Rubentus – Milan 2-1, le pagelle dello schifo

11 marzo 2017 | Di | Rispondi Di più

fino alla fine….
dei vostri giorni in galera

Premessa maggiore: pagelle scritte di getto, a cadavere ancora caldo e con la bile in circolo, quindi non aspettatevi la consueta obiettività.
Premessa minore: in meno di un mese dal Conad Stadium sono usciti furibondi prima l’Inter, poi il Napoli e infine il Milan, secondo voi vorrà dire qualcosa?
Conclusione: i gobbi sono una squadra di ladri, orgogliosi di esserlo e senza vergogna, preferisco altri 5 anni di sofferenza come quelli appena passati che un singolo giorno da rubentino.

Adesso proviamo a parlare della partita.
Il tasso tecnico della nostra squadra, che è già poca cosa, scende a livelli intollerabili se nell’11 base vengono a mancare sia Suso che Bonaventura, Montella lo sa e prova ad impostare una partita molto abbottonata, con De Sciglio e Zapata bloccati sulle fasce e due linee molto strette tra difesa e centrocampo.
Ciononostante le occasioni per i bianconeri fioccano a ripetizione (a fine gara saranno più di 20 i tiri scagliati verso la nostra porta) ed il vantaggio juventino nel primo tempo sarebbe più che meritato, non fosse che allo scadere Pasalic e Deulofeu confezionano un contropiede micidiale che Bacca finalizza da centravanti vero.
La ripresa segue inizialmente lo stesso canovaccio, con Gigio costretto per oltre 20 minuti a parare di tutto di più…ma piano piano la Juve si spegne, inizia a risentire dello sforzo profuso e si ha quasi l’impressione che con un po’ di coraggio in più in alcune ripartenze la partita potremmo addirittura portarla a casa.
Finché si arriva al 94esimo inoltrato, la partita sarebbe in realtà finita da quasi mezzo minuto, sull’ultimo assalto Lichtsteiner scaglia addosso il pallone a De Sciglio da poco più di un metro, e Doveri conclude freddamente un lavoro che a Bologna era rimasto suo malgrado incompiuto, applausi e onore al merito.

Donnarumma: partita semplicemente strepitosa, para qualunque pallone transiti dalle sue parti, campione fatto e finito…un voto in più per il bacio alla maglia a fine partita e alcuni interessanti labiali rivolti agli juventini carpiti dalle telecamere, voto 11

Zapata: se come centrale mette i brividi, sulla fascia destra fa gelare il sangue, Pjaca lo fa costantemente ammattire anche se trova quasi sempre il modo per restare miracolosamente a galla, in ogni caso voto 10

De Sciglio: sbaglia una quantità innumerevole di appoggi e svirgola un pallone sanguinoso in piena area, finendo poi per diventare protagonista suo malgrado nell’episodio decisivo, comunque voto 10

Romagnoli: prestazione concreta e di sostanza, bada al sodo senza andare troppo per il sottile e regge bene l’urto degli avanti bianconeri, peccato tenga in gioco Benatia sul primo gol, tuttavia voto 10

Paletta: Higuain non è un cliente facile, dato che annullarlo è quasi impossibile cerca di fare del suo meglio per limitarlo e tutto sommato ci riesce, quindi voto 10

Sosa: apprezzabile il fatto che tenti sempre la giocata senza limitarsi al compitino, non sempre gli riesce ma lo spirito è quello giusto, lotta e si sacrifica fino ad immolarsi al 90esimo prendendo un’ammonizione che avrebbe dovuto spendere Poli, nel complesso voto 10

Pasalic: non sai mai come giudicare le sue doti tecniche, commette errori sesquipedali alternati a cose egregie tipo l’apertura al volo in profondità per Deulofeu nell’azione del pareggio, nel dubbio voto 10

Kucka: entra al posto di Bacca e si piazza a destra nel tridente offensivo rincorrendo tutti quelli che gli passano nei paraggi ed avviando qualche buona ripartenza, ergo anche per lui voto 10

Bertolacci: per una volta mi ha convinto, si batte con coraggio contro avversari superiori dal punto di vista atletico e prova costantemente a verticalizzare ogni volta che si presenta l’occasione, voto 10

Deulofeu: ragazzo interessante, anche stasera conferma le doti già messe in mostra in precedenza, quando parte in velocità palla al piede diventa incontenibile, l’assist che confeziona per Bacca gli vale un 10 e lode

Bacca: mangiato da Benatia in occasione del vantaggio bianconero e costantemente fuori dalla manovra, ma alla prima palla giocabile insacca con freddezza chirurgica, voto 10

Ocampos: primo tempo impalpabile sulla fascia sinistra, meglio come finto nueve dopo l’uscita di Bacca, lotta e si batte con coraggio meritandosi un bel 10

Montella: conscio dei limiti tecnici della squadra, imposta una partita prudente e bloccata, basata esclusivamente sui raddoppi e sulle ripartenze veloci, forse eccessivo il cambio Bacca-Kucka, ma nel complesso voto 10 anche al Mister.

I voti alla nostra squadra sono stati dati con la stessa ragionevolezza manifestata dal designatore a tavolino e con la stessa obiettività mostrata in campo da arbitro ed addizionali, VERGOGNATEVI TUTTI.

Max

Tags: ,

Categoria: Pagelle, Vado al Max

Sull'autore ()

Il mio primo nitido ricordo del Milan risale all'8 aprile 1973, compleanno della buonanima di mio papà: sono sulle sue spalle a Marassi, e' il Milan allenato dal Paron e da Cesare Maldini, vinciamo 4-1 e lui mi indica la 10 di Gianni Rivera... Da allora tutta una vita accanto ai nostri colori, vivendo con la stessa passione gioie e delusioni, cadute e rinascite, disfatte e grandi trionfi, fino alla foto a fianco...ecco, il mio Milan è finito lì, dopo è iniziata l'era del Giannino