Mercato, ICC ed altri incidenti …

10108

Bennacer (ora è ufficiale), Hernandez, Krunic, Leao, Duarte, in. Zapata, Montolivo, Bertolacci, Abate, Mauri, Cutrone, Djalo, Simic out.  Plizzari in prestito (scelta corretta per vedere se giocando con continuità crescerà, dopo un U20 sugli scudi, o se sarà destinato ad una carriera di medio livello). Questo al momento il mercato. 90 milioni malcontati di investimenti (pari ad un ammortamento annuale di circa 18 milioni/anno) contro una plusvalenza tra i 23 ed i 30 milioni (a secondo delle fonti) per Cutrone/Djalo. Un abbassamento del monte ingaggi sensibile rispetto a quello dell’anno in corso (specie se consideriamo la “dipartita” di Higuain che pesava maledettamente) e con i giocatori provenienti dall’estero che avranno una tassazione agevolata. Al di là di quanto capiterà, visto che il mercato dura ancora una mesata, fino ad ora è stato un mercato accorto ed intelligente. Si è cercato di rinnovare e migliorare la rosa con giocatori di (grande?) prospettiva e, al momento, a peso zero sul prossimo bilancio… Questa è la realtà dei crudi numeri.

Acquisti dall’estero con l’unica eccezione dei due ex Empolesi presi però a prezzi non gonfiati a fronte di giovani primavera sconosciuti in parziale contropartita come è ormai abitudine consolidata. Quello delle plusvalenze è un gioco che a breve funziona ma poi ti obbliga a fare plusvalenze sempre più elevate (perché la quota di ammortamento annuale va fatalmente a crescere sempre più) con il rischio che, se le entrate da altre fonti non aumentano, si arrivi ad un punto di non ritorno. Un gioco che, sembra, al Milan non vogliano giocare. Credo pure che gli eventuali altri arrivi saranno vincolati alle partenze con i maggiori indiziati in Silva, Suso (sempre in perenne discussione), kessie, Castillejo e (Dio lo volesse) Laxault perché quattro esterni sinistri sembrano davvero un lusso inutile.

ATTENZIONE ! maneggiare con cura. L’esposizione prolungata al prodotto può provocare effetti indesiderati anche gravi

Anche la vicinanza a Mendes appare una vicinanza relativa. Al momento riservata a specifici affari in entrata ed in uscita (Silva su tutti). Se da una parte giocare con Mendes è pericoloso, farlo con granu salis potrebbe persino risultare utile. L’importante è non legarsi a filo doppio perché la sua strategia è nota. Ti mollo un giocatore, poi te lo faccio rivendere ma tu me ne compri un altro a prezzi ancora più elevati e, piano piano, senza che quasi te ne accorgi, ti ritrovi vincolato ai suoi voleri. Giocare con Mendez (un poco come con Raiola) è come scherzare col fuoco. Speriamo che a casa Milan siano dotati guanti isolanti adeguati per poterlo maneggiare con cura …

Qual’è quello vero ?

Le partite con Benfica e, soprattutto, Manchester United, ci hanno restituito un Suso in forma smagliante e che si sta adattando bene al ruolo di trequartista pensato per lui da Giampaolo. Ora, fatto salvo che parliamo sempre di amichevoli estive, se giocasse davvero sempre così, con una certa intensità, senza rifugiarsi sulla mattonella preferita e giocando per la squadra più che per se stesso, andrebbe pure bene. Che sappia giocare al calcio non si può discutere, che abbia dei colpi pure. Vi offendete se dico che non mi fido ? Tutti gli anni Suso parte alla grandissima tanto che a cavallo tra Ottobre e Novembre lo cercano (così almeno si dice) tutti i top team del mondo, salvo poi andare in letargo con i primi freddi per rimanerci fino a fine stagione tanto che, a Giugno, non lo cerca più nessuno. O Giampaolo riesce nel miracolo o dobbiamo sperare nelle previsioni della piccola Greta sul surriscaldamento globale per immaginare di avere un giocatore vero per l’intera stagione. Nel dubbio preferirei che lo vendessimo e non è detto che il metterlo in mostra in questo precampionato, con tanto di endorsement dell’allenatore, non serva ad attirare qualche gonzo.

Questo mercato si sta rivelando difficile per tutti. Non tanto per acquistare, se hai quattro soldi che ballano, ma, più che altro, per vendere come dimostrano le difficoltà dell’Inter di piazzare Icardi e Naingollan, che viene mandato in prestito a Cagliari altrimenti sarebbe rimasto sul gozzo, e della Juve che vorrebbe fare plusvalenze con Dybala, Mandzukic, Rugani (più varie ed eventuali) e scaricare Higuain, che però al momento sono ancora tutti lì. Se si fa fatica a piazzare supposti pezzi da 90 figuratevi giocatori di media caratura. Poi si risolverà tutto e troveranno gli escamotage o le sponde giuste per risolvere i loro problemi ma i bei tempi in cui si vendevano mezzi giocatori o finti fuoriclasse a peso d’oro sembra finito (sempre che allo stesso peso d’oro non compri). In questa situazione apprezzo quanto stanno facendo Zorro & Co che stanno provando a percorrere strade diverse dagli altri. Puntare su una rosa così giovane è un rischio. Perché i giovani possono esplodere o sparire nel limbo della mediocrità, possono alternare partite scintillanti a prestazioni incolori, sono soggetti all’esaltazione, quando le cose vanno bene, o alla depressione, se prendi qualche scoppola pesante, ma preferisco chi si prende dei rischi (Gianclint dixit) provando a sparigliare le carte in tavola che chi si adatta seguendo la scia.  Se continui a fare quello che fanno tutti gli altri puoi al massimo lasciare gli equilibri inalterati, se rischi e ci hai visto giusto… chissà. Ancora un poco di pazienza ed avremo il quadro completo, nel frattempo, sempre e comunque

FORZA MILAN

Axel

PS: Pur non essendo un amante incondizionato del Giampy, le mie remore le conoscete, se giochi con il pressing alto e la linea dei difensori a centrocampo qualche contropiede (al netto di qualche svarione dei singoli) prima o poi lo becchi per forza. Non si può pretendere tutto dalla vita …

Puoi cambiare tutto nella vita. La fidanzata, la moglie, l'amante, la casa, il lavoro, la macchina, la moto e qualsiasi altra cosa che ti viene in mente. Solo una cosa non potrai mai cambiare. La passione per questi due colori. "il rosso come il fuoco e il nero come la paura che incuteremo agli avversari". Grazie mamma che mi hai fatto milanista, il resto sono dettagli.