News rossonere del 14 settembre 2016

14 settembre 2016 | Di | Rispondi Di più
Squadra arrivata settima ma le risorse vengono spese nell'acquisto di riserve. Che spettacolo Galliani al lavoro.

Squadra arrivata settima ma le risorse vengono spese nell’acquisto di riserve. Che spettacolo Galliani al lavoro.

“Montella, che per questo Milan ha scelto il 4-3-3, è stato chiaro: “Lapadula è più attaccante, deve giocare da prima o seconda punta. Da esterno sarebbe una forzatura. Non ha iniziato con noi la preparazione. È in crescita, non so quanti minuti mi possa garantire ma la sua voglia può essere determinante, anche a partita in corso”. Non serve il dizionario per tradurre: Gianluca ora è un 9 di maglia e di fatto. Di più, considerato che in spogliatoio c’è anche il 70, cioè Bacca, Lapadula è un attaccante di riserva. Per un ragazzo pagato 9 milioni, l’affare più caro dell’estate rossonera, non il massimo.” (fonte: www.gazzetta.it)

Questo è per tutti quelli che ci dicono che al mercato del Milan non è possibile dare un voto perché c’era di mezzo la trattativa con i cinesi. Sono stati spesi milioni di euro? E allora il modo con cui questi sono stati spesi va giudicato. E in una squadra che per il terzo anno di fila è fuori dalle coppe, sprecare le risorse economiche andando a comprare delle riserve di chi ci ha portato al settimo posto, è l’ennesima azione vergognosa e insensata a cui dobbiamo assistere impotenti.

“Secondo quanto riportato da Peppe Di Stefano per Sky Sport 24, Ignazio Abate ed Andrea Poli hanno svolto un lavoro differenziato rispetto al resto della squadra: possibile coincidenza o meno con lo sfogo di Montella di ieri, con a destra oggi provato Calabria in un cambio che poteva essere pronosticato, l’esterno numero 20 rossonero potrebbe così non partire titolare a Genova nella gara contro la Sampdoria, nonostante il calciatore probabilmente da programma abbia svolto un lavoro a parte.” (fonte: www.milannews.it)

Uno dei terzini più osceni della storia del Milan, un asino con i piedi quadrati, due gambe rubate all’atletica. Qualcuno osa anche chiamarlo senatore o veterano della squadra, in compagnia di Montolivo, testimoniando le ridicole condizioni in cui versiamo. Vedere lui e Capitan Ricotta in panchina sarebbe una delle poche soddisfazioni a cui possiamo ambire quest’anno. Di Sciagura Poli ormai non vale nemmeno la pena di parlare, mi produce irritazioni solo a pensarlo con la maglia rossonera.

“Le dichiarazioni delle ex bandiere rossonere? Mi dispiace di questa situazione. Però il fatto che i nuovi proprietari debbano chiamare degli ex filo-interisti mi sembra un’assurdità. Fossi una società nuova cercherei di inserire dei grandi campioni del Milan che siano utili alla causa visto che sono anche grandi conoscitori di calcio.” (fonte: Stefano Eranio, www.milannews.it)

Dopo il disastro degli anni recenti, io mi auguro dell’ingresso in società di persone competenti, e poco mi importa dei loro trascorsi calcistici. Che abbiano lavorato all’Inter, alla Juve, al Napoli, o al Mantova, poco mi importa. C’è certamente bisogno anche di persone legate storicamente all’ambiente Milan, sia a livello di immagine che per tanto altro, e sentire che questi rifiutano un posto all’interno della nuova società per futili motivi come la fede calcistica del nuovo DS, un po’ mi dispiace.

Diego

 

Tags:

Categoria: News

Sull'autore ()

Innamorato del Milan da quando ho imparato a distinguere i colori delle maglie. Cresciuto con il Milan ancelottiano. Milanista non solo per i risultati ma per i valori e la mentalità, tutte cose ormai inesistenti. Assisto sbigottito al circo che siamo diventati da anni, ma per fortuna non ho perso la capacità di indignarmi.