BREAKING NEWS: Le domande di APA Milan all’assemblea dei soci

13 novembre 2017 | Di | Rispondi Di più

il Vice Presidente di APA Milan Giuseppe La Scala

Questa mattina alle ore 11,00 è iniziata la prima vera Assemblea dei Soci dell’Ac Milan in versione cinese. Presenti come sempre i nostri amici dell’APA Milan che hanno fatto le seguenti domande fatte al CdA ed all’amministratore delegato Marco Fassone con riguardo ai punti 1) e 2) all’Ordine del Giorno
* * *
A) Conto Economico dell’ esercizio in corso
Conclusosi il primo quadrimestre dell’ esercizio 2017/2018:
1) l’ andamento della gestione lascia presumere che il risultato previsto sarà effettivamente confermato?
2) A quanto si attesta il deficit a budget per detto esercizio?
3) E quanto al relativo fabbisogno finanziario ordinario, vi sarà la necessità di ricorrere alle risorse dei soci o al sostegno di terzi finanziatori?
B) Indebitamento:
Fisiologico quello corrente, è molto aumentato quello conseguente alle obbligazioni contratte verso altre società calcistiche in seguito alla importantissima campagna acquisti 2017 e relativo ad operazioni regolate con pagamenti differiti.
4) La società pensa di onorare tali obbligazioni attraverso nuovi finanziamenti di terzi (magari allargando il perimetro dell’ operazione di rifinanziamento del debito verso Elliott scadente il 31/10/2018), ovvero attraverso ulteriori aumenti di capitale o finanziamenti del socio di maggioranza?
Risposta: La gestione ordinaria migliora anche se il risultato sarà di passivo. In questi primi mesi ci sono dati molto buoni: ci sono miglioramenti nelle voci relative ai ricavi, indebitamento, gestione dei giocatori e risparmi sugli emolumenti.

Oltre ai 60 milioni relativi all’aumento di capitale il Milan farà ricorso anche ad altre sottoscrizioni per un limite massimo di 120 milioni complessivi.

La società prevede un break even nel terzo anno di gestione

C) Voluntary Agreement
L’ esito delle valutazioni dell’ UEFA ci pare che sia legato anche alla presentazione da parte del socio controllante di adeguate garanzie patrimoniali con riguardo alla copertura delle perdite di periodo che saranno registrate prima del previsto riequilibrio nel termine concesso.
5) Se è così, il C. d’ A. può confermare che, a tale riguardo, Rossoneri Lux ha fornito una documentazione completa e rassicurante?

Risposta: Sul Voluntary Agreement c’è soddisfazione per il piano presentato, molto dettagliato. C’è grande fiducia che possa essere accettato. Consapevoli che si tratta del primo caso. La decisione potrebbe non essere solo economica e arriverà entro Natale.

D) Operazione di rifinanziamento del credito Elliott
La società ha ripetutamente spiegato – anche a chi faceva finta di non capire – che i finanziamenti concessi da Elliot alla Società ed al suo socio di maggioranza (tra l’ altro a tassi di interessi molto diversi) sono operazioni ben distinte e che – ovviamente – la società non è garante del debito della sua controllante.
6) Il C.d’ A. può confermare che dette operazioni sono del tutto distinte anche con riguardo al loro rifinanziamento e che il rimborso (anche anticipato) del debito della società non è minimamente condizionato dal rifinanziamento del debito dell’ azionista?
Più in particolare, abbiamo avuto la recentissima notizia dell’ incarico conferito all’ advisor londinese BGB Weston al riguardo.
7) Tale incarico riguarda solo il rifinanziamento della nostra società o anche quello di Rossoneri Lux?
8) Nel secondo caso, l’ incarico prevede che debba essere trovata una soluzione unitaria? O, al contrario, che il destino del debito di Rossoneri Lux non sia in alcun modo “agganciato” a quello del Milan?
9) Nel conferimento dell’ incarico di cui sopra o, addirittura, nell’esecuzione di detto incarico, ha avuto e ha un qualche ruolo – come sostenuto da alcune fonti giornalistiche – il Dottor Antonio Giraudo dirigente sportivo radiato dalla F.I.G.C.?

Risposta: Tema rifinanziamento. Le operazioni riguardano da una parte il club e dall’altra proprietà. Il collegamento riguarda il fatto che il debito del Milan è garantito dall’azionista e non il contrario.

Tema advisor GBG. E’ uno degli advisor utilizzati. Se tutto va bene si punta ad un doppio rifinanziamento. Non c’è alcun coinvolgimento da parte di Giraudo nella questione, perchè la sua è una collaborazione con GBG Weston per quanto riguarda l’immobiliare.

La sfida è portare il Milan in utile, necessario aumentare il fatturato. C’è l’opzione quotazione in Borsa per il 2020.

E) Parco Giocatori e riflessi su di esso della stagione sportiva in corso
La brillante campagna acquisti/cessioni dell’ estate 2017 ha rinnovato profondamento il parco giocatori.
Molti calciatori giovani e promettenti che sono stati acquisiti e si sono aggiunti ad altri calciatori giovani e promettenti che sono stati confermati.
Il valore di carico dei loro contratti appare – non solo per chi proviene dal vivaio, ma anche per i recenti ingressi – assai promettente sul fronte delle possibili plusvalenze in caso di future cessioni; ma ciò a condizione che la stagione sportiva in corso e le prossime ne sanciscano la definitiva maturazione e non deludano le attese.
Questo, naturalmente, dipende in buona parte dalla guida sportiva e dai risultati che saranno ottenuti.
10) L’ allenatore Vincenzo Montella ha condiviso le linee guida della campagna acquisti e ha prolungato il proprio contratto conoscendo al riguardo le intenzioni della società?
11) Proprio alla luce dei massicci investimenti operati, è stato espressamente chiesto all’allenatore un piano di valorizzazione della “rosa”?
12) Gli obbiettivi della società per questa stagione sportiva sono stati espressamente condivisi dall’allenatore?
13) Essi sono stati riconsiderati alla luce del problematico inizio di stagione e, su di essi, vi è ora un preciso impegno dell’ allenatore?

Risposta: Sulla stagione. All’inizio si pensava che per andare in Champions League fossero sufficienti tra i 71 e i 72 punti. In realtà si è alzata l’asticella e quindi sarà più complicato.

A gennaio il mercato sarà senza interventi a meno che non sia strettamente necessario.

Sul top player: se c’è un giocatore più funzionale, verrà valutato se vendere uno dei top attuali per prenderne un altro. Il top player, quindi, non verrà venduto a prescindere, ma sarà solo una questione tecnica.

L’ipotesi Champions non verrà esclusa nel prossimo CdA di dicembre.

F) Piano industriale pluriennale
Tra i molti aspetti del Piano che – siamo certi – saranno illustrati ai soci, ve ne sono due che hanno un riflesso anche simbolico con riguardo al rapporto con i tifosi.
Da una parte Milan TV, il cui ruolo appare per varie ragioni marginalizzato.
14) La società pensa che possa la nostra televisione possa essere rafforzata fino a diventare un perno essenziale della comunicazione tra la società e i milanisti e, magari, una fonte di ricavo?
15) Il piano presentato all’ UEFA prevede inoltre un investimento su uno stadio di proprietà esclusiva?
16) E, a questo proposito, la società è al corrente del dibattito che vede la tifoseria largamente perplessa sull’abbandono di San Siro (impianto costruito originariamente dal Milan come stadio proprio e solo successivamente ceduto al Comune di Milano) e, soprattutto, sul suo passaggio in via esclusiva all’Inter?
17) Pensa il C.d’A. che la società possa valutare di indire una consultazione tra i tifosi (magari anche attraverso moderni strumenti referendari) quanto al da farsi con San Siro, magari immaginandone una nostra ristrutturazione e invitando l’ Inter a farsi lei da parte?

Risposta: Il Milan ha intenzione di produrre le proprie partite in futuro, in stile Juventus.

 Tema stadio: la convinzione è quella di avere uno stadio di proprietà nel medio termine. Non condiviso con l’Inter. La preferenza rimane San Siro, che però vogliono anche i nerazzurri. Si stanno effettuando delle ricerche sul territorio per trovare l’area più idonea e si terranno conto delle preferenze dei tifosi.

Tema sponsor: su Audi e Adidas niente di nuovo. E’ stato trovato il nuovo sponsor tecnico ed è già pronto il contratto. E’ più basso rispetto al precedente, ma molto soddisfacente. E’ più forte rispetto ad Adidas per quanto riguarda la parte variabile, quindi legato a risultati sportivi e commerciali del club. A inizio anno verrà annunciato il nome.

Sui ricavi quest’anno siamo in crescita rispetto allo scorso anno. Ci sono cinque classi di ricavi: diritti tv, parte commerciale che ha un trend positivo con sei nuovi sponsor, i ricavi da stadio, la UEFA con l’Europa League e la parte che riguarda la Cina che è un po’ più indietro, perché i tempi burocratici sono più lenti.

Nuove sponsorizzazioni: altri ingressi nei prossimi mesi.

G) Gli stakeholders
Le recenti polemiche sulla intitolazione di strade, piazze e spazi pubblici nei pressi di San Siro a personalità nerazzurre hanno dimostrato una modesta considerazione da parte del Comune di Milano della storia della nostra società e degli uomini che l’ hanno illustrata.
18) Non crede il C.d’A. che possa essere utile al Milan potersi avvalere in città (ma non solo a Milano) dell’ influenza organizzata di tanta parte della società civile che è rossonera e che non desidera altro che mettersi al servizio della nostra storia e dei nostri interessi? 19) Non ritiene il C.d’A. di poter favorire questa organizzazione, magari consentendo l’ allargamento del ceto dei piccoli azionisti a personalità significative e rappresentative del mondo milanista?

Tags: ,

Categoria: Comunicazione, Mondo Milan

Sull'autore ()

Community rossonera, da sempre in prima linea contro l’AC Giannino 1986.
Sempre all’attacco.
Un sito di curvaioli (La Repubblica).
Un buco nero del web (Mauro Suma)