Hala Madrid!

3 giugno 2017 | Di | Rispondi Di più

Potrei stare qui a parlarvi del nuovo corso del Milan, entusiasmante, almeno per ora.

Potrei stare qui ad elencare tutte le differenze tra la nuova e la precedente, vergognosa dirigenza.

Potrei stare qui a discutere con voi su quale sia il miglior attaccante per noi, se Morata, Belotti o entrambi.

Potrei stare qui a farvi sapere quale sia la mia opinione sul caso Donnarumma.

Potrei stare qui a dirvi che non vorrei più in squadra nessun giocatore “di Raiola”.

Potrei stare qui a dirvi che oggi Fassone e Mirabelli hanno incontrato Jorge Mendes, che avrebbe proposto i nomi di Sanches, Andre Silva e James.

Potrei stare qui a motivare la mia scelta sul lasciar perdere Biglia per il Milan del futuro.

Potrei stare qui a far presente che forse per il prossimo anno potremmo anche pensare di cambiare modulo.

Potrei scrivere di tante cose, ma so che – giustamente – a voi non fregherebbe nulla di quanto scritto. Perché oggi voi (così come anch’io) avete un unico pensiero fisso: sperare di non vedere la Juve di Allegri alzare la Coppa dei Campioni.

E allora, in attesa di tornare anche noi a giocare su certi palcoscenici e nella speranza di rivedere il prima possibile il Milan in una finale tanto prestigiosa, non posso che unire il mio pensiero a quello che, sono certo, vi ha svegliato stamattina: HALA MADRID!

Fabio

Tags:

Categoria: News

Sull'autore ()

Ho questo ricordo, il primo sul Milan. Io che ad appena sette anni volevo vedere la finale di Atene, tra Milan e Barcellona… ma essendo piccolo dovevo andare a letto presto per la scuola. Allora mio padre, severo, mi permise di vedere la partita, ma solo il primo tempo. Finiti i primi 45 minuti, i miei genitori mi misero a letto, ma poco dopo sgattaiolai fuori dalle coperte e mi nascosi dietro la porta che dava sul salone. Al gol del Genio però non riuscii a trattenere la mia gioia… fortunatamente mio padre, interista, fu molto sportivo e mi lasciò concludere la visione di quella partita perfetta.