Ndo cojo……

24 aprile 2017 | Di | Rispondi Di più

Suso è stanco. La sua prestazione priva di forza è culminata nel fiacchissimo rigore

Se lo sapevo….. L’avessi saputo prima, col cappero che sarei andata a S. Siro! Insomma, torno dopo sei anni in omaggio alla “decondorizzazione” e ti becco questa partita. Mi dicono pure che Galliani è in tribuna con tanto di prole e di proprietario del Giannino al seguito. Nella mia ingenuità vado allo stadio speranzosa e anche un po’ gasatella. Mi vedo già cinque punti sopra gli Orrendi. Non sarà un gran che, ma per me è un bijou. Il closing, il miracolo nel derby, la sconfitta dell’altra squadra di Milano a Firenze sono un ottimo viatico sulla strada di S. Siro. Io parto felice e, tutto sommato, fiduciosa, pur avendo ben presente la nostra modestia. Mi accompagna il mio Orrendo, munito del suo cuscino nerazzurro. Viaggio tranquillo, ingresso allo stadio. Dai, di gente ce n’è, eh! Non ci vorrebbe molto per risvegliare alla grande il tifo rossonero. Vincenzino, perché schieri quel centrocampo? D’accordo, ti trovi in una condizione del tipo “ Ndo cojo, cojo male”. Ma Loca e Kucka, pur nei loro limiti, sono meglio di Sosa, Mati e Pasa. O no? Questo è un centrocampo che va ai due all’ora. Lento, abulico. Non sa né costruire né opporsi alle trame avversarie. Non hai visto l’impatto di Manuel sul derby? E Juraj, bene o male, un po’ di fisicità la mette. Bah! Romagnoli è in panchina. Si vede che avrà qualche problema fisico. L’ectoplasma De Sciglio con fregole bianconere e l’acerbo Calabria sono i terzini. D’altra parte, Antonelli è sempre infortunato e te lo raccomando, Vangioni. Comincia a scorrermi qualche sottile brividino di paura lungo la schiena. Siamo davvero più forti dell’Empoli? Dai, che ci sono Gigio, Deu e Suso! E Lapa al posto di Bacca mi sta molto bene.

Si comincia! Gli spalti ribollono di un entusiasmo che non si vedeva da tempo. Non chiedetemi di fare la cronaca della partita. Non ci riesco. Il migliore all’inizio è Deu. Scattante, veloce. Poi anche lui si perde nei rivoli di un rapporto simbiotico con la palla. E’ una sorta di attrazione fatale. Dalla via prima qualche volta, no? Giochiamo male. Questa, purtroppo, non è una novità. Suso sembra stanco. Non incide. Solita Zapatata alla quale rimedia  Gigio in uscita. Christian, ti perdono, per via degli immensi meriti che hai acquisito nel derby. Ma vedi di non approfittarne, perché questi ci castigano, eh! Lui ne approfitta. Corner per loro. Michelidze anticipa Zapata di testa e l’Empoli va in vantaggio, quando manca pochissimo alla fine del tempo. Nooooo!!!!!! Nel mio cuore scende il gelo.

Cappero, che centrocampo di m….armellata abbiamo. La difesa? Già è scarsa di per sé. Figuriamoci un po’ con quella… diga davanti. Piovono molte critiche sul capo di Lapa. Io non sono d’accordo. Certo, non si tratta di un fenomeno. Sbaglia, ma è vivo e si dà da fare. Continuo a preferirlo a Bacca. Vincenzino, svegliati! Metti Loca, Kukca e, mi fa quasi impressione dirlo, Bacca. Togli le tre amebe lì in mezzo. Si ricomincia e tutto scorre ancora limaccioso, paludoso. Poi il rigore. Sììììììì!!!!!!! Ciofechina bassa e centrale di Suso. Nooooo!!!!!!!! Fuori uno spento Mati e dentro Bacca. Si vede che stavolta l’inguardabile Sosa non ha i crampi. In effetti mi stupiva che l’acquistone del Condor potesse continuamente averli, dato che procede sempre alla velocità di un cavallo zoppo.  Il raddoppio di Thiam, che è tutto solo in area sul servizio di testa di un liberissimo Maccarone, uccide una donna già morta. Ocampos entra per un De Sciglio sommerso da meritatissimi fischi. Davvero imbarazzante la prova del ragazzo. E questa è una costante, purtroppo. Il gol di Lapa mi dà un po’ di speranza. Il portiere prima e poi la traversa, nella stessa azione, impediscono il pareggio. Ma l’Empoli ha due ghiotte occasioni per portarsi sul tre a uno. Le sventa Gigio con parate da campione. Che dire? Temevo entrasse Montolivo. Invece nel finale è subentrato Honda. Mi metto a ridere, per non piangere. Mi innervosisco perché l’Empoli esagera disgustosamente con le perdite di tempo. Un continuo rotolarsi a terra, in primis del portiere ma anche di altri giocatori. Addirittura a coppie. D’accordo, tutto il mondo è paese. Un po’ di manfrina ci sta. Qui, però, si sono superati di molto i limiti della decenza. Una cosa vomitevole. Come la prestazione del Milan. Se i tre punti servissero al Crotone per salvarsi, glieli lascerei volentieri. Le irritanti sceneggiate toscane non mi sono piaciute.

Vi confiderò un segreto. Siamo scarsi. Bella novità, eh! Lo so. Ma io in casa con l’Empoli pensavo di vincere. Mi scuso per essere stata presuntuosa. Questa sconfitta fa molto male a me e alla nostra classifica. Neutralizzati Suso e Deu, noi abbiamo ben poco da contrapporre a qualsiasi avversario. Ho visto il Real perdere Bale e la partita con il Barcellona. Il triplete gobbo e un Milan così sono colpi troppo grossi da sopportare anche per una tempra forte come la mia. Mi sforzo di guardare con una punta di ottimismo al futuro. Non voglio rivangare sul passato, di cui questa squadra mediocre è figlia. Sicura della bontà della mia decisione, oggi mi faccio il sugo con Pummarò. Non con Pomì. Sostituire, come si dovrebbe, una ventina di giocatori è impossibile. Come è impossibile colmare in tempi brevi l’enorme gap che c’è tra noi e i Gobbi. Ma siamo molto indietro pure rispetto a Roma e Napoli. E a me sembra che anche gli Orrendi, nonostante la loro brutta classifica, abbiano una rosa decisamente superiore alla nostra. Si può, però, iniziare finalmente a fare un Mercato intelligente. Occorre una Società forte. Lo siamo? Bah! Servono soldi e idee. Astenersi da operazioni alla “ Ndo cojo cojo. E cojo sempre male”.

Giriamo pagina. Abbandoniamo questa triste tradizione della casa. La questione De Sciglio va trattata con fermezza. A me pare strano che a Torino si interessino a lui. Sospetto una sceneggiata del procuratore, per avere un assurdo aumento di ingaggio. Comunque sia, vuole andare dai Gobbi? Bene. Porti 15 pippi. Altrimenti rimanga a marcire in tribuna per un anno intero. Vogliamo giocare con il 4-3-3? Mica ce l’ha ordinato il dottore. In ogni caso, per seguire questa strada, occorre un centravanti che segni e sappia fare reparto da solo. Altrimenti è meglio pensare a un modulo con due punte. L’area  avversaria è sempre troppo vuota, anche perché i centrocampisti non si inseriscono. L’unico che lo fa è Pasa. Però a me il ragazzo non piace. E lo vedrei tornare al Chelsea senza rimpianti. Lì in mezzo occorre intervenire con decisione. Ci portiamo dietro il problema da una decina d’anni. Scusate se è poco. Mirabelli, pensaci tu! La difesa? E’ quel che è, purtroppo. Con De Sciglio in uscita o fuori rosa, per me lo svincolato Kolisanac sarebbe stato tanta manna. Per essere meglio del buon Mattia, del resto, ci vuole poco. Mi attizzerebbe un sacco Ricardo Rodriguez. E, pur di investire da altre parti, come centrale da inserire in rosa mi accontenterei di Gonzalo Rodriguez.

Cinesi miei, non vi chiedo di arare campi gravitazionali o elettromagnetici. Voglio semplicemente una semina fatta cum grano salis. Chi semina alla “ndo cojo cojo”, come i vostri predecessori, raccoglie tempesta. Deu non ha fatto sfracelli contro l’Empoli. Il suo difetto è quello di essere “ Veneziano”. Però è un giocatore sopra la media, con ampi margini di miglioramento. Se fosse possibile acquistarlo per 15-20 milioni, io lo prenderei di corsa. Il tridente Deu, Belotti, Suso mi intriga un sacco. Qualora le vicende del Mercato portassero ad opportunità diverse, occorrerebbe cambiare il modulo di gioco. Noi, invece, nella nostra assoluta insipienza abbiamo sempre fatto come il locandiere Procuste, che segava o allungava i suoi clienti, per adattarli alle misure dei letti. Chi di dovere assemblava le rose alla “Ndo coio cojo”, seguendo le sue geniali intuizioni, supportate dalle esigenze di alcuni procurator amici. Abbiamo visto i risultati. Al di là di tutto, aspetto con una certa curiosità le mosse di Mercato. Vedremo se potremo tornare a sperare oppure no. Se perdiamo Gigio, io chiudo con il calcio. Mi spiace un sacco per Ibra. Un forte abbraccio e un grande “ in bocca al lupo”, Zlatan. Forza Ibra! Forza Milan!

Chiara

 

 

 

Tags: , ,

Categoria: Voglio essere Chiara

Sull'autore ()

Se risalgo il lungo fiume della mia vita fino alle sorgenti, ci trovo sempre il Milan. Il primo? Quello di Rocco e del giovane Rivera. Molti sono meteoropatici. Io sono Milanpatica.Vivo le gioie e i dolori con la stessa dirompente intensità. Perdutamente innamorata di questi colori, non credo che l’amore sia quieta e serena accettazione. Se mi sento tradita, esplodo! E sono parole di fuoco! Ma poi, nonostante i miei fieri propositi, mi ritrovo sempre lì, immersa in un luogo dell’anima chiamato Milan.