Passatempo

12690

Finalmente qualcosa si è mosso. Molto presto per capire il quadro generale, ma sommando gli indizi Giampaolo + Massara + Boban + Krunic si può iniziare a pensare che le mosse, quantunque non del tutto programmate (Boban sicuramente si) e non certo deflagranti, sembrano fatte con un nesso logico. Condizione non sufficiente per il successo, sia chiaro.
Si parla ora del costosissimo Sensi, visto che vantiamo un credito in quel di Sassuolo, ma sarebbe bello anche non farsi infinocchiare a volte (come successo con Laxalt-Castillejo); perchè non esigiamo Demiral, in procinto di viaggiare a Torino per più o meno le stesse banane che i neroverdi ci devono per il Loca? La juve può allungare i tentacoloni sul centrocampista, no, visto che è così formidabile? Per 35 baiocchi, come scrive Tuttosport, possono pigliarselo loro che sono ricchi. Si parla anche di Jordan Veretout, regista con discreto piede e buona aggressività, per i tempi che paiono correre (cioè non ricchissimi) andrebbe bene per riempire la casella fronte difesa con un buon mix qualità-quantità ed esperienza.
Il resto è un po’ un susseguirsi di voci che casualmente dalla quasi ufficialità di Boban ci vedono su ogni croato dell’universo, dalla quasi ufficialità di Massara su ogni obiettivo presunto dell’ex collaboratore della Roma…insomma, difficile capirci granchè. Maldini è silenzioso, non siamo abituati. Grande curiosità per le partenze, visto che come ha sottolineato Seal ci dovranno essere e probabilmente anche dolorose; dando per scontato Suso, che con Giampaolo è inutile, vedremo poi a chi altri toccherà. Prima o poi qualcuno dovrà uscire allo scoperto per farci inghiottire l’amara dose.

E mentre attendiamo, ecco qualche buon film che può accompagnare la nostra estate di attesa e speranza:

Scary Movie
La storia del ‘serial president’ Scaroni sfocia nel grottesco quando non riesce più a distinguere le cariche inviando Borini a rappresentare Bioscalin in Nigeria.

Point break – Punto di rottura
Una banda di quattro giornalisti sportivi col volto nascosto da maschere di gomma raffiguranti Fassone, Galliani, Maiorino e Guadagnini, si diletta a cercare di scoprire il famoso ‘point break’ dello scroto dei milanisti.
Con la partecipazione straordinaria di Neri Marcorè nei panni di Marco Giampaolo, con la maschera di Gasparri. O viceversa.

Pedator
Ignaignazio, Borinaldo e Kessie vengono inviati nella giungla per sfidare una tribù di misteriosi alieni in una partita 3vs3 che deciderà le sorti dell’umanità. Dopo aver disperso tutti i palloni nel profondo della foresta con pedate ignomignose, e aver fatto incazzare gli alieni, chiamano il cecchino Chattanooglu per i tiri decisivi. Questi con la sua balistica colpisce in fronte tutti gli alieni, che svengono, e l’umanità è salva.
Abbiamo pareggiato 0-0 ma gli altri sono morti, cazz’!!!” la frase del Colonnello Rino al termine del film fra il tripudio della folla.

La notte dei morti viventi
In una località rurale del varesotto alcuni non morti sorgono dalle vasche di sabbia di Milanello e tormentano la popolazione chiedendo ingaggi molto alti.

Alamo – The last command
La storia vera della semifinale di Coppa Italia Milan-Lazio: l’assedio, la lotta, la resa.
Con Ernest Borgnine nei panni di Gennaro Gattuso.

Se mi lasci ti cancello
La vera storia del Dott. Sauro Muma, esperto nel rimuovere ogni traccia di ricordo di coloro che se ne vanno dal Milan. Ma se poi tornano è costretto a grottesche piroette per riassemblarli al meglio.

Carri – di Stephen King
Carol Skincats scopre di riuscire creare dei carri col pensiero. Ma siccome questi restano sempre vuoti, cova risentimento verso tutti e minaccia di non farli usare a nessuno, soprattutto quello di Pippomio per l’Ottava.

Ho voglia di the
Ivan Gazidis non riesce a rinunciare alle abitudini inglesi.

Rapina a Cairo
Crudo film di denuncia sulla mancata partecipazione del Torino all’Europa League. Toccante la scena in cui Mazzarri (interpretato da Ernest Borgnine) pressa invano il TAS mostrandogli l’orologio.

Godzilla – King of the (fish) market
Un gigantesco sauro approda ad Ibiza dove fra un rutto e un peto si scofana quattro teglie di paella al giorno ingaggiando Mati Fernandez e il Ualla Sosa.

Ndujo
Mirabelli è un normale scout, ma un giorno viene morso da un cinese trasformandosi per un’estate in Re del Mercato con esiti grotteschi. Con Borini nei panni di Cristiano Ronaldo.

Larry

22/11/1997, primo blu. Un ragazzino guarda per la prima volta l’erba verde di San Siro da vicino.Il padre gli passa un grosso rettangolo di plastica rosso. “Tienilo in alto, e copri bene la testa. Che fra un po’ piove”. Lapilli dal piano di sopra, quello dei Leoni. Fumo denso, striscioni grandi come case e l’urlo rabbioso: MILAN MILAN…Quel ragazzino scelse: rossonero per sempre. Vorrei che non fosse cambiato nulla, invece è cambiato quasi tutto. Non posso pretendere che non mi faccia male. O che non ci siano colpevoli. Ma la mia passione, e quella di tanti altri, deve provare a restare sempre viva.