Opzioni

4290

Che palle. Sì palle, ma non quelle da insaccare nella porta avversaria perché un milanista ormai non può più parlare di calcio giocato, nossignori, dopo una stagione sportiva tribolata deve lasciar perdere ogni discorso sul rafforzamento della squadra perché l’unica sua ragione di vita dev’essere l’arrivo di un bonifico! Già mi immagino milanisti in preda a visioni mistiche di San Matteo che cammina sul prato di San Siro lanciando distinte dei codici cro verso un pubblico in visibilio per la grazia ricevuta. Altro che San Pietro sopra la traversa di fantozziana memoria.
Personalmente non mi interessa sapere di chi è la colpa, come si sia arrivati a questo punto e perché, so solo che dopo un anno mi sarei ampiamente rotto i cosiddetti e nella mia testa non esiste che l’A.D. possa solo pensare alla possibilità di non giocare le coppe. Ma stiamo scherzando?
Il non partecipare non è un opzione, non deve proprio esistere nel vocabolario di un buona società altrimenti meglio lasciar perdere, dedicarsi ad altro e spostarsi di lato per affidare ad altri questi compiti. Non partecipare…ma cosa diamine han sentito le mie orecchie! E’ un concetto talmente assurdo che farlo passare come una semplice opzione è a mio modo di vedere offensivo. Abbiamo commesso qualche illecito sportivo? No, e allora cara società trova la soluzione perché il resto non esiste, il resto è soltanto il nulla, un disastro da lancio di pomodori.
Avete detto di volerci riportare in alto? Fatelo. E’ passato un anno e le mie preoccupazioni non possono e non devono essere i soldi di Lì o sentire che c’è la possibilità dell’esclusione dall’Europa, ma soltanto quali giocatori occorrono per rendere questa squadra competitiva per la lotta scudetto.
Come ho scritto quella maledetta sera del rifiuto del SA io ora voglio i fatti. Non me ne frega nulla del pool di avvocati ed esperti che sta lavorando per incontrarsi con la UEFA, a me interessa il risultato finale. A questo casino si è giunti a causa dei bilanci della precedente società (solo ora qualche cunicolo ziga a riguardo…che strano) perché sono quei bilanci disastrosi ad averci portato davanti a queste commissioni, ma ciò che non tollero è l’averci fatto credere di poter ottenere un VA e poi dichiarare che forse non si va in coppa.

in fondo ha quattro ruote come la DB11

E’ come se andassi a trattare l’acquisto di una DB11 e poi mi ritrovassi tra le mani una Talbot Horizon perché è “capitato”…si è capitato che non ci ho capito nulla nella migliore delle ipotesi e non è comunque una cosa di cui vantarsi. Per “fortuna” che per difendersi da tutto questo casino è stato tenuto a galla un vero M.S. Marshals impegnato oggi a far passare in secondo piano, quasi fosse stata una boutade, il piano in B/N perfettamente riuscito. A volte sarebbe meglio tacere, ma d’altronde c’è ancora chi rimane ammaliato da una bella specialità ischitana suonata davanti a un bel pianoforte a coda di paglia non accorgendosi della fregatura. Contenti loro…contenti loro direbbe Paolo Bitta.

A questo punto la società come può far tornare in alto il morale dei tifosi ormai finito sotto i tacchi? Con un mercato come si deve e non ci sono altre vie. Il bonus fiducia è stato polverizzato in un solo anno, ora non rimane che rinforzare adeguatamente questa squadra. Se verranno presi tre giocatori molto forti e verrà finalmente allestita una panchina adeguata molte cose cadranno nel dimenticatoio, ma se così non dovesse essere allora tutte le belle parole spese un anno fa se le sarà portate via il vento che si tramuterà in tempesta. Quello che qualcuno forse non ha ben capito è il peso delle parole pronunciate un anno fa. Quei discorsi da grandeur sono pietre miliari per un tifoso perché è la passione che lo guida e se gli si fa una promessa bisogna mantenerla, costi quel che costi, altrimenti si tace.
Sul tema rifinanziamento mi sono francamente rotto. Anche lì ho sentito mille parole, un sacco di date poi puntualmente disattese. Ma che senso ha parlare di date e tempi se non ci sono certezze? E’ come tirarsi la zappa sui piedi, ci si espone facilmente a critiche e pettegolezzi di ogni genere. Hai voglia a lamentarti se sei il primo a dare materiale di discussione.

Infine dopo tante incazzature un argomento che dà profondo orgoglio alla redazione. Sabato abbiamo annunciato la festa-raduno per i 10 anni del blog, un giropizza offerto da noi che si rifà a quella richiesta pervenuta da più nighters di potersi finalmente incontrare e chiacchierare un po’ tra una risata e una birra, perché in fondo è bello così. Dopo tanto tempo e una serie di problematiche da risolvere siamo riusciti ad esaudire questo vostro (e nostro) desiderio, ma la realtà è che voi ne state esaudendo uno ancora più grande perché molti di coloro che abitano lontano hanno deciso comunque di fare la donazione con uno spirito comunitario che trova davvero pochi eguali. Tutto ciò ci riempie di grande orgoglio, siete fantastici.
Vi invito nuovamente a prenotarvi a raduno.milannight@gmail.com perché siamo già in tanti, ma come ogni festa più gente c’è e meglio è! Viva Milan Night!

Seal

Ricordo Baresi entrare in scivolata e poi l'ovazione del pubblico, da quel momento ho capito che fare il difensore era la cosa più bella del mondo. Ancora mi esalto quando vedo il mio idolo Alessandro Nesta incenerire Ferrara sulla linea di porta mentre credeva di essere a un passo dalla gloria. Se la parola arte fosse compresa appieno le scivolate del n.13 sarebbero ammirate in loop al MoMA di New York.