto, ma oggettivamente ingenuo nell’andarsi a cercare due gialli in meno di tre minuti, se non è un record poco ci manca

Suso: 4,5   Irritante e prevedibile, in partite come queste creare la superiorità numerica sarebbe vitale ma non gli riesce praticamente mai

Laxalt: SV   Peccato abbia giocato soltanto dieci minuti, stava creando i presupposti per prendersi un bel 4 anche lui, ma così non mi sento di darglielo nemmeno sulla fiducia

Calhanoglu: 4   Non pervenuto, un colossale spreco di doti tecniche declinanti in giocate scolastiche e senza convinzione

Mauri: 5,5   Due cose buone e due vaccate in un amen, ma sabato ci servirà eccome

Cutrone: 5   Prestazione involuta e inconcludente, corredata per di più dalla reazione stizzita alla sostituzione, calma ragazzo, non ti ci mettere anche tu

Castillejo: 5   Siamo sicuri che sia entrato?

Higuain: 5  Prosegue a tappe spedite il suo processo di kalinicizzazione, rari lampi di classe dispersi in un mare di scelte sbagliate e tiri velleitari, difficile credere sia solo colpa sua

 

Gattuso: 4,5   Quando dobbiamo creare gioco contro squadre arroccate vengono a galla tutti i suoi limiti, inutile schierare due punte (per quanto buone esse siano) se non le metti in condizione di far male all’avversario con movimenti complementari e schemi offensivi collaudati

 

Max

 

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.