Bilancio finale della stagione, le pagelle del campionato 2016/2017

29 maggio 2017 | Di | Rispondi Di più

Perdonatemi se mi astengo dal commentare l’ultima partita del campionato, i verdetti erano già stabiliti e si è trattato di una gita fuori porta o poco più… anche se le modalità di svolgimento dell’incontro, con sconfitta giunta a tempo scaduto dopo rigore sbagliato, sembrano ricalcare in maniera simbolica un’ultima recita da Giannino.
Quelle che seguono vogliono in realtà essere le pagelle dell’intera stagione, una sorta di bilancio finale della rosa di quest’anno, e sono esattamente la media aritmetica dei voti da me assegnati ai giocatori nell’arco dell’intero campionato: l’elemento soggettivo è ineliminabile, in quanto legato alla discrezionalità del sottoscritto, ma quanto meno il meccanismo utilizzato restituisce una certa oggettività dal punto di vista temporale, fornendo una media voto legata ai 9 mesi dell’intera stagione o non all’impressione fugace suscitata dall’ultimo periodo.
Il dato saliente è che dei 27 giocatori schierati quest’anno da mister Montella (tra parentesi il numero di gare disputate, intere o parziali), soltanto 7 hanno raggiunto la sufficienza piena, questo la dice lunga sul duro lavoro da compiere per restituire al Milan la dignità di una grande squadra, in questo senso non possiamo che rinnovare alla nuova società i nostri migliori auguri di buon lavoro.

Dopo i gesti e le parole, è il momento dei fatti, caro Gigio…

Donnarumma (38) : 6,71 (il migliore) Quella appena conclusa è stata la stagione della sua consacrazione, un rendimento costante nell’arco dell’intero campionato con molte parate strepitose e pochissimi passaggi a vuoto (3 o 4 papere in tutto)… adesso si apre la delicatissima fase legata al rinnovo del suo contratto, assodato che il giocatore è di grandissimo livello, siamo curiosi di vedere di che pasta è fatto l’uomo

Abate (23) : 5,82 Globalmente il migliore per rendimento nella nostra batteria di terzini, e questo la dice lunga sul livello medio degli altri, i limiti tecnici sono noti e risaputi ma fino all’infortunio aveva disputato una stagione complessivamente discreta, visto che non si può cambiarli tutti quanti in una volta sola un posto da rincalzo nella prossima rosa glielo terrei

De Sciglio (25) : 5,28 Ennesimo campionato molto deludente, una promessa completamente disattesa, più ancora sotto il profilo caratteriale che dal punto di vista tecnico, da cedere senza rimpianti se davvero qualcuno sarà disposto a pagarcelo dai 10 milioni in su

Calabria (12) : 5,35 Alle prime apparizioni lo scorso anno aveva suscitato molte speranze, purtroppo vanificate in questa stagione, caratterizzata da molti infortuni e da troppe timidezze nelle rare volte in cui è stato chiamato in causa… prima di gettare la spugna può forse valere la pena di farlo giocare in prestito con continuità, al fine di farsi un’idea definitiva su di lui

Vangioni (15) : 5,42 Oggetto misterioso per tutto il girone d’andata, alla fine ha avuto le sue chances grazie agli infortuni che hanno falcidiato i compagni di reparto, rispetto alle aspettative che si nutrivano nei suoi confronti (nulle) tutto sommato se l’è persino cavata, certo la sua dimensione oggettiva è quella del laterale sinistro in un 3-5-2 di una squadra di bassa serie A

Antonelli (7) : 5,52 Credo contenda a Pato e Bertolacci il primato del giocatore più infortunato del Milan negli ultimi 10 anni, lo ritenevo un professionista serio ed il terzino tecnicamente migliore tra quelli a nostra disposizione, dopo questa stagione inizio a nutrire seri dubbi soprattutto sul primo punto

Paletta (30) : 6,09 La media voto finale è la risultante di un girone di andata giocato a grandissimi livelli, nel quale aveva assunto le vesti di un vero e proprio leader carismatico, al quale ha fatto seguito un girone di ritorno semplicemente disastroso, segnato da un calo fisico vistoso e dal record negativo di espulsioni (5)… considerato che la sua età non consente di monetizzare con una eventuale cessione, credo possa restare come valido rincalzo ai centrali titolari, a patto però di rivedere il suo lato migliore

La prossima stagione deve essere quella della consacrazione definitiva

Romagnoli (27) : 6,21 Insieme a Gigio l’unica vera certezza della nostra difesa, al netto di una certa fragilità fisica che gli ha fatto saltare quasi un terzo della stagione…deve ancora crescere in personalità ma il tempo è dalla sua parte, giocando in linea con compagni di maggior spessore tecnico può solo migliorare

Zapata (14) : 5,68 Di lui ormai conosciamo a memoria pregi e difetti, velocità e prestanza fisica non gli mancano, il problema sono i piedi maleducati e le frequenti amnesie mentali… l’apoteosi della sua stagione il gol nel derby al 97esimo, circondato purtroppo dalle solite ricorrenti vaccate… alla fine comunque un posto in panca glielo riserverei

Gomez (18) : 5,36 Sulla sua media finale potrebbe avere avuto un peso la mia soggettività, il giocatore non mi è mai piaciuto e non ne ho fatto mistero, a mio avviso troppo lento, legnoso e ancora da sgrezzare dal punto di vista tecnico/tattico… per la garra e le capacità in elevazione mi sembra molto adatto al campionato inglese, confido nel Watford di turno che venga a togliercelo dai piedi pagandolo il giusto

Montolivo (9) : 5,29 Il capitano è stato a lungo un capitano-non giocatore, quelle poche volte che si è esibito prima e dopo l’infortunio in nazionale non si può dire che abbia lasciato il segno… ho l’impressione che l’aria intorno a lui stia cambiando, chissà che lui non decida di fare altrettanto

Locatelli (25) : 5,88 Alle grandi prestazioni e ai gol d’autore iniziali, accompagnate da un’esaltazione della tifoseria direttamente proporzionale alla voglia di panchinare il capitano, ha fatto seguito un girone di ritorno in forte calo, che lo ha visto spesso lasciare il posto da titolare al Uallarito… secondo me il giocatore c’è, non è un campione ma nemmeno una pippa, va tenuto e fatto crescere in mezzo a centrocampisti di livello in grado di aiutarlo a fare il salto di qualità definitivo

Pasalic (24) : 5,85 Arrivato a parametro zero, mezzo rotto e circondato dallo scetticismo generale, il giovane croato ha saputo gradualmente conquistarsi il suo spazio, fino a tirare il rigore decisivo nella Supercoppa di Doha… sicuramente non è un costruttore di gioco, né un grande incontrista, ma le 5 marcature stagionali messe a referto certificano doti spiccate da incursore ed una certa puntualità in zona gol, se i Blues non pretendessero la luna per il suo cartellino proverei ad accompagnare il suo processo di crescita

Mati Fernandez (13) : 5,54 Il classico pallino dell’allenatore, che ce lo ha propinato ogni qual volta si reggesse in piedi, giocatore dalla tecnica discreta ma troppo fragile dal punto di vista fisico, per salire di livello a centrocampo ci vuole ben altro

Bertolacci (15) : 4,98  Uno dei più grossi pacchi di mercato della nostra storia, ha passato gran parte della stagione in infermeria, verrebbe da dire per fortuna, visto che nelle occasioni in cui ce lo siamo ritrovati in campo non ha manifestato uno straccio di dote… da cedere alla svelta, il problema sarà trovare il malcapitato di turno

Kucka (30) : 6,08 Se sta bene fisicamente, nella pochezza assoluta del nostro centrocampo riveste un ruolo praticamente insostituibile, per fisicità, dinamismo ed interdizione, 3 gol e 2 assist a testimoniarlo… se invece cala di forma, come è avvenuto nel girone di ritorno, diventa un peso ed un pericolo, per la sua naturale propensione a collezionare cartellini… rimango in ogni caso dell’opinione di tenerlo come alternativa per il centrocampo che verrà, salvo offerte irrinunciabili

Poli (13) : 5,46  Il nostro simpatico Tazman quest’anno ha dovuto fortemente limitare le sue scorribande, sfogandosi per lo più sulla fascia laterale accanto alla panchina (cosiddetto “campo per destinazione”), ricorderemo comunque la sua eroica resistenza a Bologna, in campo zoppo per non lasciare la squadra in 8…un flash indelebile quanto la sua spanciata in stallo in quel di Bergamo lo scorso anno

Sosa (18) : 5,41 Il Principito strappato al calcio turco ci ha deliziato col suo calcio champagne, fatto di magie, assist (zero) e gol (zero), investimento oneroso ma di grande resa… scherzi a parte, nel girone di ritorno ha cercato anche lui di dare il suo contributo, discreta tecnica e buona visione di gioco, ma dinamismo e capacità di interdizione palesemente insufficienti… adesso auguriamoci che qualche squadrone turco voglia riportarlo a casa

Honda (7) : 5,56 Il samurai de noantri è infine giunto ai titoli di coda, con Montella il campo lo ha visto pochissimo ma nessuno ne ha sentito la mancanza, saluta con una pennellata su punizione e torna a spezzare le reni al Laos

10 gol e 10 assist in due, il vero fattore positivo della nostra stagione

Bonaventura (19) : 6,53 Grande girone di andata di Jack, capace di alternarsi nella zona sinistra del campo tra attacco e centrocampo con risultati ugualmente buoni, 3 gol e 3 assist in mezzo campionato oltre al fondamentale gol di testa in Supercoppa… ha saltato praticamente tutto il ritorno per infortunio e la sua mancanza ha sicuramente inciso sul rendimento della squadra, uno dei pochi punti fermi da cui ripartire

Suso (33) : 6,51 La vera sorpresa positiva della nostra stagione, 7 gol e 7 assist, tanta qualità e buona quantità al servizio della nostra debole fase di attacco… provato nel finale nel ruolo di mezzala destra, che a mio avviso potrebbe essere tranquillamente nelle sue corde

Deulofeu (17) : 6,18 Arrivato a fine gennaio, lo spagnolo ha avuto un impatto iniziale largamente positivo, ambientandosi in tempo zero e sfornando grandi prestazioni a ripetizione che gli hanno riaperto anche le porte della sua nazionale… in calo nel finale, ma il suo apporto nel girone di ritorno rimane comunque di tutto rispetto per gol (4) ed assist (2), vale per lui il discorso fatto sopra per Pasalic, a condizioni ragionevoli potrebbe essere un elemento da trattenere in rosa

Ocampos (12) : 5,42 E’ arrivato anche lui a costo zero nel mercato di riparazione, il problema è che nel suo caso anche il rendimento ha rasentato lo zero, la viva speranza è che sia stato l’ultimo affare sull’asse Genova-Milano

Luiz Adriano (7) : 4,75  Sul Mandriano potremmo scrivere un romanzo, una delle operazioni più incomprensibili portate a termine dal nostro ex Imperatore del Mercato (o forse comprensibilissima, dipende dai punti di vista, non credete?)

Niang (18) : 5,77  Era partito in maniera più che apprezzabile, 3 gol e due assist nella prima parte del campionato, poi vicissitudini extra-calcistiche (chiamiamole così…) lo hanno fiaccato nel fisico e nel morale portandolo a svernare in terra d’Albione…ma a breve ritorna, tranquilli…

Bacca (32) : 5,41 L’esputador colombiano quest’anno non ha confermato la buona vena realizzativa mostrata nella scorsa stagione, a dir la verità 13 gol li avrebbe anche fatti (in un campionato che ha visto Borriello andare a segno 16 volte…) ma quello che ha indisposto un po’ tutti è stata la sua estraneità costante dal gioco e la sua incapacità di mettersi al servizio della squadra, adesso bisogna sperare che arrivi qualche intenditore dal palato fine e dagli occhi a mandorla per evitare l’ennesima minusvalenza annunciata

Lapadula (27) : 5,81 Riguardando le mie pagelle ho scoperto di avergli dato per ben 18 volte in stagione lo stesso voto, 5.50, come a quegli studenti che si impegnano e si arrabattano ma proprio non ci arrivano…eppure alla fine i suoi 8 gol li ha messi, resta viva però l’impressione che per l’attacco del Milan ci voglia ben altro, persino in panca

Montella : 6,25 Sul Mister non posso che ripetere parole già dette, meriti indiscutibili per aver restituito dignità e spirito di squadra ad un branco di mezzi giocatori per certi versi inallenabili, grosse perplessità per il calo fisico e mentale mostrato dalla squadra nel girone di ritorno… un giudizio definitivo su di lui potremo esprimerlo la prossima stagione, quando avrà a disposizione una rosa più consona alla nostra tradizione, merita sostanzialmente questa chance per aver saputo centrare gli obiettivi prefissati la scorsa estate.

Max

Tags: , ,

Categoria: Pagelle, Vado al Max

Sull'autore ()

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino....ma adesso, forse, si ricomincia.