Chi compra Adriano è un idiota

27 dicembre 2016 | Di | Rispondi Di più

Lo Spartak Mosca resta deciso su Luiz Adriano e avrebbe preparato un’offerta da proporre ai rossoneri per gennaio. Dalla Russia, i colleghi di Sport Express affermano che il club moscovita avrebbe pronti 4 milioni di euro per strappare il “sì” del Milan per lasciar partire l’attaccante. Il brasiliano, ormai ai margini del progetto tecnico di Montella, si appresterebbe a lasciare il capoluogo lombardo dopo un anno e mezzo.

Dimitrij Seljuk, rinomato agente russo che cura gli interessi di tanti giocatori in Europa, ai microfoni di Championat.com ha voluto dire la sua sulle voci di mercato che vorrebbero Luiz Adriano, attaccante del Milan, ad un passo dallo Spartak campione d’inverno in Russia. Secondo le parole del procuratore, si tratta di una trattativa di mercato inutile e senza alcun senso: “Non credo che una trattativa di mercato così stupida possa andare a buon fine. Solo un idiota potrebbe comprare Luiz Adriano dal Milan. Oppure una persona corrotta. Lo conosco da molto tempo, c’è un motivo se il suo ex club lo ha venduto per soli 8 milioni di euro. Allo Šachtar c’erano tanti brasiliani che lavoravano con lui. L’unico suo pregio è la velocità. Lo Spartak predilige il dominio in campo, ma con questo giocatore butterebbe solo soldi al vento. Davvero lo Spartak ha bisogno di un giocatore che giocherà al massimo 120 minuti in tutta la stagione senza fare un goal o un assist? Fedun dovrebbe fare attenzione non all’ingaggio del giocatore ma a chi gli propone elementi del genere. Con questa gente è meglio non averci a che fare“.

Eccoci qua, siamo all’epilogo dell’ennesimo rottame stramorto comprato dal Condorasino, con 8 milioni sborsati per avere il cartellino immediatamente di questo cadavere e 6 milioni di provvigioni da dare ai vari intermediari per assicurarsi i servigi di questo cazzone inutile. A questo aggiungasi i 3,5 milioni di euro netti, 7 lordi, per pagare l’ingaggio di una pippa. Eh sì perché lo score di 3 gol in quasi due stagioni è lo score di una pippa. Ora, se gli idioti dello Spartak lo dovessero comprare, ci darebbero 4 miseri milioni (che sono oggettivamente tanti se consideriamo questo mezzo giocatore), ma sapete come finirà? Finirà che si parlerà di tesoretto, il solito tesoretto che fa arrapare i servi della sala stampa, i quali da domani gireranno con la patta dei pantaloni inarcata a missile verso l’alto. Il tesoretto ottenuto con il risparmio sull’ingaggio del giocatore…

Anzi, vi dirò di più, domani uscirà che lo Spartak lo ha scoperto Rocco Maiorino, il nuovo astro nascente del mercato mondiale! Per anni abbiamo avuto il presunto re del mercato, ma domani vedrete che avremo l’erede alla corona. Del resto a questo qui bisogna trovare qualcosa da fare e allora tutto è merito suo. Per esaltare questo illustre sconosciuto, fino ad oggi maggiordomo e uomo di fatica del divino Delegatodifantomas, si è cambiata perfino la storia degli accadimenti; infatti gira la favoletta che Suso sia arrivato a parametro zero perché fa fico vantarsi di aver preso finalmente un parametro zero che vale qualcosa, dopo oltre un lustro di cazzoni, sciancati, puttanieri, mignottari, piloti da strapazzo, morti, stramorti, cadaveri, rottami, bidoni, mummie, mesciati, crestati e bigodinati che non sono serviti oggettivamente ad un cazzo, solo a gettare vergogna e sudiciume sul crepuscolo di una società. Eppure…

I rossoneri verseranno un piccolo indennizzo al Liverpool. Dopo Alessio Cerci, il Milan è pronto ad assestare un altro colpo per il mercato invernale. I rossoneri infatti hanno già bloccato il fantasista Suso per l’estate, in scadenza di contratto, ma lo spagnolo sarà da subito un elemento della rosa di Inzaghi: secondo quanto raccolto dalla redazione di Calcionews24.com, il Milan verserà un piccolo indennizzo al Liverpool, circa 1 milione di euro, per prelevare subito il cartellino del calciatore. Suso, jolly del centrocampo, verrà utilizzato come mezzala.

Ma va? Certo, rimane sempre un super affare, ma non è tecnicamente un parametro zero. E tutti i giovani che Rocco Maiorino ha venduto ricavando un piatto di lenticchie? Niente, tutto passa in cavalleria. Giornalismo da quattro soldi, giornalismo in mano ad un manipolo di mangiapane a tradimento, guitti prezzolati che sperano nel privilegio servendo e leccando. Fanno schifo.

Gianclint

 

Tags: ,

Categoria: Calciomercato, Giornalisti

Sull'autore ()

Il mio primo ricordo furono i pianti per una sconfitta in finale con il Magdeburgo.. Rivera e Chiarugi erano i miei idoli, ma ho amato anche Wilkins ed Hateley. Per il Milan di Sacchi avrei lasciato tutto e tutti. Rimane per me la pietra di paragone. Scrivo di getto come Mozart, odio i servi, i ruffiani e i leccaculo. Scrivo per il gusto di farlo e potrei dare lezione alla maggior parte dei giornalisti al seguito del Milan, incapaci di scrivere qualcosa di accattivante e vero. Detesto chi scrive e annoia e lo fa solo per ingraziarsi qualcuno. Disprezzo fanatici e cretini. Ragiono con la mia testa e del risultato me ne frego; chi gioca bene vince due volte.