19/12 20:50 Fassone “VA respinto per scelta politica; violazioni FPF commesse prima di noi”

226

Fassone ha dichiarato stasera in merito alla scelta dell’UEFA di respingere il piano per il voluntary agreement presentato dal Milan: “Dal mio punto di vista la ritengo soprattutto, con enorme rispetto di chi ha preso la decisione, una scelta di matrice di indirizzo politico. C’è un presidente nuovo alla UEFA, che ritiene che le sanzioni per i club che hanno sbagliato sia la strada corretta. Il Voluntary Agreement è una novità, è stata introdotta da una UEFA precedente alla sua. Probabilmente noi e qualche altro club che hanno fatto investimenti importanti non è visto in modo positivo. Il Milan, probabilmente, riceverà delle sanzioni per delle violazioni al Fair Play Finanziario commesse nei tre anni prima che arrivassimo noi. E’ una decisione che ci lascia un po’ con l’amaro in bocca. Mi spiace che passi la versione che sia stata una bocciatura dei nostri piani, non è così. I piani ci sono e sono chiari e dettagliati”. L’AD rossonero dunque sottolinea le responsabilità della gestione precedente, oltre che le perplessità sulla decisione dell’UEFA e l’atteggiamento deo media.

22/11/1997, primo blu. Un ragazzino guarda per la prima volta l’erba verde di San Siro da vicino.Il padre gli passa un grosso rettangolo di plastica rosso. “Tienilo in alto, e copri bene la testa. Che fra un po’ piove”. Lapilli dal piano di sopra, quello dei Leoni. Fumo denso, striscioni grandi come case e l’urlo rabbioso: MILAN MILAN…Quel ragazzino scelse: rossonero per sempre. Vorrei che non fosse cambiato nulla, invece è cambiato quasi tutto. Non posso pretendere che non mi faccia male. O che non ci siano colpevoli. Ma la mia passione, e quella di tanti altri, deve provare a restare sempre viva.