Compito in classe: dettato

17 novembre 2016 | Di | Rispondi Di più

dettatoa-27-02-13Un giorno qualunque di una settimana qualunque, in attesa del closing. Ore 12, il lungo naso di Pippo Sapienza fece capolino nella sala stampa del centro sportivo di Milanello. Dopo qualche secondo…oltre al naso entrò lo stesso Sapienza, proprietario della proboscide di cui sopra, seguito dall’ecumenico Vittorio Mentana, discreto amico muto. Di costui nessuno conosce la voce, un collaboratore silenzioso da una vita. Sapienza guardò la sala stampa gremita di pagliacci, buffoni, ruffiani, mangiapane a tradimento, fancazzisti, menestrelli, giullari, servi, collaborazionisti, affamati, morti di fame e analfabeti vari…e dopo un lungo sospiro iniziò a parlare:

“Allora, signori, qui si mette di merda! Se non lo avete ancora capito, qui tira una brutta aria…, pensavo in cuor mio che un giorno del genere non sarebbe mai venuto, ma purtroppo non immaginavo che un gruppo di misteriosi e fottuti musi gialli ci avrebbe stampato un calcio nel culo e ci avrebbe fatto tornare in mezzo ad una strada! Qui siamo tutti sulla stessa barca, qui siamo tutti con l’acqua e la merda che sta per arrivare all’altezza dei baffi; voi siete venuti in massa convinti che c’era il solito buffet da sbranare, siete venuti tutti (mai un assente) con le buste per portarvi a casa gli avanzi e mettere in tavola la cena. Beh…vi siete sbagliati! I viveri sono razionati fino ad ordine contrario, nessuno potrà nutrirsi a sbafo senza prima aver fatto il proprio dovere, quel dovere per cui da decenni vi teniamo con il guinzaglio e la museruola per un misero piatto di pastone. Non vi darò nemmeno Eukanuba, non vi darò più un cazzo se non vi date una svegliata! Lo volete capire o no che presto finirete con un pugno di riso a testa alla settimana?”

Dalla sala si udirono latrati di disperazione, alcuni si accasciarono al suolo, altri piangevano disperati, altri ancora guardavano i corpi degli svenuti per spogliarli e magari abbandonarsi ad atti di cannibalismo. Poi, il più anziano degli astanti urlò a gran voce:”Comandante che dobbiamo fare?” Il silenzio pervase la sala, Mentana traduceva a gesti per i sordomuti ed i rincoglioniti. Sapienza mise il dito sulla bocca e tutti tacquero. Riprese a parlare:

“Bene, vedo che alcuni sono svenuti… Pretoriani! Prendete i corpi e buttateli ai cani! Oggi uscirete da qui solo dopo aver fatto un compito, un compito in classe, il dettato! Il vostro padrone è in collera, nessuno lo vuole, nessuno lo cerca, non c’è nemmeno un posto di Amministratore Delegato nell’Ischia Calcio! Le grandi squadre europee non vogliono scomparire dal calcio, non vogliono che il loro stadio si svuoti, non vogliono un dirigente che passi il tempo ad abbuffarsi e la Lega ha fatto capire che è contraria! Si la Lega, la Lega per la protezione del barbagianni dallo sterminio. Capite che la situazione è grave? Nell’ultima settimana due procuratori si sono suicidati e un altro minaccia di buttarsi dal sesto piano con uno stivaletto di ramarro intruppato. A Forte dei Marmi e ad Ibiza i ristoranti chiudono. Nonostante controlliamo la stampa, cioè voi, alcuni hanno scoperto segreti che tenevamo nascosti e da anni. Hanno scoperto che abbiamo buttato migliaia di milioni di euro strapagando morti, sciancati, stramorti, cazzoni, bigodinati, mesciati, tatuati, salme, mummie, cadaveri in avanzato stato di decomposizione senza vincere un cazzo! Abbiamo fatto affari con il salsicciaro per 250 milioni di euro, senza portare un solo giocatore decente, fino ad uno stupido e stordito giapponese! Come è stato possibile che si sono accorti di questo?

Come hanno scoperto che abbiamo fatturato un miliardo negli ultimi 5 anni e abbiamo una squadra di merda? Come è potuto succedere che hanno capito che abbiamo fatto mercato con i procuratori che ci hanno passato giocatori di merda? Chi ha parlato? Chi ha riferito a questa gente che paghiamo lo stipendio a giocatori per farli giocare altrove? Cioè questi…hanno addirittura scoperto che abbiamo dismesso dei giocatori pur di levarceli dai coglioni! Se scopro chi ha parlato lo faccio frustare e scuoiare! Sanno tutto, sanno anche che siamo scomparsi dal ranking, che non facciamo più le coppe, che non possiamo contrastare l’Empoli in casa! Che cazzo vi paghiamo a fare? Che cazzo fate giornate intere oltre a ingozzarvi a sbafo?

Questi addirittura sanno che in estate e a gennaio facciamo mercati ridicoli con prestiti che non paghiamo per riscattarli, che abbiamo buttato 130 milioni in due anni e gioca solo Romagnoli! Chi ha spifferato che abbiamo buttato oltre 80 milioni di euro per riempire le tasche di Flaminì e Mexes, due scarponi inutili? E che mi dite di Emerson, Essien e Bertolacci? Sanno che sono sepolti a Milanello! Eppure a Milan Channel dicono che è tutto bello, tutto meraviglioso con una banda di scemi che scrivono messaggi a comando, ma le verità sono uscite fuori!Il vostro padrone vi sta chiedendo di onorarlo, vi sta chiedendo fedeltà ed obbedienza, vi sta chiedendo di dare un senso alla vostra inutile e pidocchiosa esistenza! Siete pronti?”

Tutti urlarono battento i tacchi: “SISSIGNORE!”

“Allora prendete la penna e scrivete: “L’AD alla parte sportiva è un apostolo! Da anni segue migliaia di giocatori, lo fa dal ristorante, ma li segue tutti. Ha comprato da solo tutti i più grandi campioni, pagandoli il giusto e anche meno. Ha scoperto Donnarumma e questo lo dovete scrivere tutti i giorni! Scrivete che il Milan non può fare a meno di lui, che nessuno ha governato bene una società di calcio come lui. L’AD va a Madrid senza appuntamento e trova sempre aperto, ha salvato Traorè mentre scappava da un campo di prigionia dei Tuzi in guerra con gli Hutu. Lui ha messo la proboscide di Constant perpendicolare all’asse terrestre, portando al Milan il Formichiere Oscuro! Il nostro Ad ha scoperto un campione universale come Montolivo, un essere superiore che si oppone alla cattiveria dei social! Zapata lo ha preferito a Borca Valero e Rodriguez, liberando gli spagnoli da una grandissima pippa e rendendoli felici! Insomma, dovete scrive che il nostro AD è un essere grandioso! Il primo di voi che sgarra lo faccio morire di fame e gli faccio scrivere commenti pro AD sul Night! Se da qui al closing non leggo un articolo servile e ruffiano al giorno sarete fustigati duramente! Ogni mattina leggerò tutto e se non leggo quello che vi ho appena dettato, manderò i pretoriani! Il sabato specialmente voglio leggere che è colpa dei tastieristi e che Cissokhò aveva i denti storti montati al contrario! Anche se il sabato sono tranquillo, anzi il sabato facciamo anche melina, spacchiamo i coglioni ai lettori che il derby d’Italia non è Inter-Juventus!

Adesso levatevi dai coglioni e andate a scrivere il dettato sui vostri giornali buoni per il culo. L’Ad deve essere idolatrato, voglio leggere di coglioni rincretiniti che ci credono e lo osannano! Prendete a calci nel culo i 4 abbonati a Milan TV e obbligateli a scrivere sms ancora più stupidi. Impossibile? Nulla è impossibile, con certi cretini si arriva a livelli impensabili. Prendete dei figuranti e fateli piangere in diretta, portateli davanti a Casa Milan e fateli suicidare per il dolore. Chiamate tutti i giocatori falliti del passato, gli inutili, quelli che ancora deambulano e obbligateli a dire che il nostro Sanctissimo ac Reverendissimo AD deve continuare a regnare fino alla fine del mondo e anche oltre! La sera aprite qualche canile televisivo e abbaiate più che potete, fatevi uscire la bava, rantolate e rotolatevi per terra. Fatevi crescere i peli ed ululate alla luna, alle stelle, ai pianeti e alle antenne televisive del nostro Padrone!”

Adesso reciteremo un Te Deum e poi ci ritireremo. Voi andate ad idolatrare il vostro padrone e sappiate che sarete tutti giudicati. Scrivete tutti i giorni che il nostro AD lascia un patrimonio in giocatori di…

200 MILIONI

Gianclint

Tags: ,

Categoria: Giornalisti, Sermoni

Sull'autore ()

Il mio primo ricordo furono i pianti per una sconfitta in finale con il Magdeburgo.. Rivera e Chiarugi erano i miei idoli, ma ho amato anche Wilkins ed Hateley. Per il Milan di Sacchi avrei lasciato tutto e tutti. Rimane per me la pietra di paragone. Scrivo di getto come Mozart, odio i servi, i ruffiani e i leccaculo. Scrivo per il gusto di farlo e potrei dare lezione alla maggior parte dei giornalisti al seguito del Milan, incapaci di scrivere qualcosa di accattivante e vero. Detesto chi scrive e annoia e lo fa solo per ingraziarsi qualcuno. Disprezzo fanatici e cretini. Ragiono con la mia testa e del risultato me ne frego; chi gioca bene vince due volte.