Montellismi, Niang e news

24 luglio 2017 | Di | Rispondi Di più

VENDERE!!!!

La lunga intervista pubblicata oggi dalla Gazzetta dello Sport lascia trasparire un Vincenzo Montella comprensibilmente soddisfatto della campagna acquisti e del rapporto instauratosi con la società. Affiora ottimismo ed entusiasmo per la stagione che prenderà ufficialmente il via giovedì sera in Romania. C’è una parte dell’intervista dedicata ad un giocatore che ha qualche estimatore e molti detrattori, Mbaye Niang.

“La qualità si è alzata moltissimo. Prendete per esempio Niang, ha fatto una partita strepitosa. Ha un profilo molto importante, può diventare un giocatore di altissimo livello, ma deve migliorare nella gestione di se stesso quando le cose vanno bene. Partenza non scontata? Non c’è motivo per non credere in lui, dipende più che altro da M’Baye”

Fosse per me sfrutterei la solita estate da leone del francese per cederlo al primo pollo (magari inglese) che abbia la sventurata idea di offrire una dozzina di milioncini per codesto figuro. Ormai sono diversi anni che abbiamo a che fare con il buon Mbaye, che dimostra da sempre di non avere nessuna delle qualità necessarie per giocare al livello (fortunatamente alto) a cui la nuova proprietà vorrebbe riportare il Milan. Qualità tecniche mediocri, intelligenza calcistica infima, personalità rivedibile e istinto del gol degno de buon Andy Andersson. Aggiungiamo a questo quadretto una vita fuori dal campo quantomeno discutibile e il gioco dovrebbe essere fatto. Se vogliamo tornare ad abitare i pianeti calcistici che ci competono, cui per fortuna anelano anche i proprietari cinesi e i dirigenti designati, un figuro come Niang non deve trovare alcuno spazio.

Personalmente non sono nè un fan incondizionato di Vincenzino nè un detrattore incallito, però stavolta non concordo e spero che non venga data alcuna ulteriore chance al giocatore.

Traspare fortunatamente dall’intervista di Montella (o forse sono io che la voglio interpretare così) una generale tendenza alla cessione. Speriamo che Vincenzo e Mirabelli non si facciano accecare dalla solita estate scintillante del ragazzo e provvedano presto ad impacchettarlo. Ma sono fiducioso anche perché, oltre che gli acquisti, finora anche le azioni di sfoltimento sono state pressochè impeccabili. Ma, come dicono quelli bravi, ho la sensazione che ‘the best is yet to come’!

Sempre sul mercato delle punte pare che ci siano delle difficoltà per la cessione di Bacca al Marsiglia, vista l’offerta bassa da parte del club transalpino: prima del 31 agosto il colombiano verrà in qualche modo ceduto, magari con una formula stile Bertolacci. Prova ne è la titolarità di Cutrone contro il Bayern. Se il ragazzo verrà confermato al centro dell’attacco rossonero a Craiova o anche se verrà rischiato un Andrè Silva in ritardo di condizione, significherà definitivamente che Carlos è in procinto di lasciare la compagnia.

E non è detto che l’affare Kalinic,che sembrava in dirittura di arrivo, vada in porto in tempi brevi. A mio parere la richiesta della Viola, pur in un contesto di mercato ipertrofico, è alta rispetto al valore e all’anagrafe del calciatore. Ed è corretto aspettare per capire se il prezzo si possa abbassare raggiungendo un livello più consono. Kalinic non è un giocatore che sposta gli equilibri, ma si tratta comunque di un attaccante dalla spiccata intelligenza tattica che fa giocare molto bene chi gli gira attorno (chiedere ad Ilicic stagione 2015/2016 per conferma).

Nota rapidissima su Milan – Bayern di sabato scorso: tralascio il commento generale sulla partita visto che vi siete/ci siamo già sbizzarriti. Però voglio esprimere tutta la mia gioia per il primo gol rossonero del mio pallino-pupillo Calhanoglu. Avanti così Hakan! Ti lovvo più che mai!

Chiudo con una nota sui biglietti per Milan – Craiova del 3 agosto: mi aspettavo francamente una politica di prezzi più ‘popolari’. 20 Euro per le curve e 35 Euro per il rettilineo mi paiono eccessivi visto il periodo agostano, l’avversario, il livello della competizione e la possibilità (tutti gli scongiuri sono autorizzati) che si tratti di un turno di qualificazione già ipotecato nella partita in terra romena. Inoltre il messaggio mi pare contraddittorio rispetto al forte orientamento verso i tifosi che la nuova dirigenza ha dimostrato fin dal proprio insediamento. Se dovessi fare una previsione, direi  che il numero di presenze sarà comunque interessante considerando avversario e data. Ma una politica di prezzo maggiormente incentivante non sarebbe stata una cattiva idea.

FORZA VECCHIO CUORE ROSSONERO

Raoul Duke

Tags: ,

Categoria: Mondo Milan, News

Sull'autore ()

Milanista dalla nascita, primo ricordo Milan-Steaua del 1989 e prima volta nella fu Curva Sud in occasione di un derby di Coppa Italia vinto 5-0. Affezionatissimo al Milan di Ancelotti nonostante tutto e fiero delle proprie scorribande in Italia e in Europa al seguito della squadra fino al 2005, anno in cui tutto è cambiato. DAI NAVIGLI ALLA MARTESANA, DA LORETO A TICINESE, TRADIZIONE ROSSONERA, TRADIZIONE MILANESE!