Udinese-Milan 2-1: la partita vista dal carro

30 gennaio 2017 | Di | Rispondi Di più

Donnarumma 6,5. Gigio viene attaccato per tutta la settimana da polemiche becere costruite ad arte da giornali filobianconeri. Adriano Galliani sa benissimo quel che va fatto e che andrà fatto: a maggio ci si siederà tutti ad un tavolo e si ragionerà con calma. I 17 anni si sentono e le critiche, ripetiamo feroci non hanno di certo aiutato Gigio su quel tiro di De Paul. Ci salva in altre circostanze ma il nostro Gigio va difeso dagli attacchi della carta stampata. Siamo con te Gigio.

Abate 7. Un’altra prova di forza, da capitano vero, preciso in difesa e puntuale in attacco. I compagni si fidano e lo cercano. Pericoloso come sempre al cross oramai si conferma uno dei migliori terzini destri europei. Mister Ventura se ci legge, sia buono, ci faccia un pensiero. Igna Ignazio merita più di ogni altro la maglia azzurra. C’è solo un capitano.

Paletta 8. Palettone nostro ragazzo è fior fior di giocatore. Si può essere fuoriclasse anche senza prestare troppo attenzione alla propria immagine. Paletta preferisce apparire sul campo, e lo fa a testa alta, con il petto in fuori. Leader emotivo e carismatico di questa squadra. Adriano Galliani spinge per il rinnovo, autorizzazioni permettendo…

Romagnoli 6,5. Senza nulla togliere a “Romagna” giocare al fianco di Paletta è un po’ come fu per Alessandro Costacurta giocare al fianco di Franco Baresi. Lui però ci mette anche del suo aggiungendo fisicità al reparto e si dimostra pericoloso sui calci piazzati. Alla faccia di chi lo avrebbe lasciato alla Roma.

De Sciglio 6,5. Era al rientro e stava facendo un’egregia partita. Partita terminata, finita, spezzata da un fallaccio da rosso diretto di De Paul che chissà per quanto ci priverà di Mattia. Jack, Deulofeu o Pasalic per lui cambia poco, la tecnica lo aiuta ad adattarsi a qualunque situazione. Il Milan del futuro deve ripartire da lui, non invidiamo però Adriano Galliani, a giugno sarà dura difendersi dalle offertone in arrivo dall’Europa e ahimé da Torino.

Kucka 7. Kuco era sul volo per la Turchia ma qualcuno, per fortuna lo ha fermato e convinto a fermarsi a Milanello. Questa squadra non può prescindere da Kuco. Forza e grinta ma anche piede e tocco, Kuco è giocatore vero e lo sta dimostrando. Mette anche qualche pallone buono in area ma i difensori friulani, arrangiandosi con le cattive maniere ci mettono sempre una pezza. Sempre l’ultimo ad arrendersi. Esemplare.

Locatelli 6+. Non iniziate a fare quel ghigno perfido e maligno che vi vedo anche mentre state leggendo. Il pallone perso al limite dell’area è errore grave imputabile però alle critiche piovute negli ultimi tempi sulle spalle di Manuel. Critiche che non sono costruttive e non fanno bene al ragazzo. Manuel legge e soffre ed in partita non è poi così sereno e commette leggerezze come quella sul primo goal friulano. Goal da vedere e rivedere. La posizione di Thereau non è così chiara, ma Banti lascia correre, come sempre, come ama fare lui. Non ti curar di loro Manuel, ma guarda e passa.

Pasalic 7. Un Clarence Seedorf, ringraziando Dio più continuo e meno spocchioso in campo e fuori. Meno uova al tegamino e più professionalità, gioca sulle punte perché quando sai far correre il pallone ti puoi permettere di correre meno anche tu. Il tiki take è nelle sue corde ma lui sa anche verticalizzare. Altra bella gatta da pelare per Adriano Galliani, ehm pardon si sì certo per Mirabelli e Fassone, certo mancherebbe altro…come no…

Bonaventura 8. 25 minuti di poesia, un goal pazzesco per tecnica, inserimento e rapidità d’esecuzione. Si sacrifica in copertura, forse troppo Jack, accidenti. Solo chi ha, come lui, il Milan tatuato addosso poteva difendere quel pallone, lui ci va, si infortuna ed è costretto ad uscire. Se toglievi Platini alla Juve, Crujiff all’Ajax o se togli Veloso al Genoa la squadra ne risente, piaccia o no è così. Recupera presto Jack, siamo con te.

Suso 7. La nostra fonte di gioco dalla quale abbeverarsi. L’assist per la rete di Jack è roba per palati fini, un tocco di sinistro così non lo vedevamo dai tempi di Walter Birsa. Gioca sempre con e per la squadra, avrebbe bisogno di rifiatare è vero, non ce lo nascondiamo e non ve lo nascondiamo. Vincenzo Montella lo sa ma tenere questo Suso fuori sarebbe un delitto. Jesus Joaquin Fernandez Saez De la Torre è troppo prezioso, Preziosi, proprio lui, ci ha fatto davvero un bel regalo. Ci ha ridato indietro un campione.

Bacca 6,5. Partita maschia, collosa, antipatica stretto tra le maglie dei fallosissimi ed antisportivi difensori friulani. Ci mette e si danna l’anima, ma queste non sono le sue partite. Andrebbe servito magari un pochino più in profondità ma l’Udinese gli taglia i rifornimenti. Viaggia anche quest’anno alla media di 15/20 goal. Ma di che cosa stiamo parlando?! Si può discutere un campione del genere? Tastieristi e togati!

Deulofeu 7. Sembra il gemello di Suso, dribbla, sterza e schizza sul pietoso manto erboso friulano. Punta Angella e mette palloni interessanti in mezzo. Gratis e in quel ruolo è quanto di meglio la vita ci poteva regalare. C’è gente che passa tre mesi in giro per l’Europa a veder partite di terza e quarta divisione estone o lettone con la promessa poi di un lavoro a partire da marzo. Ci sono altri, e non facciamo nomi per carità di Dio se no magari qualcuno pensa che siamo troppo servili, che passa i pomeriggi davanti alla TV e le sere sfogliando  l’album Panini. Voi chi preferite?!

Lapadula 6,5.
Da il cambio ad un esausto Carlos Bacca e come lui si danna l’anima. Sfortunatissimo in occasione del palo, lui fa il possibile per indirizzare il pallone in rete ma non è giornata. Sbuffa, soffre e sbraita in panchina, reclama più spazio e Vincenzo Montella fa fatica per tenerlo calmo. Lapa gode di grande considerazione tra i compagni e soprattutto tra i tifosi. Con la Samp potrebbe essere la sua partita.

Vangioni 6,5. Entra subito a mille, per un attimo rivediamo in lui il miglior Serginho. Sfiora il goal alla fine con un tiro che termina alto, di pochissimo sulla traversa. Montella ha bloccato il suo trasferimento e si capisce perché. Ennesima intuizione di Rocco Maiorino che ha insistito e molto per il suo acquisto. Vamos q Vamos Lionel.

Montella 7. Mister cosa vuole che le dica. Partita interpretata bene e dominata in lungo ed in largo. Rovinata da un arbitraggio poco chiaro. Il gruppo c’è, il Milan proverà a raggiungere l’Europa League facendo crescere i giovani che abbiamo. Vincenzo Montella, Adriano Galliani e Rocco Maiorino sanno quel che manca a questa squadra e se non ora, a giugno proveranno a portare a Milanello quei giocatori che ci servono. Riprendersi dalla dissennata gestione Seedorf non era e non è facile, ma è innagabile che il Milan giochi a calcio ed anche bene. Gira tutto storto in questo momento. Mister siamo con lei.

Banti 1. Il solito Banti, la solita certezza. Con il Milan non sbaglia mai una partita, nel senso che ci penalizza sempre. Primo goal in sospetto fuorigioco ed espulsione, chiara, netta e maiuscola che lui ha liquidato con un giallo. Naturalmente non contento non autorizza il cambio e da quel lato prendiamo subito il goal. Lascia giocare i friulani in modo sporco e falloso. Il solito Banti, quello che ti viene davanti e ti sorride malignamente facendoti capire che qui comanda lui. Basta! Basta! Basta con questi arbitri assetati di protagonismo. Fate male al calcio!

Adriano Galliani sv. Non ce ne voglia il nostro Amministratore Delegato alla parte sportiva Adriano Galliani ma purtroppo la sua assenza si è fatta sentire. Una tonsillite simile a quella che ci privò di Pippo Inzaghi prima di un Barcellona-Milan di Champions ha colpito Adriano Galliani e questi sono i risultati. Ama solitamente scambiare due parole con i ragazzi prima della partita per caricarli e far capir loro cos è il Milan, quel Milan che lui da buon brianzolo, ahinoi feudo juventino, ama da una vita. Risposta per tutti quelli che credono che senza Galliani si tornerà a vincere, beh ne avete avuto una bella dimostrazione a Udine. Non è cosi, e speriamo non sarà mai così.

Gauro Puma

Tags:

Categoria: Gauro Puma, Pagelle, Partite, Serie A

Sull'autore ()