Radiopuma

1 giugno 2017 | Di | Rispondi Di più

Andiamo in Europa League ragazzi, ci andiamo con 63 punti e grazie al goal di Zapatone nel derby che pesa come un macigno. In altri campionati, in altri paesi, altri tifosi premierebbero Cristián Eduardo Zapata Valencia col premio del miglior giocatore in stagione, da noi no, da noi si insulta, si inveisce e si getta fango su chi ci ha consegnato l’ Europa.
Del resto tra il tritacarne mediatico nel quale la critica prezzolata sguazza a suo piacimento e gli sceriffi che dettano legge nei social network oramai il tifoso medio milanista ha imparato ad insultare a prescindere.
Non ce ne vogliano l’amministratore delegato del Milan (alla parte sportiva E commerciale) Marco Fassone ed il Direttore Sportivo Massimo Mirabelli se diamo un po’ di merito anche a chi, questa signora squadra l’ha consegnata a Mister Montella, mi riferisco a Galliani e Maiorino che con pochi spiccioli hanno ideato, inventato, costruito e posto le fondamenta per il Milan che verrà.
Starà ora al Dottor Marco Fassone e al nuovo Direttore Sportivo Massimo Mirabelli migliorarla, abbellirla, arricchirla ed impreziosirla di qualità e talento.
Molti resteranno, qualcuno ahinoi, ci lascierà, ma nessuno proprio nessuno potrà dire che i nostri ragazzi non hanno dato tutto sul campo. Una squadra onesta che ha strameritato il sesto posto in classifica davanti a quelli là, a quelli che in estate tra un Gabigol ed un Banega ci avevano deriso.
Sarà un’estate dura ed intensa come l’ha definita ai NOSTRI microfoni, alla NOSTRA TV ed a nessuna radio, fino a prova contraria, il Dottor Marco Fassone.
Vi terremo aggiornati, sul pezzo come accade da moltissimi anni peraltro, un’informazione, la NOSTRA, senza fronzoli, senza servilismo, senza pregare nessuno. Noi al servizio del Milan ed al soldo di nessuno. Dopo il CDA di qualche settimana fa, (finalmente un CDA dove si è parlato chiaro e si è risposto chiarissimo, senza aspettare magari una striminzita vittoria contro il Crotone per rivolgersi ai tifosi) abbiamo assistito al solito La La Scala Land fuori da Casa Milan. Il solito teatrino, il solito farfugliare su gestioni passate che appartengono, per fortuna, al passato stesso.
Per fare informazione ci vuole professionalità, chiarezza ed onestà intellettuale, non si inventa una radio dal mattino alla sera, dall’oggi al domani.
L’informazione rossonera, quella ufficiale, quella rispettata dai plenipotenziari di Casa Milan, è una sola, la nostra.
Non date retta a chi vi implora di donare il vostro 1899×1000 o a chi cerca visibilità per accaparrarsi magari qualche altra amministrazione condominiale.
Li abbiamo visti alla presentazione della pseudoradio, dalla sala del Dopolavoro ferroviario di San Donato Milanese, con mezzi di fortuna hanno fatto la questua con il caro Avvocato La Scala, che fino a due anni fa assisteva, indossando la sua immancabile polo bianca, alle spalle di Adriano Galliani alle partite interne del Milan, e che poi da un giorno all’altro ha capito che per avere visibilità bisognava dare contro tutto e tutti. E chi se ne frega se quel tutto era il fango gettato sulla sua squadra del cuore.
Come è accaduto qui al Night mi chiameranno quando saranno in difficoltà per raddrizzare la loro baracca, se lo scordino: non mi avrete mai come mi volete voi.
Il tifoso imparerà a giudicare, deciderà chi seguire, lo farà senza forzature e senza costrizioni, almeno da parte nostra. Noi il Milan lo abbiamo supportato anche nei momenti di difficoltà, troppo facile uscire dalla cesta ora quando le cose sembrerebbero volgere al meglio, troppo semplice, troppo scontato. Il Milan è di tutti noi tifosi, fare informazione sulle vicende rossonere è di pochi ed il tempo ci darà ragione.
Dai ragazzi, dai ragazzi, dai ragazzi.

Gauro Puma

Tags: ,

Categoria: Gauro Puma

Sull'autore ()