Il DNA europeo del Milan. Il ruggito di Mediaset ed il Premium alla carriera. L’impotenza di Suning. Noi vi raccontiamo il Milan: lo dicono i tifosi.

10 agosto 2017 | Di | Rispondi Di più

Eccolo il DNA europeo dell’AC Milan di Milano sette volte Campione d’Europa. Lo ripeteva spesso Adriano Galliani prima di una trasferta europea: “il Milan ha l’Europa nel suo DNA, questa squadra magari fatica nella provincia italiana ma poi in giro per il mondo non delude mai”. Un Adriano Galliani che, anche lui, è passato alle cose formali, diventando il nuovo Presidente di MEDIASET PREMIUM. Un Premium alla carriera o forse no, sta di fatto, è appurato, è certo, che Adriano Galliani senza calcio non sa stare o molto più probabilmente il mondo del calcio aveva ancora bisogno di lui. Il Dottor Piersilvio Berlusconi, su suggerimento del padre, ha pensato a Lui per consolidare PREMIUM e per tornare a primeggiare in Italia. Ci dicono che anche l’attuale, eccellente, Amministratore Delegato del Milan Marco Fassone abbia visto di buon occhio questa nomina, del resto lo stesso Marco Fassone nella conferenza stampa di insediamento a Casa Milan si era esposto pubblicamente per la nomina, poi mai avvenuta, di Adriano Galliani come presidente della Lega Calcio.
AC Milan-CSU Craiova è stata trasmessa da PREMIUM, una televisione che è nata e cresciuta col Milan, che ha tanti abbonati tra i tifosi rossoneri e, ve lo diciamo con molta franchezza, non ci dispiacerebbe affatto se anche il nostro canale, un giorno, potesse essere visibile sulla piattaforma PREMIUM.
Un legame solido, un ingranaggio ben oliato: Adriano Galliani – TV – Milan. Certi amori non finiscono…

Le prefiche di sventura sono li appollaiate sulle loro tastiere bollenti, pronte al nostro primo passo falso e pronte a scandagliare, investigare, esaminare e scrutare ogni intervista del Dottor Marco Fassone e del Dottor Massimiliano Mirabelli. Se ne stanno inventando di tutti i colori: prima i cinesi non esistevano, ora che hanno appreso che i cinesi non solo esistono ma ruggiscono pure si inventano storie di fideiussioni non garantite ed iniziano le loro operazioni di candeggiamento sulle qualità di Andre Silva. Lascio volentieri ai Suslov al di sopra di ogni sospetto stabilire la verità visto che loro e solo loro pensano di custodirla. Il Dottor Massimiliano Mirabelli e l’Amministratore Sportivo Marco Fassone stanno dimostrando tutta la loro preparazione e tutta la loro competenza ora tocca al campo, tocca a Vincenzo Montella, al capitano(attuale) Riccardo Montolivo e a tutta la squadra. Sarà dura contro i macedoni del Shkendija, la squadra balcanica gioca un calcio semplice ma efficace, con ottime individualità e corre tantissimo. Una squadra senza dubbio superiore al Craiova del pur bravo Mangia e che quindi andrà studiata, seguita, vivisezionata caro Mister Montella.

Huarong contro Suning, l’hanno buttata giù così le verginelle dell’etere e gli sceriffi dei social, non è e non sarà mai così, nulla di pregiudiziale e nulla di pregiudizievole, le due proprietà si conoscono, si studiano e si scrutano ma ognuno nel suo recinto, ognuno per la sua strada. Certo è che per un anno ci siamo sentiti dire che i nostri proprietari erano dei poveracci e i loro dei potenti, ricchi imprenditori, lo avevano detto a noi e soprattutto a Walter Sabatini e a Luciano Spalletti. Ci raccontano di un Sabatini nervoso, che fuma sempre di più e che aspetta i denari per chiudere le operazioni di mercato concordate con Luciano Spalletti. Dalbert, Vecino, Borja Valero e Padelli, tutti bravi giocatori, per l’amor del cielo mancherebbe altro, ma siamo sicuri che il buon Spalletti sia proprio contento?!
È un Mattia De Sciglio che in precampionato ha ben impressionato, come avevano impressionato Poli contro il Trento e Juray Kucka contro il Qarabag, a testimonianza che i giocatori il Milan li aveva e anche buoni. Dicevamo di Mattia, voluto e desiderato da Massimiliano Allegri per colmare il vuoto lasciato da Leonardo Bonucci, non sappiamo se il buon Mattia si sciacquerà la bocca ma la sua presenza nello spogliatoio si farà sentire. Ce ne sarà bisogno visto che lo spogliatoio bianconero pare una polveriera pronta ad esplodere. Pablo Dybala non lo dice apertamente ma risulta scontento ed affascinato, chi non lo sarebbe per carità di Dio, dal Real Madrid. Ceduto Morata, a Madrid hanno denaro fresco in cassa pronto ad essere investito, non pensiamo sarà quest’anno ma crediamo che nel giro di un anno Dybala potrà diventare un blancos.
Una Liga che si preannuncia spettacolare, una Liga che verrà mostrata da PREMIUM con highlights e programmi a lei dedicati. Lo diciamo a titolo informativo, quell’informazione che invece i branchi da tastiera radiofonici non fanno ed anzi dividono il tifo milanista.

Tanto peggio tanto meglio per carità di Dio, tutto legittimo e tutto comprensibile per chi ha bisogno di pubblicità per rimanere sulla cresta dell’onda ,noi lavoriamo in silenzio, un nuovo progetto sta nascendo e lo stiamo portando avanti: useremo la radio anche noi, o per meglio dire loro la usano e ne abusano noi la radio la facciamo. Un Premium anche per noi? Chi lo sa, intanto vi segnaliamo ed al contempo ringraziamo gli utenti di Reddit che ci hanno messo al primo posto nella classifica tra le fonti più autorevoli che parlano di Milan, un onore ed anche un onere, lavoriamo con passione da sempre senza compiacere e senza padroni. Notiamo con estremo dispiacere che qualcun’altro non è presente in classifica; nulla di pregiudiziale, nulla di pregiudizievole il tempo dirà chi avrà avuto ragione, per ora godiamoci questo Milan, mai avevamo visto un tifo rossonero così compatto, unito, coeso, uno e non bino. Noi non dividiamo, lo abbiamo difeso negli ultimi cinque anni e possiamo gioire ora, senza vergogna. C è chi invece di esultare si perde ancora in inutili ironie paragonando questa squadra a quella squadra, questa dirigenza a quella dirigenza. Ma basta, non se ne può più! Passate alle cose formali anche voi!

Gauro Puma

Tags:

Categoria: Gauro Puma

Sull'autore ()